Torino Spiritualità 2021: il programma completo nel segno del Desiderio. Si parte con Kazuo Ishiguro

Torino Spiritualità 2021: il programma completo nel segno del Desiderio. Si parte con Kazuo Ishiguro

Libri Torino Venerdì 11 giugno 2021

© Lorna Ishiguro

Torino - Da giovedì 17 a domenica 20 giugno torna Torino Spiritualità. Lezioni, dialoghi, letture, meditazioni, esperienze, camminate nella natura per lasciare che i desideri si affaccino alla luce. Desideranti è il tema del 2021, per riflettere sul nostro essere abitati dal desiderio: costantemente spinti oltre noi stessi da una forza che scardina ogni equilibrio, ma capace di alimentare la nostra vita come null’altro potrebbe. Desideranti siamo tutti noi, specialmente in questo periodo di contingenze avverse e orizzonti ristretti; siamo tutti noi, capaci di sogni e nostalgie, animati dall’istinto ad arrivare là dove ancora non siamo, non abbiamo.

«Desiderare vuol dire, sì, guardare alle stelle, alzare gli occhi al cielo col pensiero che tutto ciò che abbiamo e siamo venga di lassù. “Desiderare” vuol dire, prima ancora, chiedere al mondo. È il nostro istinto primario, quello che definisce l’umanità stessa: esistiamo per esprimere quello che non siamo, che non abbiamo. Siamo desideranti per definizione, e lo siamo più che mai in questo tempo che viene dopo tante mancanze, tanta assenza. Siamo desideranti da che mondo è mondo: questo racconta la storia dell’umanità, dal principio sino ad oggi – e domani.» Elena Loewenthal, direttore Fondazione Circolo dei lettori

«Il desiderio inizia dove finiscono le mie dita: ciò che non posso afferrare è ciò che desidero, e questo slancio verso l’oggetto dei desideri allarga il mio mondo, lo arricchisce di tutti i “possibili”. Ma come raffigurare visivamente questa nostra natura desiderante? Abbiamo pensato a una grande nuvola di zucchero filato: alla dolcezza rosea e soffice che da bambini ha acceso i nostri desideri e poi, talmente eterea e impalpabile, ci ha svelato che un po’ di insoddisfazione è anch’essa parte del gioco!» Armando Buonaiuto, curatore Torino Spiritualità

Torino Spiritualità arriva prima, non a settembre come di consueto, per rispondere all’urgenza di ritrovarsi di nuovo insieme, di condividere esperienze e pensieri intorno al presente e a noi stessi, con tutte le cautele necessarie. Verrà allestito, come nel 2020, il padiglione del festival in Piazza Carlo Alberto, nel cuore della città; tornerà a vivere il Circolo dei lettori, che ospiterà incontri e laboratori esperienziali della Scuola di Otium; e ancora il festival sarà al Teatro Carignano, alla Scuola Holden, al Tempio Valdese, alla Chiesa Battista, all’Eremo del Silenzio, alla Real Chiesa di San Lorenzo. Ma la rassegna si svolgerà anche onlinedal 13 al 20 giugno, per cominciare già a parlare del tema, meditando e ascoltando le parole di grandi voci, sia italiane che internazionali.

Gli ospiti di Torino Spiritualità

Il Premio Nobel Kazuo Ishiguro, collegato in diretta dall’Inghilterra; Mariangela Gualtieri, poeta; lo psicanalista Massimo Recalcati; la scrittrice Marilynne Robinson con Alessandro Zaccuri; il filosofo Slavoj Žižek; la regista Emma Dante; l’attore Alessio Boni; il teologo Vito Mancuso; il gesuita americano James Martin; la rabbina Delphine Horvilleur; la filosofa Ilaria Gaspari; le scrittrici Giusi MarchettaElena Stancanelli e Mariapia Bonanate; l’epidemiologo Paolo Vineis con il filosofo Federico Vercellone; il maestro della tradizione tibetana NgalSo Ganden Nyengyu Lama Michel; l’indologo Gianni Pellegrini; i filosofi Sergio GivoneLeonardo CaffoSilvano Petrosino; il pastore valdese Jean-Félix Kamba Nzolo; lo scrittore Eshkol Nevo con Paolo Di Paolo; la religiosa ed economista Alessandra Smerilli con Francesco Antonioli; la monaca induista Svamini Hamsananda Giri; l’imam Yahya Pallavicini; lo scrittore e studioso di astrologia Marco Pesatori con l’autrice Alessandra Rito; la monaca buddista Elena Seishin Viviani; lo psichiatra Paolo Crepet; il fondatore della Comunità di Bose Enzo Bianchi; lo psichiatra Vittorio Lingiardi; lo storico Alessandro Vanoli con il pittoreStefano Faravelli; l’astrofisico Abd al-Haqq Ismail Guiderdoni con lo scrittore Younis Tawfik; l’insegnante e scrittore Enrico Galliano con il sacerdote e youtuber Alberto Ravagnani, e molti altri.

Il programma completo di Torino Spiritualità giorno per giorno

Gli incontri online

Appuntamenti gratuiti in diretta streaming e on demand sulla pagina Facebook del festival e della Fondazione Circolo dei lettori, su torinospiritualita.org e sul canale YouTube della Fondazione.

DOMENICA 13 GIUGNO | 10.00
MEDITAZIONE SONORA: DAL DESIDERIO ALL’ARMONIA
con SIMONE CAMPA, musicista e suonoterapeuta e RICCARDO DI GIANNI, musicista e insegnante Nada Yoga
si ringraziano per il contributo CLINICA OLISTICA, HESS KLANGKONZEPTE, OLLI HESS
La tradizione millenaria della musica classica indiana, le sonorità etniche delle tradizioni mistiche del mondo e la pratica contemporanea del sound healing si incontrano in una meditazione sonora che è un invito alla ricerca interiore in quattro tappe: Vibrazione, Tocco, Soffio e Pulsazione.

