Pietre d'inciampo 2020 a Torino: la cerimonia per le nuove installazioni

Pietre d'inciampo 2020 a Torino: la cerimonia per le nuove installazioni

Cultura Torino Giovedì 9 gennaio 2020

Torino - Per il sesto anno consecutivo, anche in questo 2020 Torino accoglierà Gunter Demnig, artista tedesco ideatore delle cosiddette pietre d’inciampo, le Stolpersteine che costellano vie e lastricati della città ricordando i luoghi dove furono rapite le vittime della deportazione nazista e fascista.

Saranno 6 le nuove pietre installate, numero che farà salire a 114 il totale di pietre d’inciampo presenti a Torino. L’installazione 2020, un progetto europeo, è supportata come sempre dal Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà di Torino in collaborazione con la Comunità Ebraica di Torino, l’Associazione Nazionale Ex Deportati (Aned), sezione Torino, e il Goethe Institut Turin.

Nate per ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista, le pietre d’inciampo sonopiccole targhe di ottone incastonate su cubetti di cemento che vengono incassati nel selciato di fronte all’ultima abitazione scelta liberamente dalla vittima. Ogni targa riporta «Qui abitava…», il nome della vittima, data e luogo di nascita e di morte/scomparsa. In tutta Europa sono state posate più di 72mila pietre.

La cerimonia per le installazioni 2020

Le nuove pietre d’inciampo di Torino saranno installate martedì 14 gennaio 2020, dalle ore 9.30 alle 12. Saranno posizionate 6 pietre in 4 luoghi. Alle ore 11 in via Piazzi 3, in occasione dell’installazione della pietra dedicata ad Alessandro Colombo, Wanda Debora Foà, Elena Colombo, avrà luogo la cerimonia pubblica alla presenza delle istituzioni e degli enti promotori.

Come gli scorsi anni, gli studenti di 9 istituti scolastici torinesi di ogni ordine e grado sono stati coinvolti attivamente in un percorso didattico realizzato dal Museo in collaborazione con l’Istoreto (Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti”), l’ANCR (Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza) e la Rete Italiana di Cultura Popolare, la cui conclusione è prevista nel mese di febbraio, con la realizzazione di eventi pubblici al Polo del ’900. Per questa edizione il percorso didattico ha il sostegno del Polo del ’900 come progetto integrato di didattica.

Nel corso degli anni, i cittadini hanno dato prova di crescente interesse per un’iniziativa di alto valore storico e morale che si avvale di un processo partecipativo e costituisce una vera e propria azione di public history: le attività educative e di coinvolgimento della cittadinanza sono volte a favorire la conoscenza del territorio urbano e ad accrescere la consapevolezza su eventi storici significanti tramite processi di produzione di saperi “dal basso” in un quadro di provato rigore storico.

Verso il Giorno della Memoria 2020

Il Museo, che dal 2015 gestisce lo Sportello Pietre d’inciampo, cura il dialogo con le persone che richiedono l’installazione di pietre o manifestano interesse per il progetto e le sue finalità. Negli anni si sono rivolte al Museo realtà di altre città, piemontesi e non solo, per ottenere indicazioni e suggerimenti su come far installare le pietre di Inciampo nel proprio territorio; un’attenzione che conferma come il progetto Pietre d’inciampo Torino sia ormai considerato un modello di riferimento e di sostegno per la diffusione delle pietre d’inciampo in Italia.

Con le pose di martedì 14 gennaio si apre ufficialmente il programma del Polo del ’900 e dei suoi enti partner per ilGiorno della Memoria2020 – sostenuto dal Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio Regionale del Piemonte – che terminerà il 6 febbraio.

Alla pagina del Museo dedicata alle pietre d’inciampo è possibile visualizzare la geolocalizzazione delle pietre sulla mappa territorio cittadino di Torino, insieme alla storia delle persone cui sono dedicate le pietre e alla loro biografia. Per richiedere una pietra o per ricevere maggiori informazioni sul progetto è possibile contattare il numero 011 01120788 o scrivere una mail.

Potrebbe interessarti anche: , 183 escursioni gratuite nel Parco del Gran Paradiso: un'estate sulle Alpi , Grand Tour: tra il Piemonte e la Valle d'Aosta alla scoperta del barocco , Giornate Fai di Primavera 2020 rinviate anche a Torino e in Piemonte , Il Politecnico di Torino su Topolino per raccontare le donne nella scienza , Mina: 80 anni celebrati a Torino con una rassegna e un convegno internazionale

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.