Genova, i bus elettrici partono da Nervi. In servizio da settembre 2019

Genova, i bus elettrici partono da Nervi. In servizio da settembre 2019

Attualità Genova Venerdì 5 aprile 2019

Genova - Da settembre 2019, a Genova Nervi, l’autobus della linea 516 è interamente sostituito con mezzi elettrici (la linea 517 da novembre). Zero emissioni, zero inquinamento, meno rumore e, soprattutto, mezzi leggermente più piccoli (8 metri) e più agili nel traffico. «Questo è un grande traguardo», commenta l'assessore ai Lavori Pubblici del Municipio Levante Federico Bogliolo. I nuovi bus elettrici su cui Amt Genova e il Comune hanno deciso di investire dopo un periodo di sperimentazione finalizzato proprio a capire come avviare la cosiddetta “rivoluzione green” del trasporto pubblico entrano in servizio su tre linee a Genova.

I bus elettrici saranno usati, oltre che per le linee 516 e 517 nel levante genovese, anche per la 518, in servizio all’interno dell’Ospedale San Martino di Genova (da giugno). Questi nuovi mezzi elettrici hanno dimensioni più compatte per percorrere anche strade più strette e collinari: la capienza è di 43 posti, l’autonomia con il pieno di 150 chilometri

Una decina circa autubus elettrici che inizieranno a circolare per le strade genovesi da settembre 2019. I bus saranno poi sistemati all’interno della rimessa Mangini, alla Foce, dedicata alla ricarica e alla manutenzione. Il piano di Amt Genova è quello di testare in futuro anche mezzi più grandi, da 12 e da 18 metri, che possano trasportare più persone su linee più frequentate.

Il Comune di Genova, inoltre, per migliorare la qualità dell'aria, intende promozione della mobilità elettrica anche attraverso l’utilizzo di taxi elettrici come definito dal Piano di Mobilità Sostenibile, oltre a un’accelerazione della riduzione dell’impatto ambientale delle attività portuali. In particolare, sarà istituito un tavolo istituzionale di lavoro per valutare - tra l’altro - azioni quali l’elettrificazione delle banchine per l’alimentazione elettrica delle navi all’ormeggio, la promozione di combustibili a basso tenore di zolfo e l’ottimizzazione degli orari dei traghetti per mitigar l’effetto del traffico indotto. E, sempre parlando di elettrico, in tutta la città ora ci sono 100 colonnine di ricarica per auto e moto (ogni infrastruttura prevede due postazioni di ricarica).

Potrebbe interessarti anche: , Liguria, in due in moto anche se non conviventi dal 31 maggio: regole da seguire , Ponte di Genova: una radura della memoria per ricordare le 43 vittime del Morandi , Salone Nautico a Genova per i prossimi 10 anni: firmata l'intesa , Liguria, la nuova ordinanza su centri estivi, parchi divertimento, servizi per l'infanzia e aperture , Mascherine Coop in vendita in Liguria a 50 centesimi. Con limite d'acquisto

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.