LUNEDÌ 14, MARTEDÌ 15, MERCOLEDÌ 16 GIUGNO | 10.30
ABITARE LE PAROLE.
SUGGESTIONI SEMISERIE SULLA VITA DALLA A ALLA Z
di e con LUCA MARGARIA, filosofo e MARIA TERESA MILANO, ebraista
con la partecipazione di MISHKALÉ KLEZMER & GIPSY GROUP
Per prepararsi al festival, tre piccoli e affascinanti viaggi in altrettante parole del desiderio, tra etimologie, legami inconsueti, echi biblici e storie da raccontare: Deserto (14/6), Limiti (15/6), Trasgressione (16/6).

MARTEDÌ 15 GIUGNO | 21.00
«CHE COSA CERCATE?» IL DESIDERIO DI ESSERE FELICI
con ALBERTO MAGGI, teologo e biblista
«Che cosa cercate?», chiede Gesù ai discepoli del Battista nel Vangelo di Giovanni. Difficile immaginare una domanda più scombussolante. Che cosa vi spinge ad alzarvi ogni mattina? Di che cosa si nutre il vostro umanissimo desiderio di essere felici? I discepoli rispondono con un’altra domanda, ma è Gesù a fare piazza pulita dei punti interrogativi: venite e vedrete!

MERCOLEDÌ 16 GIUGNO | 18.00
PUÒ IL DESIDERIO ESSERE SPIRITUALE?
con ESHKOL NEVO, scrittore
intervista di PAOLO DI PAOLO, scrittore | interprete RAFFAELLA SCARDI
Il desiderio è spesso l’elemento detonatore delle vicende che Eshkol Nevo ha narrato in opere letterarie di grande bellezza: desideri inseguiti, taciuti, traditi, incarnati. Ma quale relazione tiene insieme l’energia vitale del desiderio e l’orizzonte impalpabile della spiritualità?

GIOVEDÌ 17 GIUGNO | 18.00 | INAUGURAZIONE TORINO SPIRITUALITÀ (anche dal vivo)
IL DESIDERIO DI NON ESSERE SOLI
con KAZUO ISHIGURO, scrittore
intervista di ARMANDO BUONAIUTO, curatore Torino Spiritualità

GIOVEDÌ 17 GIUGNO | 21.00
INSEGNANTI DI DESIDERIO
DA CHI HAI IMPARATO CHE LA VITA È SLANCIO?
con ALESSIO BONI, attore, EMMA DANTE, regista teatrale, ENRICO GALIANO, insegnante e scrittore, MAURA GANCITANO e ANDREA COLAMEDICI, filosofi, VITO MANCUSO, teologo, GIORGIO VASTA, scrittore conduce ARMANDO BUONAIUTO, curatore Torino Spiritualità
in partnership con LAVAZZA GROUP
Chi ci ha rivelato che una vita senza desiderio è come una freccia senz’arco? A ciascuno di noi è accaduto di imbattersi in un “insegnante di desiderio”: una persona vicina, un pensatore incontrato sui libri, un’autrice amata o un personaggio fittizio, ma indimenticabile, balzato fuori da un romanzo, un film, una fiaba. Tra riflessioni e memorie personali, ci mettiamo sulle tracce di queste “fosforescenze desideranti” chiedendo ad alcune voci di raccontarci da chi abbiano imparato che l’essere umano è, anzitutto, desiderio in azione.

VENERDÌ 18 GIUGNO | 21.00
«NON COMPIO IL BENE CHE VOGLIO, MA IL MALE CHE NON VOGLIO»
con FABIO ROSINI, sacerdote
Rintracciando nel passaggio della lettera paolina ai Romani la chiave per leggere la storia della fede cristiana e le frequenti cadute nell’assolutizzazione della volontà, don Fabio Rosini si interroga sull'eterno scontro fra il dover-essere e l’essere, fra prigionia della norma e trauma liberante della misericordia.

SABATO 19 GIUGNO | 19.00
LA PROMESSA CAPITALISTA E I PARADOSSI DEL DESIDERIO
con SLAVOJ ŽIŽEK, filosofo
La pandemia non ha solo amplificato gli obblighi di visibilità dell’ego – seduti a casa, soli e stanchi, cerchiamo di sprizzare energia su Zoom – ma ha trasformato l’ordine capitalista globale. In che modo questa combinazione di stanchezza e cambiamento incontrollabile incide sulla nostra capacità di desiderare?

DOMENICA 20 GIUGNO | 11.00
IL DESIDERIO DI ESSERE VISIBILI. NUDITÀ, FEMMININO E SCRITTURE
con DOLPHINE HORVILLEUR, rabbina
Accade nelle Scritture, come d’altronde nelle fiabe, di incontrare donne descritte come più nude della nudità stessa: fragili, esposte, impotenti come mucose senza pelle. Troppo deboli per il mondo, queste donne devono essere protette dagli sguardi, velate di pudore anche a scapito del loro diritto di esserci. Ma se torniamo a far parlare i testi, potremo confuta- re tali immagini e liberare la ricchezza d’interpretazione che essi racchiudono.

DOMENICA 20 GIUGNO | 18.00
IL DESIDERIO DI ESSERE “NOI”.
UN PONTE DA COSTRUIRE TRA CHIESA E PERSONE LGBT
con JAMES MARTIN, sacerdote
in collaborazione con LOVERS FILM FESTIVAL
Consultore del Dicastero vaticano per la Comunicazione e noto editorialista, il gesuita americano James Martin riflette sull’urgenza di costruire, a partire dal Vangelo, una relazione nuova tra Chiesa cattolica e persone LGBT, improntata al reciproco rispetto e al mutuo ascolto.

DOMENICA 20 GIUGNO | 21.00
CHIEDETE E VI SARÀ DATO
con MARILYNNE ROBINSON, scrittrice | intervista di ALESSANDRO ZACCURI, giornalista | interprete SARAH CUMINETTI
Dall’immaginaria cittadina di Gilead, Iowa, sede del suo meraviglioso trittico romanzesco, il Premio Pulitzer Marilynne Robinson si sporge sul versetto evangelico in cui benevolenza di Dio, discernimento del desiderio e umana gratitudine si intrecciano con maggiore intensità incendiaria.

