Genova, i primi passi sul nuovo ponte. Toti e Bucci: «Una grande emozione»

Genova, i primi passi sul nuovo ponte. Toti e Bucci: «Una grande emozione»

Attualità Genova Sabato 20 giugno 2020

Genova - Ormai ci siamo. Il nuovo Ponte di Genova, a meno di due anni dal quel terribile 14 agosto 2018, è quasi pronto per l'inaugurazione, prevista a luglio 2020. «Meno di un anno fa, con una straordinaria esplosione, crollava quello che restava del Ponte Morandi e della sua tragedia. Oggi siamo qua e il ponte per Genova San Giorgio è praticamente finito. Venerdì 19 giugno è stata finita la soletta e, per la prima volta, ci camminiamo sopra. È davvero una grande emozione. È la dimostrazione che in Italia, se si vogliono fare, le cose si possono fare e anche straordinariamente bene, come in questo cantiere». Queste le parole del Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti al termine della visita al cantiere del nuovo ponte di Genova sul Polcevera insieme al commissario per la ricostruzione e Sindaco di Genova Marco Bucci.

La prima dedica è stata alle 43 vittime della tragedia del crollo: «I primi 43 passi - continua il Presidente -  li abbiamo fatti pensando a loro. E loro nessuno li dimenticherà. Poi, emozionati, abbiamo pensato che da una grande tragedia siamo stati capaci di rialzarci, più forti di prima. E siamo stati capaci di far sapere al mondo intero chi siamo. Questo è il modello Genova, quello che qualcuno ancora oggi denigra, forse per incapacità o forse per paura, ma che può davvero far ripartire il paese. Grazie al commissario Marco Bucci per averlo rappresentato al meglio e per aver restituito in soli 2 anni il ponte alla città, con una squadra che non ha mai smesso di lavorare nonostante le allerte e il covid e tutte le difficoltà di un cantiere così complesso. Siamo qui oggi per dirvi grazie. Viva l'Italia che non si arrende!».

«È stata una grande emozione - dice il commissario per la ricostruzione e sindaco di Genova Marco Bucci - Il primo pensiero è andato alle 43 vittime e ai loro congiunti che soffrono ancora. Il secondo alla città di Genova e a tutti noi, che finalmente abbiamo di nuovo una viabilità che si merita una città che vuole avere il suo ruolo non solo in Italia ma anche in Europa. Senza contare il grande aiuto che possiamo dare alla mobilità del porto sia in entrata che in uscita, per far sì che le merci possano arrivare qui e raggiungere velocemente, senza intoppi, il Nord Italia, la Svizzera e la Germania. Questo è il nostro obiettivo, e ce la stiamo facendo».

Potrebbe interessarti anche: , Coronavirus Liguria, la nuova ordinanza: novità per bar, teatri e cinema , Genova, la Strada Guido Rossa chiusa tra il 13 e il 14 luglio per il varo della passerella , Sori: la spiaggia diventa a numero chiuso. Da quando e regole , Una cometa sopra Genova e la Liguria: quando e come vedere Neowise , EcoVan Amiu a Recco: il servizio di raccolta mobile dei rifiuti ingombranti

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.