Torino Spiritualità 2019: da Dario Argento a Neri Marcorè. Programma e biglietti

Torino Spiritualità 2019: da Dario Argento a Neri Marcorè. Programma e biglietti

Cultura Torino Giovedì 26 settembre 2019

© Pixabay

Torino - Torino Spiritualità dedica la sua XV edizione alle dimensioni della notte, ai colori del buio, alle sfumature dell’ombra e all’ora della veglia. È Ad infinita notte, dal 26 al 29 settembre, quattro giorni per crescere insieme attraverso l’incrocio di fedi, culture e religioni.

Il buio è esplorato come scrigno di miti, narrazioni e sogni: un forziere di fascinazioni e misteri che da sempre seducono il cuore di uomini e donne. L’ombra, in bilico tra inquietudini e spaesamento, è affrontata in quanto metafora per eccellenza di ciò che si sottrae alla conoscenza e alla comprensione, e per questo incute timore. La veglia è invece indagata come momento di rivelazione e presa di coscienza: cosa fare per arginare il buio e il sonno della ragione?

Il festival entra nel vivo giovedì 26 settembre con la grande inaugurazione, come da tradizione nella Chiesa di San Filippo Neri. Alle ore 18.30 un inedito dialogo apre Torino Spiritualità: il confronto è tra il priore della Comunità di Bose Luciano Manicardi e il maestro del cinema horror Dario Argento. Con il curatore della rassegna Armando Buonaiuto i due ospiti prendono spunto dal potente monito del Salmo 90, Non temerai i terrori della notte, per avventurarsi nel regno delle paure: quelle reali e quelle sognate, quelle incontrollabili e quelle che siamo riusciti a dissolvere, quelle che leggiamo sui volti degli altri e quelle che, del volto degli altri, hanno assunto i lineamenti. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti disponibili, per prenotare è necessaria la Carta Extra.

Alle ore 21.30, sempre giovedì 26 settembre, un doppio appuntamento. Al Teatro Carignano è il talentuoso Neri Marcorè a salire sul palco, accompagnato dalle sonorizzazioni dei Gatto Ciliegia Contro il Grande Freddo, storica band torinese, per leggere da L’avversario, il romanzo-verità di Emmanuel Carrère, pubblicato in Italia da Adelphi. La storia è ambientata nel 1993: in un fine settimana di gennaio il dottor Jean-Claude Romand uccide la moglie, i figli e gli anziani genitori. Poi, con due taniche di benzina, dà fuoco alla casa. Motivo di questa follia, il crollo del castello di menzogne che Ro-mand ha tenuto in piedi per anni, facendo credere ad amici e parenti di es-sere uno stimato medico, di avere conoscenze influenti, di viaggiare tra congressi e università. Una storia vera e quasi incredibile, un’esplorazione lucidissima dei fantasmi che agitano il cuore umano. 

Alla Scuola Holden, nel General Store, è invece Ascanio Celestini a prendere parola in dialogo con il filosofo Simone Regazzoni. L’incontro in collaborazione con Festival delle Migrazioni si intitola Notizie dal margine: periferie, invisibilità e penombra, ore 21.30. Come il buio, che esiste in relazione alla luce, così la periferia esiste in relazione al centro, del quale è il margine più estremo e, quasi sempre, meno illuminato. Nel teatro di narrazione di Ascanio Celestini, però, è proprio questo margine a guadagnare il centro della scena, e accade allora che dai bordi emergano storie di un’umanità altrimenti invisibile. Di queste esistenze periferiche Celestini discute con il filosofo Simone Regazzoni, per lasciare che luce e penombra si scambino di posto. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti disponibili, per prenotare è necessaria la Carta Extra.

La XV edizione di Torino Spiritualità prosegue venerdì 27 settembre, con un palinsesto ricco di occasioni e spunti diversi. Fra i tanti appuntamenti, alle 18.30 al Teatro Gobetti l’attivista per i diritti umani Meir Margalit, tra i massimi esperti del conflitto arabo-israeliano, e il giornalista Domenico Quirico, insieme al collega Matteo Spicuglia, raccontano il dramma di lasciarsi alle spalle le ombre della guerra, la nefasta tentazione delle armi (in collaborazione con Commissariato di Terra Santa del Nord Italia e Ponte di pace Onlus) e le conseguenze di un passato che non passa, diventando orizzonte. Sempre alle 18.30, ma al Teatro Carignano, il fondatore di Bose Enzo Bianchi invita ad una riflessione escatologica sul rapporto fra tenebra e alba nel senso dell’attesa e della speranza.

In serata, alle 21 al Teatro Gobetti, ecco invece la lezione-concerto con il monaco cristiano Guidalberto Bormolini, la monaca induista Svamini Hamsananda Ghiri e il filosofo e studioso di mistica Marco Vannini: un mix di musica rinascimentale e carnatica, di accompagnamento alle letture di Pujadevi sul senso della contemplazione e della veglia quali vie di accesso alla nostra essenza interiore (a cura di Unione induista italiana - Sanatana Dharma Samgha). Alla stessa ora, spostandosi nella Chiesa di Gesù Nazareno, da non perdere l’incontro con il teologo domenicano inglese Timothy Radcliffe, già Maestro generale dell’Ordine Domenicano dal 1992 al 2001, docente di Sacra Scrittura all’Università di Oxford e vivace biblista, che incanterà il pubblico con la narrazione dei misteri affascinanti della notte, quando il tempo sembra sospeso e i confini spariscono: quella stessa notte che, come canta Patti Smith, appartiene agli amanti.

Proseguono inoltre durante la giornata gli appuntamenti della Scuola di Otium: due i laboratori nella Sala Gioco del Circolo dei lettori, alle 10.30 Ascolta, parla la notte, con lo scrittore Eric Minetto, e alle 15 Avventurarsi in un “oscuro” futuro. Immaginare i miei domani (im)possibili, con il formatore Alberto Robiati. Alle 18.30, invece, presso lo Spazio ZeroSei, l’invito è a Chiudere gli occhi e tornare bambini, mentre alle 21, allo Space Lab Art (Cortile del Maglio), l’artista Stefano Faravelli conduce l’atelier La notte nelle mani.

Informazioni sull’ingresso

Gli incontri gratuiti sono a ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili. A partire da un’ora prima dell’inizio dell’evento, davanti ai singoli spazi, viene distribuito un tagliando a persona che consente l’ingresso in sala. Possono prenotare il proprio posto i titolari di Carta Extra.

Per gli eventi a pagamento la biglietteria è al Circolo dei lettori (via Bogino 9, Torino), dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle ore 21 e domenica 29 settembre dalle ore 10 alle ore 19. La biglietteria online è attiva su Vivaticket (per maggiori informazioni 334 1809224).

La Carta Extra permette di prenotare un posto nelle prime file agli eventi gratuiti e di godere di riduzioni sui eventi a pagamento. La Carta Extra si può sottoscrivere al Circolo dei lettori e online sul sito di Torino Spiritualità.

La biglietteria è al Circolo dei lettori (via Bogino 9, Torino) oppure online.

Potrebbe interessarti anche: , 183 escursioni gratuite nel Parco del Gran Paradiso: un'estate sulle Alpi , Grand Tour: tra il Piemonte e la Valle d'Aosta alla scoperta del barocco , Giornate Fai di Primavera 2020 rinviate anche a Torino e in Piemonte , Il Politecnico di Torino su Topolino per raccontare le donne nella scienza , Mina: 80 anni celebrati a Torino con una rassegna e un convegno internazionale

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.