PROGRAMMA INCONTRI DAL VIVO

GIOVEDÌ 17 GIUGNO
INAUGURAZIONE
18.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
KAZUO ISHIGURO
IL DESIDERIO DI NON ESSERE SOLI
con ARMANDO BUONAIUTO, curatore Torino Spiritualità
si ringrazia GIULIO EINAUDI EDITORE
Il nuovo romanzo del Premio Nobel Kazuo Ishiguro, Klara e il Sole (Einaudi), sembra suggerirlo fin dal titolo: nessuno è fatto per la solitudine. Sebbene la natura del desiderio implichi la mancanza, tutti, esseri umani e non, hanno bisogno di qualcuno all’altro capo del filo, qualcuno a cui rivolgere lo sguardo. Per l’androide Klara questo qualcuno è il Sole, con la sua gentile presenza; e a sua volta, Klara è l’antidoto alla tristezza della piccola Josie, che la sceglie come compagna di avventure. Ma quante facce ha il desiderio di non essere soli? La solitudine è sempre spaventosa e inabbracciabile? E fino a dove spingersi per colmare il vuoto di un’assenza? L’incontro inaugurale di Torino Spiritualità muove da questi interrogativi per inoltrarsi tra le pagine di un autore straordinario e ripercorrere con lui, alla luce chiara del desiderio, le sue opere di oggi e di ieri.
Kazuo Ishiguro partecipa in videocollegamento dall’Inghilterra. Traduzione in italiano.
Ingresso gratuito. Prenotazione obbligatoria (max 2 posti) presso la biglietteria del Circolo dei lettori, telefonando al 349 6285606 o scrivendo a prenotazioni@torinospiritualita.org (indicando nome, cognome e numero di cellulare). Le preno- tazioni pervenute via mail sono gestite secondo l’ordine di arrivo della richiesta e sono da considerarsi valide solo una volta ricevuta mail di conferma da parte dell’organizzazione. L’appuntamento è anche trasmesso in diretta streaming sulla pagina facebook del festival e della Fondazione Circolo dei lettori, sul canale YouTube della Fondazione e su torinospiritualita.org

21.00 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
MERCY AND LONGING. UN OMAGGIO A LEONARD COHEN
voce, chitarra, pianoforte FEDERICO SIRIANNI
contrabasso VERONICA PEREGO
voci MARTINA MORELLO, LAURA ZINNO
racconti GIORGIO OLMOTI
Leonard Cohen ci ha lasciati cinque anni fa, ma brani come Suzanne, Sisters of Mercy, Chelsea Hotel o Famous Blue Raincoat sono vivi più che mai nell’immaginario collettivo. Attraverso una carrellata musicale che dalle canzoni del lavoro d’esordio Songs of Leonard Cohen giunge all'album postumo Thanks for the Dance, Torino Spiritualità rende un affettuoso omaggio all’opera dell’artista canadese e alla sua ispirazione sospesa tra tenerezza e tormento, elegia e preghiera. Ingresso € 8

21.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
«IN QUESTA MALEDETTA NOTTE OSCURA»
IL DESIDERIO EROTICO NELLA LETTERATURA
con ELENA STANCANELLI, scrittrice
Il desiderio erotico è una bestia indomabile. Vive della sua ferinità, non somiglia a niente di accettabile come l’amore o l’affetto. Piuttosto, è la notte oscura del nostro io, dove non esistono regole ma necessità, fame, lussuria. La poesia e il romanzo lo hanno raccontato, prendendosi anche la responsabilità delle smanie illecite, e Lolita ne è l’esempio più noto. Ma anche il brutto, la morte, l’adorazione feticista, lo struggimento per un corpo che non c’è hanno trovato spazio in capolavori letterari di ogni tempo. Li sfoglieremo insieme. Ingresso € 5

21.00 _ Tempio Valdese di corso Vittorio Emanuele II
PREVISIONE, PREDIZIONE, SPERANZA
con PAOLO VINEIS, epidemiologo introduce FEDERICO VERCELLONE, filosofo
a cura di CENTRO CULTURALE PROTESTANTE
La pandemia ci ha messo di fronte a fenomeni nuovi. Tra questi, un quotidiano confronto tra le paure e le speranze del- le persone e lo sviluppo della scienza e della tecnologia in tempo reale. Ciò che le persone in tutto il mondo hanno seguito con trepidazione è stata una complessa combinazione tra scienza, tecnologia e organizzazione. In questo campo di tensioni l’epidemiologia fa da collante, perché è impegnata sia nel fare previsioni sulla base di modelli matematici, sia nel tradurre le prove scientifiche in linee guida. Tuttavia, la comunicazione concitata ha pericolosamente sfumato il confine tra previsione scientifica e predizione ascientifica. Ingresso a offerta libera, da versare sul posto.

VENERDÌ 18 GIUGNO

16.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
DESIDERANTI, NOI ESSERI SENZIENTI NELL’UNIVERSO DEL KAMA LOKA
con DINO CIAN CIUB GHIALTZEN, lama della tradizione tibetana Ganden Nyengyu
in collaborazione con CENTRO BUDDHA DELLA MEDICINA
Il Kama Loka è una porzione infinita dell’Universo che “contiene” il divenire di nascita, vita e morte di innumerevoli esseri senzienti. Le rinascite degli esseri, in quest’area, presentano la stessa caratteristica di base: il desiderio. Siamo desideranti in tutto e per tutto. Per un’il- limitata moltitudine di persone questo porta a danni, illusioni, sofferenze. Ma per altri, può tale sete essere la base dell’Illuminazione? Ingresso € 3

18.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
DESIDERARE L’INFINITO. OVVERO, DELL’INUTILITÀ DI DIO
con PAOLO SCQUIZZATO, sacerdote e scrittore
Il desiderio, per essere tale, deve restare inappagato. Ma quando si tratta della divinità, questo assioma si fa drammatico. Perché se le cose stanno così, allora il possesso di Dio ne sancirebbe di fatto la morte. Una riflessione per indagare il crinale che divide desiderio e bisogno. Ingresso € 5

