Bonus di 500 euro per bici elettriche e monopattini, come e quando richiederlo? Ipotesi e requisiti - Magazine

Bonus di 500 euro per bici elettriche e monopattini, come e quando richiederlo? Ipotesi e requisiti

Attualità Magazine Martedì 12 maggio 2020

© shutterstock

Magazine - Dopo la quarantena che ha tenuto il paese in casa per oltre due mesi a causa dell'emergenza Coronavirus, l'Italia ripartirà. Come? In bicicletta elettrica o in monopattino. Questi i mezzi di trasporto, anti-Covid-19 ed eco-friendly, su cui il Governo vuole spingere per il rilancio della mobilità nella fase 2 dell’emergenza Coronavirus. L'inizio di questa auspicata rivoluzione green è già in atto, basti pensare che solo a Milano è prevista la realizzazione di 35 km di piste ciclabili e che innumerevoli sono le idee in cantiere per sfruttare l'oggetto bicicletta (ad esempio il Bike-In, il drive-in su due ruote).

In più il Governo Conte ha inserito all'interno del tanto atteso Decreto Rilancio un  incentivo sull'acquisto di mezzi elettrici per gli spostamenti: un bonus da 500 euro per l’acquisto di bici e monopattini elettrici (ma anche segway, hoverboard e monowheel) che dovrebbe essere usufruibile fino al 31 dicembre 2020. E il condizionale è d'obbligo perché l'ufficialità non c'è ancora: il bonus, inizialmente nella bozza del cosiddetto Decreto Rilancio, potrebbe essere trasferito in un altro provvedimento oppure essere inserito nuovamente nella versione definitiva del decreto. 

Si attende quindi di scoprire da quando il bonus potrà essere richiesto. Nel frattempo però la ministra dei Trasporti Paola De Micheli ha già precisato alcuni punti del bonus che potrebbero creare più di un fraintendimento, aprendo ad una possibile retroattività del provvedimento: «Dal 4 maggio 2020, per chi compra una bicicletta o monopattino o bicicletta con pedalata assistita o abbonamento per sharing di questi mezzi potrà andare su un sito che indicheremo non appena sarà approvata la misura per farsi rimborsare un massimo del 60% fino a 500 euro del costo complessivo con la presentazione dello scontrino o della fattura».

Non si tratterebbe dunque di un bonus fisso da 500 euro da spendere, ma piuttosto di uno sconto fino a 500 euro sul mezzo elettrico aquistato. Un esempio? Con l’acquisto di una bicicletta da 600 euro, si avrà indietro il 60% della spesa sostenuta. Altre informazioni utili, come i requisiti necessari per richiedere il bonus, sono rintracciabili nella bozza del Decreto Rilancio, che tuttavia è ancora soggetto a modifiche: «ai residenti maggiorenni nelle Città metropolitane ovvero nei Comuni con popolazione superiore a 50 mila abitanti è riconosciuto un buono mobilità pari al 70% della spesa sostenuta non superiore a 500 euro, a partire dalla data di entrata in vigore della disposizione e fino al 31 dicembre 2020. Tale buono può essere richiesto per una sola volta ed esclusivamente per una delle destinazione d’uso previste». Dal testo si evincerebbe dunque come di tale bonus non possano beneficiare pendolari, studenti e lavoratori fuorisede che abbiano residenza diversa dal luogo in cui studiano o lavorano.

Infine, come richiedere il bonus da 500 euro? In questo caso, sono due le due le ipotesi sul tavolo, ma la più probabile parla di uno sconto applicato direttamente alla cassa. Sarà poi il venditore a recuperare la differenza presentando i documenti di vendita. Secondo l'altra ipotesi, il beneficiario del bonus potrebbe chiedere il rimborso e quindi il bonus dopo l’acquisto del mezzo, presentando la richiesta con allegato lo scontrino fiscale

Potrebbe interessarti anche: , Premio Strega 2020 a Sandro Veronesi con Il Colibrì: la trama del libro vincitore , Richiedere la cessione del quinto: tutto quello che devi sapere , Liguria e Piemonte sono BBBellissimi: la nuova campagna pubblicitaria di BBBell , Confezionamento alimentare per conto di terzi: perché scegliere questa alternativa , Riapertura parrucchieri ed estetisti, cosa cambia? Norme e regole da sapere