Scuole in Liguria, ecco il piano: tampone, caso sospetto, ambulatori e numero verde - Genova

Scuole in Liguria, ecco il piano: tampone, caso sospetto, ambulatori e numero verde

Attualità Genova Domenica 13 settembre 2020

Scuola
© Pixabay

Genova - Lunedì 14 settembre 2020 è il giorno della riapertura delle scuole in Liguria (anche se in diversi comuni e in provincia di La Spezia è già slittata per l'aumento dei casi). È stato presentato nella mattinata dell'11 settembre, da Regione Liguria, il piano sanitario per il ritorno in aula, con tutte le indicazioni operative per gestire i possibili casi di coronavirus tra bambini e ragazzi fino all’età di 19 anni e tra il personale scolastico.

Punto centrale del piano è l’ospedale Gaslini di Genova, che non solo ha elaborato il modello operativo, ma è il punto di riferimento per tutta la Liguria in termini di cure e organizzazione. Il piano messo a punto da Regione Liguria, attraverso Alisa, prevede un’organizzazione a rete che coinvolge: l’Istituto Gaslini quale riferimento sul territorio e le divisioni di pediatria di ciascuna Asl, i Dipartimenti di prevenzione e le Direzioni sociosanitarie di ciascuna Asl.

Secondo quanto è spiegato nel piano regionale per le scuole definito da Alisa, si definisce un "caso sospetto pediatrico" quando si presenta un bambino/adolescente con febbre superiore a 37,5 oppure con sintomi respiratori (tosse, faringodinia, rinorrea, dispnea) oppure con sintomi gastroenterici (vomito e diarrea). Dopo il piano del trasporto pubblico, ecco in singoli punti quello della scuola, con le linee guida su come comportarsi in caso di positività o sintomi e i servizi messi in atto per la riapertura.

Liguria: segnalazione caso sospetto, chi contattare e tampone

Sempre secondo quanto prevede il piano, «ogniqualvolta il genitore direttamente o tramite un operatore del servizio educativo dell’infanzia (scuola/asilo nido) rilevi nel proprio figlio la sintomatologia definita per "caso sospetto pediatrico", deve contattare il proprio Pediatra o Medico di famiglia. Allo stesso modo, l’operatore scolastico che presenta tale sintomatologia, deve contattare il proprio medico di famiglia».

A quel punto «il Pediatra o Medico di famiglia valuta le informazioni che gli vengono fornite e qualora confermi la necessità di diagnosi (tampone) per sospetto Covid-19, invita la famiglia/l’operatore scolastico a recarsi all’ambulatorio di riferimento per l’esecuzione del tampone.

La famiglia riceve telefonicamente data, ora e luogo dell’appuntamento. Sono, invece. inviati al Pronto soccorso i quadri clinici ritenuti severi, in particolare riguardo alla fascia di età 0-3 anni».

Ambulatori per i tamponi in Liguria dedicati alle scuole

L’ambulatorio infermieristico è dedicato a esclusiva attività per la popolazione scolastica e prevede la supervisione del pediatra ospedaliero dell’unità di riferimento. È accessibile solo su richiesta del Pediatra o Medico di famiglia. Ciascuna Asl, in relazione al proprio modello organizzativo, individua la sede presso la quale vengono eseguiti i tamponi. Nel dettaglio:

Asl 1 (attivazione ambulatorio a partire dal 15 settembre):

  • Ventimiglia, Via Tenda Roverino (presso sede Protezione civile) da lunedì a sabato, dalle 8.30 alle 11;
  • Sanremo Palafiori - Distretto Corso Garibaldi 1, da lunedì a sabato, dalle 7.30 alle 11 e dalle 14 alle 16;
  • Imperia, Molo San Lazzaro, da lunedì a sabato, dalle 7.30 alle 11. 

Asl 2:

  • Albenga, tenda protezione civile, ospedale Albenga, vicino al punto di primo intervento;
  • Val Bormida: tenda presso Distretto delle Bormide, Via del Collegio 8, Carcare;
  • Savona: tenda Protezione civile ospedale San Paolo (parcheggio fronte entrata magazzini economali).