18.30 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
I DUE DESIDERI: LA STORIA DI JOY
con MARIAPIA BONANATE, scrittrice e ANNA POZZI, giornalista modera ARMANDO BUONAIUTO, curatore Torino Spiritualità
«Un patrimonio dell’umanità». Così il Papa definisce la testimonianza di Joy, che Bonanate ha raccolto affinché chiunque possa leggerla. Nigeriana, Joy coltiva il desiderio di una vita migliore in Italia, ma cade nelle mani dei trafficanti di esseri umani. E tuttavia, né le violenze in Libia né le notti in strada le tolgono il coraggio di inseguire un altro desiderio: riprendersi la libertà e farsi voce di migliaia di donne ridotte in schiavitù. Ingresso € 3

18.30 _ Tempio Valdese di corso Vittorio Emanuele II
DESIDERIO E BRAMOSIA. CREDENTI AL BIVIO TRA DESIDERARE E NON DESIDERARE
con JEAN-FÉLIX KAMBA NZOLO, pastore valdese
Muovendo dal Salmo 37,4 e dal Vangelo di Matteo 5,27-28, una riflessione sulla complessità della ricerca umana in una vita che sembra sempre insoddisfatta. Un mondo senza desiderio sarebbe freddo, privo di passio- ne e inventiva, di certo non corrispondente alla volontà di Dio. Ma cosa succede quando l’essere umano dà sfogo ai desideri senza porsi limiti? Apertura e chiusura in musica | Ingresso gratuito senza prenotazione.


18.30 _ Eremo del Silenzio, presso Museo Carcere Le Nuove
SOGNANDO IMPASSIBILMENTE IL POSSIBILE
con BARBARA ALTISSIMO, attrice, SARA MUSSO, pianista, JURI NERVO, counselor, PIERPAOLO ROVERO, illustratore, DILETTA TONATTO, ricercatri- ce olfattiva
in collaborazione con EREMO DEL SILENZIO e ilGiUSTOTEmpO
Chi ha abitato questi luoghi di prigionia era accompagnato da una scintilla di desiderio e inquietudine, “compagni di cella” in un percorso difficile di vita. Ma pur nella mancanza era sempre presente il desiderio: di incontrare, di andare avanti, di superare il momento. Ricreiamo oggi quella scintilla attraverso movimento, musica, parola, immagine e olfatto, e raccontiamola, per lasciare il segno di una testimonianza. Ingresso gratuito con prenotazione: segreteria@essereumani.org | 340 9087150

21.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
CHIODO SCHIACCIA CHIODI!
IL DESIDERIO COME ANTIDOTO AI DESIDERI
con GIANNI PELLEGRINI, indologo
Il desiderante è tale in quanto gravido di desideri. Talvolta, nel mondo brahmanico, questa dotazione si palesa in modo così potente da rendere indistinguibili desiderante, desiderio, oggetto desiderato. Indaghiamo le principali concezioni indiane sul desiderio e i desideranti, tracciando un percorso che, sfatando alcuni luoghi comuni, conduce a un’idea cruciale: la forza propulsiva del desiderio per liberarsi da esso. Ingresso € 3

21.00 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
LACRIME DI SALE
letture da Lacrime di sale di Pietro Bartolo
voce ANTONELLA DELLI GATTI
musiche ROCCO DI BISCEGLIE
videoarte STEFANO GIORGI
adattamento e regia ANTONELLA DELLI GATTI
produzione ASSOCIAZIONE TEDACÀ
in collaborazione con ASSOCIAZIONE PONTE DI PACE
al termine, incontro con PIETRO BARTOLO, medico ed europarlamentare
«Se la tua voce si unisce alla mia, possiamo cambiare le cose». Questa la dedica che, tempo fa, il medico di Lampedusa Pietro Bartolo scrisse all’attrice Antonella Delli Gatti sulla prima pagina di Lacrime di sale (Mondadori), il libro in cui narrava le storie degli uomini, delle donne e dei bambini accolti e curati sulle coste della sua isola. Ora, da quell’invito a non restare indifferente è nato uno spettacolo teatrale in cui vite migranti e vicenda umana e professionale di Bartolo sono allacciate insieme, testimonianze struggenti di un modo di stare al mondo: essendone parte. Ingresso € 8

21.00 _ Scuola Holden
LA VITA SEGRETA DELLE EMOZIONI
con ILARIA GASPARI, filosofa, GIUSI MARCHETTA, scrittrice, DAVIDE CALDO, chirurgo
modera MARTINO GOZZI, scrittore
in collaborazione con SCUOLA HOLDEN
Il nuovo saggio di Ilaria Gaspari, edito da Einaudi, è il punto di partenza per parlare di emozioni e desideri. I sentimenti sono un mezzo per conoscere il mondo: occasioni di apertura, crescita e conoscenza. Ma quel che proviamo è anche frutto del- la storia culturale con cui gli stati d’animo sono stati descritti da pittori e poeti, scrittori e filosofi. Oggi, la neuroscienza è una chiave ulteriore per familiarizzare con il linguaggio emotivo lasciando che ci arricchisca, anziché inibirci. Ingresso gratuito. Prenotazione obbligatoria: reception@scuolaholden.it | 011 6632812

SABATO 19 GIUGNO
10.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
QUALCOSA MANCA. IL DESIDERIO E L’ARTE DELL’ASSENZA
con LAURA BOELLA, filosofa e LIDIA MAGGI, pastora valdese modera ANNA PEIRETTI, scrittrice
C’è sempre qualcosa che manca. Lo insegnano le fiabe, dove anche i più gioiosi happy end serbano la traccia di un’invisibile non colto. E lo insegna il mito biblico quando Dio, appena plasmata la creatura umana, si accorge che ancora manca chi possa strapparla alla sua solitudine. Ma che cos’è questa mancanza? Sulla scorta del pensiero del filosofo Ernst Bloch, Laura Boella vede in essa “il meglio” che nutre ogni desiderio, una potenzialità di sogni e di vita che non bi- sognerebbe mai dimenticare. Per Lidia Maggi è invece una distanza preziosa, perché solo nello spazio tra noi e l’altro impariamo la grammatica della relazione. Due affacci per misurare, tra assenze e desideri, la vitalità dell’incompiutezza. Ingresso € 3

11.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
DESIDERIO DI LUCE E VERITÀ
con SVAMINI HAMSANANDA GIRI, monaca induista,
YAHYA PALLAVICINI, imam, ELENA SEISHIN VIVIANI, monaca buddista
a cura di COREIS - COMUNITÀ RELIGIOSA ISLAMICA ITALIANA
È il desiderio di luce e verità la scintilla che da sempre porta l'uomo alla ricerca dell’Assoluto, tra difficoltà e illuminazioni, crisi e scoperte. Ma come trasformare questo desiderio in vita vissuta? Quali sono gli insegnamenti dei maestri spirituali per noi, oggi? Tre rappresentanti di altrettante Vie contemplative ci accompagnano alla scoperta delle regole di una disciplina straordinaria per la conoscenza della Realtà trascendente. Da vivere ora come secoli fa. Ingresso € 3

11.00 _ Teatro Carignano
SCUOTERE L’ANIMA: L’AUDACIA DEL DESIDERIO
con PAOLO CREPET, psichiatra
Confusi dalla nebbia che da tempo attraversiamo, abbiamo bi- sogno di una forza propulsiva capace di mettere in movimento le nostre migliori aspirazioni e di traghettare l’anima oltre i timori: un’immaginazione desiderante, audace e trasgressiva, per scovare il futuro anche nel buio e prendersene cura. Ingresso € 5


12.00 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
DESIDERIO E ALTERITÀ: SULL’ESSENZA DELL’INVIDIA
con SILVANO PETROSINO, filosofo
«Perché a lui e non a me? Non è giusto». Ecco il tragico grido di dolore dell’invidioso, che vede nel bene altrui la causa della propria sofferenza. Ed ecco, anche, l’incipit della tragica catastrofe dell’invidia: l’oggetto desiderato dall’altro, proprio perché è desiderato dall’altro, diventa desiderabile anche per me, finendo per intaccare ogni possibile rapporto umano. Dunque, per comprendere a fondo l’essenza dell’invidia, è opportuno indagare la natura del desiderio. Ingresso € 5

15.00 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
CONATUS ESSENDI
con VITO MANCUSO, teologo
Spinoza lo chiamava conatus essendi, «desiderio di esistere». Bergson lo definiva élan vital, «slancio vitale». Noi lo possiamo chiamare "istinto di sopravvivenza", ma potremmo anche parlarne in termini di desiderio: forza primordiale che non si estingue mai, che sempre si supera e che ogni giorno ci fa vivi. Ma ogni desiderio è desiderio vero? Ogni desiderio, per il solo fatto di esserci, è desiderio di vita autentica? Ingresso € 8

15.30 _ Teatro Carignano | READING
NOSTALGIA DELLE COSE IMPOSSIBILI
di e con MARIANGELA GUALTIERI, poeta
Così scrive Mariangela Gualtieri, per accompagnare la lettura poetica concepita per il festival: «Ci sono desideri che quasi sono nati con me e sempre sono rimasti con una così forte intensità, come massa di energia ardente avuta in consegna che orienta il mio fare ed anche il mio sottrarmi all’azione. Ho percorso le mie poesie cercando tracce, scovando lì dove quei desideri, facendosi esortativi impazienti malinconici o assillanti, sono entrati nella mia musica verbale». Ingresso € 10


15.30 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
NUOVI CERCATORI DELLO SPIRITO
con STEFANIA PALMISANO e NICOLA PANNOFINO, sociologi delle religioni, MARCO VENTURA, direttore Centro per le Scienze Religiose della Fondazione B. Kessler, PIERLUIGI ZOCCATELLI, vicepresidente CESNUR - Centro Studi sulle Nuove Religioni | modera ALBERTO SINIGAGLIA, giornalista
In quante forme si declina il desiderio di trascendenza dei nostri tempi? Fra druidi, streghe, sacerdotesse e cacciatori di fantasmi, due sociologi entrano nel mondo di ecovillaggi e comunità iniziatiche, festival dell’esoterismo e tour magici, per restituire un affresco delle nuove forme del sacro contemporaneo. Ingresso € 3

16.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
IO CHE AMO SOLO ME. IL DESIDERIO NARCISISTA
con VITTORIO LINGIARDI, psichiatra
Io che amo solo te: così si intitolava un brano musicale di successo degli Anni Sessanta, colonna sonora di tante passioni amorose. Ma dal romanticismo di Endrigo allo specchio di Narciso il passo può essere breve. E se dietro il desiderio di te si nascondesse soltanto un desiderio per me? Al confine tra narcisismo sano e patologico, il piacere di piacersi e di piacere può trasformarsi in dolore: molto spesso per sé, quasi sempre per l’altro. Ingresso € 5

17.30 _ il Circolo dei lettori, Sala Gioco
KAMASUTRA: LA FORMULA MATEMATICA
con MAESTRO MAHI GURUJI, SILVIA TUDISCO, GIULIA CORRALES, LAURA SORBA
a cura di ASSOCIAZIONE CULTURALE INDIANA MAHI KRISHNA LILA
Curare attraverso il sesso si può, lo insegna il Kamasutra, non banale letteratura erotica di posizioni, ma vera e propria medicina – molto più simile a una matematica di formule. Il desidera ne è il principio attivo. Imparando a creare il proprio sutra, si raggiunge il segreto della longevità e dell’amore. Un incontro per spazzare via disinformazione e pregiudizio, e acquisire dinamiche da applicare nella vita quotidiana. Durata dell’incontro: 2 h. Ingresso € 3


18.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
NON PRIVARTI DI UN GIORNO FELICE
con ENZO BIANCHI, fondatore della Comunità di Bose
«Non privarti di un giorno felice, non ti sfugga nulla di un legittimo desiderio». Muovendo da questo versetto del libro del Siracide, Enzo Bianchi riflette sull’idea, tanto limitante quanto ancora diffusa, di una religiosità intesa come elenco di obblighi e divieti eretti contro la forza delle passioni umane. È davvero questo la religione? O è piuttosto un luminoso invito a discernere e coltivare la gioia che il desiderio sa accendere? Come si legge anche nel Talmud, alla fine dei giorni il Signore ci chiederà conto dei piaceri non soddisfatti, dei desideri non appagati. Ingresso € 8

18.30 _ Chiesa Battista
«UNA COSA HO CHIESTO AL SIGNORE E QUELLA RICERCO: ABITARE NELLA CASA DEL SIGNORE»
con CARLO GUERRIERI e ALESSANDRO SPANU, pastori battisti
Una chiacchierata pop tra Bibbia e musica sul desiderio nelle Scritture. Ingresso gratuito senza prenotazione.

18.30 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
NON SIAMO FIGLI DELLE STELLE (DESIDERARE TRA ASTRI E DIS-ASTRI)
con SILVANO PETROSINO, filosofo
voce e pianoforte BOB MESSINI
Tra riflessioni e ironia, la parola del filosofo Petrosino si alterna alle note di Bob Messini, artista e attore noto per film come La pazza gioia e Il cuore altrove. Filo conduttore il desiderio, tra astri e disastri. Fin dall’antichità le stelle (sidera) servivano a orientarsi nella navigazione. Desiderare significa quindi “mancanza di costellazioni”, di punti di orientamento. E desiderio esprime la nostra nostalgia verso quei punti di riferimento che non vediamo più. Ingresso € 5

21.00 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
UN FUTURO CHE NON FINISCA
con LUIGI MANCONI, sociologo e VINCENZO PAGLIA, arcivescovo modera FEDERICA TOURN, giornalista
Amore, passione, autodeterminazione e fede. Questi i temi cruciali su cui si confrontano le concezioni del mondo, distanti e a tratti inconciliabili, dell’arcivescovo e presidente della Pontificia Accademia per la Vita Vincenzo Paglia e del sociologo e attivista politico Luigi Manconi. Eppure, punti di vista antitetici mostrano che un terreno comune su cui convergere c’è: l’assoluto desiderio di tutti che il futuro non finisca. Ingresso € 5

21.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
LA STRUGGENTE CHIAREZZA DEL TORNARE
con ALESSANDRO VANOLI, storico e STEFANO FARAVELLI, pittore
Partire e tornare: movimenti opposti ma entrambi espressione di uno struggimento impossibile da appagare. Perché se il desiderio è un tendine che slancia, talvolta è un elastico che riporta lì da dove eravamo partiti. Ma se fosse proprio questo il posto migliore per riconoscere, nel groviglio delle aspirazioni, ciò che vale la pena da ciò che non la vale? Da Ulisse a Neil Armstrong, una ricognizione sull’arte del ritorno, per scoprire se avesse ragione Emily Dickinson a scrivere che «i piedi di chi cammina verso casa vanno con sandali più leggeri!». Ingresso € 5

DOMENICA 20 GIUGNO
06.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
CENTRO DEL CUORE, CENTRO DEL DESIDERIO.
UNA PRATICA MEDITATIVA
con PAOLO SCQUIZZATO, sacerdote e scrittore, ALESSANDRA PREMA DE SALVO e DARIO MACIOCI, insegnanti di contemplazione, SIMONE CAMPA, musicista e suonoterapeuta
Nella quiete di una Torino albeggiante, una sessione di pratica meditativa per intraprendere il viaggio verso le profondità del proprio cuore, là dove il desiderio prende forma e poi zampilla. Ingresso € 5

10.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
IL DESIDERIO CHE NON VUOLE ESSERE SODDISFATTO
con SERGIO GIVONE, filosofo | introduce FEDERICO VERCELLONE, filosofo
a cura di CENTRO CULTURALE PROTESTANTE
L'infinità del desiderio, cioè il fatto che appaia sempre inappagato, è un segno positivo o negativo? Per Platone, il desiderio mira non tanto alla sua soddisfazione, quanto a tenere accesa in noi l'immagine di una bellezza che non tramonta, perché è memoria del bene e del vero. Vale forse la pena chiedersi se non sia il caso di tornare a Platone. Ingresso € 5

11.00 _ Teatro Carignano
«PUOI PERDERMI?» ALLE ORIGINI DEL DESIDERIO
con MASSIMO RECALCATI, psicoanalista
«Puoi perdermi?»: così Lacan sintetizza la domanda primaria che agi- ta il desiderio del bambino. Non la volontà di possedere qualcosa, ma il desiderio di essere per il genitore, per l’Altro, una mancanza: potresti vivere senza di me? Se io scomparissi, la tua vita sarebbe la stessa? Il tuo mondo, uguale? Avere un posto nell’Altro: questa la preoccupazione originaria, che continua a echeggiare in ogni domanda d’amore. Ingresso € 8

11.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
DANTE E L’ISLAM.
DESIDERIO E RICERCA DI DIO FRA ORIENTE E OCCIDENTE
con ABD AL-HAQQ ISMAIL GUIDERDONI, astrofisico
e YOUNIS TAWFIK, scrittore
modera YAHYA GIOVANNI ZANOLO, Accademia ISA
a cura di ACCADEMIA ISA DI STUDI INTERRELIGIOSI
Nella visione ultraterrena di Dante si trova una cosmologia tradizionale che, sotto il velo della teologia cristiana, attraversa più civiltà e religioni. A un secolo dalla stesura di L’e- scatologia musulmana nella Divina Commedia, opera del sacerdote e arabista spagnolo Miguel Asín Palacios, riscoprire il dibattito sulle fonti islamiche di Dante è l’occasione per conoscere la ricchezza della sapienza islamica e approfondire la storia dei rapporti culturali e spirituali tra Oriente e Occidente. Ingresso € 3 L’appuntamento è inserito nel progetto condiviso Piazza Dante. #Festivalinrete

12.00 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
A PORTATA DI PIN: IL DESIDERIO ARTIFICIALE
con ALESSANDRA SMERILLI, religiosa ed economista
intervista di FRANCESCO ANTONIOLI, direttore Mondo Economico
Cavalcando l’onda dei nostri desideri, il marketing si fa sempre più invasivo, capace di profilare gusti e aspirazioni per suggerire che nessun appagamento è fuori portata: basta digitare un PIN. Ma quali tranelli si nascondono dietro alla monetizzazione della felicità? A quale piccola misura si sta riducendo la nostra capacità di desiderare? Suor Alessandra Smerilli, economista e sottosegretario del Dicastero vaticano per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, ne discute con il giornalista Francesco Antonioli provando a disegnare un paradigma economico meno miope, in cui il desiderio non sia compulsione indotta, ma barra interiore. Ingresso € 3

15.00 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
«IO VEDRÒ DIO». IL DESIDERIO DI GIOBBE
con MASSIMO RECALCATI, psicoanalista e LUIGI MARIA EPICOCO, sacerdote
Nel Libro di Giobbe il silenzio e l’assenza di Dio sono compagni del protagonista come, nel Getsemani, saranno compagni di Gesú. Ma per quanto angosciato, malato e reietto, Giobbe continua ad ardere di un desiderio limpido e tenace, di un anelito che spazza anche la tentazione della morte: incontrare Dio, faccia a faccia, e finalmente potergli chiedere: «Perché?». Ingresso € 5

15.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
GIOVANI PER SEMPRE
con LEONARDO CAFFO, filosofo
Le sole forme di vita umana che non si preoccupano di dare un profilo al desiderio sono quelle dei giovani e dei bambini: perenni potenzialità d’invenzione, almeno fino a quando non sopraggiunge la vita adulta, e con lei il nostalgico riandare ai desideri di un tempo. Ma se la gioventù, invece che una condizione biologica, fosse uno stato dell’essere? Un dispositivo che possiamo riattivare in ogni mo- mento, ricominciando a desiderare per il puro ardore del desiderio? Ingresso € 3

15.15 (1° turno) e 16.15 (2° turno) _ Real Chiesa di San Lorenzo | VISITA
PERCORSI DI ARTE E SPIRITUALITÀ
a cura di COMUNITÀ PIETRE VIVE TORINO
Che cosa spinge un turista o un passante a entrare in una chiesa? Le ragioni possono essere molteplici, ma nel profondo la risposta è comune: il desiderio di incontrare “qualcos’Altro”. Nelle chiese, che ne sono custodi, questo Altro si manifesta attraverso lo spazio, l'architettura, i dipinti, le decorazioni. E a San Lorenzo, per dare voce all'Invisibile nel visibile che l'arte rivela, ci sono le Pietre Vive, una comunità di giovani cristiani pronti a svelare la bellezza del Vangelo a chiunque contempli le bellezze delle chiese. Ingresso gratuito. Prenotazione obbligatoria: pietrevivetorino@gmail.com | 349 0022665

16.30 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
SIMON MAGO: IL DESIDERIO DI VOLARE
con ELENA LOEWENTHAL, direttore Fondazione Circolo dei lettori
DESIDERIO: COLTIVARLO O ABBANDONARLO?
Figura sfuggente, vagamente ambigua e dai tratti vaghi, Simon Mago attraversa però secoli, anzi millenni di parole – sacre e profane – dal Nuovo Testamento alla Commedia dantesca a Danilo Kiš. Predicatore, ciarlatano, prestigiatore da quattro soldi, bieco commerciante di cose sacre? Può darsi. Ma forse, soprattutto, un uomo perennemente anima- to da un desiderio irrealizzabile, drammatico e lirico al tempo stesso: quello di volare. Ingresso € 3

16.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
VOCAZIONE. E SE SBAGLIO BERSAGLIO?
con ENRICO GALIANO, insegnante e scrittore
e ALBERTO RAVAGNANI, sacerdote e youtuber
modera ARMANDO BUONAIUTO, curatore Torino Spiritualità
Nella folta matassa dei desideri ce ne sono alcuni che, se inseguiti, ci porteranno a centrare la vocazione della nostra vita. Ma come fare a puntare proprio su questi? Se a un certo punto, dopo aver perseverato, scoprissimo di avere inseguito le scie sbagliate e che il nostro bersaglio ci aspettava altrove? Domande che sono veri e propri pungoli e che si ripresentano a qualsiasi età, proprio come gli errori e gli inciampi, nostri fedelissimi compagni di avventure. Eppure non è raro che per trovare la strada che porta al desiderio più limpido si debba, prima, perdersi un po’. Ingresso € 5

18.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
DESIDERIO: COLTIVARLO O ABBANDONARLO?
con LAMA MICHEL RINPOCHE, maestro della tradizione tibetana NgalSo Ganden Nyengyu
Desiderare significa proiettare le nostre aspettative di felicità su qualcosa che non possediamo; qualcosa che, se ottenuto, si rivelerà probabilmente inadeguato a colmare le nostre aspirazioni. Ciò accade a causa dell’umana tendenza a desiderare le cose non per ciò che effettivamente sono, ma per ciò che vorremmo che fossero. Ecco perché, davanti a un desiderio, bisogna innanzitutto domandarsi: di quale tipo di visione è frutto? Ingresso € 5

18.30 _ Piazza Carlo Alberto, Padiglione Torino Spiritualità
DE-SIDERA. L’ASTROLOGIA COME SCIENZA DEL TEMPO
con MARCO PESATORI, scrittore e studioso di astrologia introduce ALESSANDRA RITO, autrice
Da sempre gli uomini, spinti dal senso della loro limitatezza, cercano aiuto nel cielo. E millenni di osservazione del cielo hanno portato l’astrologia a cogliere le leggi del Tempo e della misteriosa sincronicità tra Tempo e vita, qui sulla Terra. Questa è l’astrologia. Cosa si può chiedere alle stelle? Qual è il nostro desiderio? Per Hegel ci sono due concetti per definire il Desiderio: Begierde, la brama, e Bedurfnis, il Desiderio come realizzazione di Sé. Se la brama vuole le “cose”, la realizzazione di Sé è la visione salda di quell’Unum a cui l’Astrologia della coscienza punta: consapevolezza di quel "tempo senza tempo" libero dai condizionamenti delle coazioni a ripetere e delle nevrosi egotiche. Dall’autore del celebre oroscopo “filo- sofico-magico-dadaista” di "D di Repubblica", una lezione su quel Tempo in cui tutte le cose sono contenute. Ingresso € 5

