Concerti Magazine Venerdì 1 febbraio 2019

Sanremo 2019: Nino D'Angelo e Livio Cori con Un'altra luce. Testo e pagella

© facebook/Nino d'Angelo e Livio Cori

Magazine - Nino D’Angelo e Livio Cori - Un’altra luce (N. D’Angelo-L. Cori-F. Fogliano-M. Dagani-M. M.  G. Fracchiolla-L. Cori)

Un tempo il regolamento del Festival imponeva che le canzoni fossero “in lingua italiana” (pratica per la verità più volte trasgredita, per esempio da Davide van De Sfroos), con l’eccezione del napoletano, considerata la “lingua della canzone” per eccellenza. Niente da dire quindi sulla scelta, ovvia, di Nino D’Angelo (61, al sesto Sanremo) con una canzone che per la verità alterna il dialetto all’italiano nello stesso enunciato (code mixing: “Je te veco accussì / luce nel tuo sorriso”) o in frasi autonome successive (code switching: “tu assumiglie a me / tu assomigli a me”, con autotraduzione). Lo si deve anche alla presenza in coppia del giovane (28) rapper partenopeo Livio Cori (che sia lui che si cela, incappucciato, sotto lo pseudonimo di Liberato?). Quanto alla qualità del testo (“mai nessuno ha mai capito come / scaldarmi quanto il sole / ma tu sicuro sai illuminarmi dove / l’ombra raffredda il cuore / famme vedé addò arriva sta luce famme vedé), c’è chi si accontenta. Autotune nella versione ascoltata dalla stampa specializzata. Il duo diventarà un trio (anzi, di più) con i Sottotono.

Voto: 5 

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me
Tu assumiglie a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te
Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire


Qui sopra potete leggere la valutazione linguistica sui testi delle canzoni in gara a Sanremo 2019 di Lorenzo Coveri, professore di linguistica italiana all'Università di Genova, che si è occupato a più riprese del Festival.

Ricordiamo che la valutazione riguarda esclusivamente la parte linguistica. Un giudizio più motivato potrà essere dato solo dopo aver ascoltato la musica e assistito all’interpretazione dal vivo.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour