Nuovi colori delle regioni e comuni in zona rossa: l'elenco valido dall'8 febbraio 2021 - Magazine

Nuovi colori delle regioni e comuni in zona rossa: l'elenco valido dall'8 febbraio 2021

Attualità Magazine Domenica 7 febbraio 2021

Magazine - Da lunedì 8 febbraio 2021 tornano a cambiare i colori delle regioni in base al rischio di contagio da Covid-19. Gran parte dell'Italia è in zona gialla, ma questo non deve trarre in inganno, perché - nonostante l'Rt sia inferiore a 1 per la terza settimana consecutiva (0,84 la media nazionale) - sono ben 13 le regioni in cui si è registrato un aumento dei contagi da Covid-19, secondo il monitoraggio settimanale del Ministero della Salute (dati relativi alla settimana dal 25 al 31 gennaio 2021). E a destare le maggiori preoccupazioni sono le cosiddette varianti brasiliana e inglese del Covid-19, registrate soprattutto in diverse zone del centro Italia: per questo motivo da questa settimana, oltre agli ormai abituali colori delle regioni, vengono introdotte mini zone rosse circoscritte a comuni o province.

Ma vediamo cosa cambia nella mappa cromatica dell'Italia da lunedì 8 febbraio 2021: il già nutrito elenco delle regioni in zona gialla nella prima settimana di febbraio 2021 si arricchisce di una nuova entrata, la Sardegna, che viene promossa da regione a rischio alto a regione a rischio moderato. Il colore predominante resta dunque il giallo: nessuna regione è interamente zona rossa, mentre le uniche zone arancioni sono Sicilia, Puglia, provincia autonoma di Bolzano (che però si è autoimposta un lockdown di 3 settimane ben più restrittivo di quanto previsto per la zona arancione) e Umbria.

Proprio l'Umbria si contraddistingue per un arancione costellato di piccole zone rosse, con l'intera provincia di Perugia e diversi comuni della provincia di Terni in lockdown; stesso discorso per il Molise (con 28 comuni in zona rossa) e, in misura minore, per alcune località di Abruzzo, Toscana e Sicilia. Di seguito il nuovo elenco dei colori delle regioni valido da lunedì 8 febbraio 2021 e dei comuni e delle province in zona rossa.

  • Regioni in zona rossa: nessuna regione
  • Regioni in zona arancione: provincia autonoma di Bolzano, Umbria, Puglia e Sicilia
  • Regioni in zona gialla: Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, provincia autonoma di Trento, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna
  • Comuni/province in zona rossa: provincia di Perugia e comuni di Amelia, Attigliano, Calvi dell'Umbria, Lugnano in Teverina, Montegabbione e San Venanzo (Umbria); comune di Chiusi (Toscana); comune di Tocco da Casauria (Abruzzo); comuni di Campomarino, Termoli, Acquaviva Collecroce, Casacalenda, Castelmauro, Civitacampomarano, Colletorto, Guardialfiera, Guglionesi, Larino, Mafalda, Montecilfone, Montefalcone del Sannio, Montemitro, Montenero di Bisaccia, Montorio nei Frentani, Palata, Petacciato, Portocannone, Ripabottoni, Rotello, San Felice del Molise, San Giacomo degli Schiavoni, San Giuliano di Puglia, San Martino in Pensilis, Santa Croce di Magliano, Tavenna e Ururi (Molise); comune di Tortorici (Sicilia) 

Cosa si può fare e cosa è vietato nelle zone rossa, arancione e gialla? Fermo restando che è vietato spostarsi tra regioni diverse indipendentemente dai colori (almeno) fino al 15 febbraio 2021, restano valide le regole stabilite dal Dpcm del 15 gennaio 2021. Riassumendo: divieto di spostamenti anche all'interno del proprio comune nelle regioni rosse, unitamente a chiusura di scuole, negozi e ristoranti; divieto di spostamenti fuori dal proprio comune (ma si può liberamente uscire entro i confini comunali) nelle regioni arancioni, con apertura di negozi e scuole, ma ristoranti chiusi se non per asporto e consegna a domicilio; libertà di circolazione su tutto il territorio nelle regioni gialle, con obbligo sempre di rispettare il coprifuoco. Detto questo, ci sono poi le ormai note deroghe per praticare attività sportiva o motoria fuori dal proprio comune o per raggiungere le seconde case fuori regione.