SCUOLA DI OTIUM

Spazi di quiete per placare lo spirito e lasciare che i desideri si affaccino alla luce. Ingresso singolo laboratorio € 12

VENERDÌ 18 GIUGNO
10.30 – 13.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Grande
NADA YOGA: LO YOGA DEL SUONO
con RICCARDO DI GIANNI, musicista e insegnante Nada Yoga
Racchiudendo in sé meditazione, suono, autodisciplina e bhakti (devozione), la musica classica in India è considerata da se- coli una delle migliori pratiche per favorire la connessione con l’Infinito Divino e la realizzazione del Sè spirituale. Nel labora- torio si fa esperienza del Nada Yoga di Sri Vemu Mukunda, secondo cui le scale di note agiscono su nadi e chakra, aiutando la ricerca interiore, l’equilibrio corpo-mente, il superamento di tensioni, blocchi emotivi e disagi psicofisici. Si raccomandano abiti comodi, acqua e tappetino. Non è richiesta conoscenza di pratiche yoga o teoria musicale.

10.30 – 13.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Gioco
DALL’INTIMITÀ DEL ROVETO
con SUSANNA FRESKO, analista filosofa
in collaborazione con PHILO – PRATICHE FILOSOFICHE
E gli apparve un angelo del Tetragramma in una fiamma di fuoco, dall’intimità del roveto; e si avvide che il roveto ardeva per il fuoco ma non si consumava. (Esodo/Shemot/Nomi III, 1-22, IV, 2)
Dove potrà mai esistere un fuoco che non consumi ciò di cui si nutre? Un desiderio insaziabile eppure, al contempo, infinitamente saziato? Attraverso pratiche filosofiche e condivisioni, proviamo ad accostare la figura del roveto ardente a partire dalle nostre vicende e risonanze autobiografiche. Possibilmente, a piedi scalzi. Si raccomandano quaderno, penna e matite colorate.

17.30 – 20.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Gioco
GEOGRAFIA PORTATILE DEL DESIDERIO
con EMANUELE ENRIA, performer e ricercatore indipendente
Camminando o stando fermi, portiamo sempre con noi una bolla invisibile che definisce il nostro spazio privato. Le norme anti-Covid hanno ufficializzato questo spazio come necessario a proteggere sé e gli altri. Ispirandosi al maestro del movimento Moshe Feldenkrais, Enria ha lavorato su pratiche – gesti, movimenti, parole, ascolto – che mettessero questi spazi in contatto, e le ha raccolte in un personalissimo taccuino. Proveremo a bussare a quelle pagine. Si raccomandano abiti comodi.

SABATO 19 GIUGNO
10.00 – 13.00 _ il Circolo dei lettori, Sala Gioco
CHIEDIMI SE SONO FELICE.
VIE MAIEUTICHE PER DECIFRARE I DESIDERI CHE CI MUOVONO
con ILARIA GASPARI, filosofa e scrittrice
Nel 1960, Edgar Morin e Jean Rouch giravano per le strade di Parigi chiedendo alle persone se fossero felici. Ce lo chiederemo anche noi: una domanda maieutica, per provare a misurare lo stato dei nostri desideri. Di cosa ci pare di avere bisogno, per essere felici? Che cosa ci manca? Per Spinoza è proprio il desiderio – che nasce sempre da una mancanza – il segno dell'esperienza umana. Interrogando mancanze e tensioni, attrazioni e bisogni, disegniamo una mappa del desiderio che corre in filigrana dentro tutte le nostre emozioni. Si raccomandano carta, penna e un cuore aperto.

10.00 – 13.00 _ SEMINARIO IN DIRETTA STREAMING
LA TECNICA DEI 101 DESIDERI
con IGOR SIBALDI, scrittore e saggista
La Tecnica dei 101 desideri è la bussola per entrare nei luoghi del possibile con piena consapevolezza dei nostri veri desideri e il coraggio di dire: “io voglio”.

DOMENICA 20 GIUGNO
10.00 – 12.30 _ il Circolo dei lettori, Sala Gioco
IL CUORE ININTERROTTO
con ERIC MINETTO, scrittore e insegnante yoga
Viviamo sospinti da desideri indotti che ci rendono felici solo per un po’. Una vita a strappi, che sembra soddisfare ma in realtà genera nevrosi e stress. C’è qualcosa però, sotto la superficie dei desideri, che non desidera nulla e, non mancando di nulla, vive un flusso di presenza indisturbato: è il cuore ininterrotto. Un’esplorazione della natura illusoria dei desideri artificiali secondo il messaggio della non dualità, accompagnata da esercizi di movimento da praticarsi seduti su una sedia.

14.30 – 17.30 _ il Circolo dei lettori, Sala Gioco
PERCHÉ DOVREMMO TUTT* ESSERE PIÙ VULNERABILI
con NATALIA PAZZAGLIA, project manager e storyteller
Cosa ci rende più felici? Secondo uno studio dell’Università di Harvard, sono le relazioni autentiche, in cui ci lasciamo conoscere e accogliere così come siamo, nei lati migliori e negli angoli bui. Solo mostrandoci vulnerabili, infatti, possiamo creare connessioni vere, legate ai nostri valori e alla nostra identità più profonda. Abbracciare la vulnerabilità, allora, significa ritrovare i nostri veri desideri. Proviamo a farlo utilizzando la scrittura come strumento di racconto e incontro interiore. Si raccomandano carta, penna e Post-it.

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.