Asl 3:

  • Ambulatorio Istituto Gaslini, piazzale Ospedale di Giorno - padiglione 20.

Asl 4:

  • Postazione amministrativa: Ospedale di Lavagna, via Don Bobbio, 25 (sede Office presso centrale Gsat);
  • Postazione esecuzione tamponi: Drive Through ingresso Ospedale Lavagna.

Asl 5:

  • 1. Sede Ospedale Militare “Falcomata” Distretto 18 ASL5, via Nicolò Fieschi 16-18 - La Spezia;
  • 2. Sede di Luni Distretto 19 ASL5, Via Madonnina 101 - Luni (SP);
  • 3. Sede di Brugnato Distretto 17 ASL5, via Caduti di Nassiriya - Brugnato (SP);
  • 4. Ambulatorio di Strada - Camper Itinerante (su prenotazione SPD)

Risultato del tampone: come viene comunicato alla famiglia

Il laboratorio di riferimento inserisce nei flussi regionali il risultato di ciascun test, di norma, entro le 24 ore successive all’esecuzione. Il risultato del tampone, viene indirizzato al Dipartimento di Prevenzione della ASL, al Pediatra/Medico di famiglia (comunicazione al genitore/operatore scolastico).

In caso di test negativo è prevista la presa in carico clinica del paziente da parte del Pediatra/Medico di famiglia.

In caso di test positivo, invece, il paziente viene preso in carico secondo i protocolli vigenti. Il Dipartimento di prevenzione mette in atto per le azioni di contacttracing.

Compagni di classe di un caso positivo: quarantena

In riferimento all’osservazione mossa da più parti circa la quarantena per 14 giorni senza tampone per i compagni di classe di un alunno riscontrato positivo, Regione Liguria precisa che si tratta di una misura prevista dalle linee guida nazionali validate dall’Istituto Superiore di Sanità e dal ministero competente.

A fronte di quelle linee guida, Regione Liguria ha predisposto un piano ad hoc, che applica quelle disposizioni e le integra, per facilitare la vita delle famiglie e garantire, grazie all’individuazione dell’Istituto Gaslini come hub regionale, interventi uniformi su tutto il territorio regionale con un’azione di screening tempestiva ed efficace di tutti i casi di bambini nella fascia di età compresa tra 0-19 anni e del personale scolastico con sintomi riconducibili al Covid-19 (febbre oltre 37.5; sintomi respiratori o sintomi gastroenterici).

In particolare, nel caso in cui un bambino venga confermato come caso positivo dopo aver effettuato il tampone, è previsto che i compagni di classe, in quanto contatti stretti individuati dal Dipartimento di prevenzione con le consuete attività di tracciamento, siano posti in quarantena per 14 giorni dalla data dell’ultimo contatto con il caso confermato. Sarà il Dipartimento a decidere la strategia più adatta per attività di screening al personale scolastico e agli alunni, valutando caso per caso. Se ritenuto necessario, su richiesta del pediatra o del medico di medicina generale, sarà possibile effettuare il tampone.

Regione Liguria ha istituito inoltre presso l’Istituto Gaslini un numero verde 800 93 66 60: gli esperti dell’ospedale pediatrico saranno a disposizione sia della famiglia dell’alunno risultato positivo sia delle famiglie dei contatti stretti, tra cui i suoi compagni di classe, proprio per valutare ogni situazione e non lasciare i genitori da soli per il periodo della quarantena, previsto dalle disposizioni nazionali. Le famiglie hanno a disposizione anche la e-mail per ogni chiarimento.

Scuole in Liguria e Coronavirus: il numero verde

Da lunedì 14 settembre è attivo il numero verde (800936660) dedicato esclusivamente alle famiglie degli studenti casi sospetti o confermati o loro contatti di stretti, contattatile da lunedì a venerdì dalle 8 alle 17 (sabato dalle 8 alle 12).

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.