Il Coronavirus mette in crisi lo spettacolo dal vivo: Agis a Franceschini «aprire stato di crisi del settore» - Magazine

Il Coronavirus mette in crisi lo spettacolo dal vivo: Agis a Franceschini «aprire stato di crisi del settore»

Teatro Magazine Martedì 25 febbraio 2020

Magazine - Il Coronavirus e le misure adottate per contenerlo stanno mettendo in difficoltà diversi settori dell'economia. Uno di questi è indubbiamente quello dello spettacolo dal vivo: i teatri e le sale concerti chiuse a causa delle ordinanze emanate dalle diverse regioni del Nord Italia, stanno infatti rendendo difficile la situazione delle imprese correlate.

Per questo motivo nella giornata di lunedì 24 febbraio Agis (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo) e Federvivo hanno inviato una lettera al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, chiedendo l'apertura di uno stato di crisi del settore dello spettacolo dal vivo.

Stato di crisi per lo spettacolo dal vivo

Così scrivono le associazioni nella nota: «Condividendo, animati da un grande senso di responsabilità, ogni decisione a tutela della salute dei cittadini, Agis e Federvivo non possono esimersi dal sottolineare – si legge nella lettera – le gravissime difficoltà che già in questa fase sta subendo l’intero comparto. Il blocco di ogni attività di spettacolo nelle regioni del Nord Italia sta generando infatti un impatto economico estremamente negativo, tanto per il crollo dei ricavi da bigliettazione quanto per la drastica riduzione delle paghe degli addetti del settore. Per questa serie di ragioni Agis e Federvivo ribadiscono la necessità di un intervento urgente a favore del settore, con lo stanziamento di adeguate risorse e con l’adozione di provvedimenti normativi che evitino qualsiasi penalizzazione nei confronti dei soggetti finanziati dal Fus. Agis e Federvivo ribadiscono la piena disponibilità ad ogni tipo di interlocuzione con il Governo nella certezza che si potranno individuare soluzioni che contengano l’impatto negativo sulle imprese di spettacolo».

Potrebbe interessarti anche: , Zelig Covid Edition: oltre 300 artisti in streaming con raccolta fondi per lo spettacolo , Netflix: i 3 film da vedere a casa ai tempi del Coronavirus , Il Coronavirus ferma le soap opera: da Beautiful al Posto al sole stop alle riprese , Coronavirus, fare teatro nonostante la chiusura: chi, come, dove , Rimborso biglietti per eventi annullati? Meglio rinunciare: #iorinuncioalrimborso

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!