Coronavirus Liguria, l'ordinanza: riaperture dal 27 aprile, cosa si può fare e cosa cambia - Genova

Coronavirus Liguria, l'ordinanza: riaperture dal 27 aprile, cosa si può fare e cosa cambia

Attualità Genova Domenica 26 aprile 2020

© Pixabay

Genova - La Liguria si prepara alla Fase 2. Ecco l'ordinanza ufficiale varata dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, che entra in vigore dalla mezzanotte di domenica 26 aprile ed è valida fino alle 24 del 3 maggio 2020. In Liguria, quindi, sono consentite alcune attività prima della fine del lockdown del 4 maggio, nel rispetto della salute pubblica (con misure di sicurezza e prevenzione). L’obiettivo dell’ordinanza è quello di consentire la ripresa di alcune attività preliminari all'inizio della Fase 2, quando entrano in vigore le misure del Governo.

«Con questa ordinanza vogliamo attivare una serie di misure che siano favorevoli all’avvio di una ripresa - dice il presidente Toti - tenendo conto del nostro tessuto territoriale, del turismo e delle caratteristiche proprie della Liguria. Ovviamente, tutto terrà conto delle disposizioni governative che saranno assunte. Se ci fossero incongruenze, l’ordinanza sarà adeguata». Ecco tutte le misure assunte e permesse dal 27 aprile 2020 in Liguria, e che riguardano attività all'aperto, riaperture di alcune esercizi commerciali, alcuni servizi e spostamenti prima del 4 maggio:

  • Viene consentita la vendita del cibo da asporto da parte delle attività artigiane del settore dolciario e alimentare (bar, ristoranti, pizzerie e pasticcerie), previa ordinazione on line o telefonica e garantendo che gli ingressi per il ritiro avvengano per appuntamento e dilazionati nel tempo allo scopo di evitare assembramenti e consentendo nel locale la presenza di un cliente alla volta;
  • Resta sospesa per gli stessi esercizi la possibilità di consumare sul posto;
  • Consentita la vendita solo in alcuni esercizi quali fiorerie e esercizi di prodotti florovivaistici;
  • Consentita anche la vendita di semi, piante e fiori ornamentali, piante in vaso nei negozi specializzati;
  • Consentita al vendita di calzature per bambini sia all’interno dei negozi specializzati in abbigliamento per bambini che nei negozi che commercializzano esclusivamente calzature per bambini;
  • Consentita l’attività da parte degli esercizi di toelettatura degli animali di compagnia, purché il servizio venga svolto su appuntamento, senza contatto tra le persone;
  • Dalle ore 6 alle 22, consentite attività motorie all’aria aperta, in forma individuale o con residenti nella stessa abitazione, come la corsa, la bicicletta o le passeggiate a piedi e a cavallo e la pesca sportiva lungo fiumi e foci di fiumi, nell’ambito del comune di residenza o abituale domicilio o del municipio di residenza per quanto riguarda il territorio del Comune di Genova;
  • Possibile anche lo spostamento con motoveicolo da parte di due persone a patto che il passeggero sia convivente con il guidatore;
  • Consentito ai residenti in Liguria la coltivazione di terreni a uso agricolo e attività diretta alla produzione per autoconsumo, a patto che il soggetto attesti con autodichiarazione completa e relativa verifica il possesso di una superficie agricola produttiva. Lo spostamento è consentito a una sola persona e con obbligo di rientro in giornata nella propria residenza. In ogni caso lo spostamento non può avere luogo fuori regione;
  • Consentito l’allenamento e addestramento dei cavalli da svolgersi in maniera individuale da parte dei proprietari degli animali presso maneggi autorizzati all’interno del territorio regionale;
  • Viene anche consentito l’allenamento e addestramento dei cani in aree autorizzate senza il contatto diretto tra le persone, nel rispetto del distanziamento sociale;
  • Consentito ai residenti in Regione Liguria lo spostamento individuale nell’ambito del territorio regionale, all’interno del proprio comune o dei comuni dove si trovano le imbarcazioni di proprietà per lo svolgimento delle attività di manutenzione, riparazione e sostituzione di parti necessarie per la tutela delle condizioni di sicurezza e conservazione del bene. Obbligatorio il rientro in giornata presso l’abitazione abituale;
  • Consentito anche ai residenti in Regione Liguria di spostarsi sul territorio regionale per raggiungere le seconde case di proprietà per lo svolgimento di attività di manutenzione e riparazione ed è obbligatorio il rientro in giornata;
  • sono consentiti gli spostamenti di autovetture con più di un passeggero a bordo solo se provenienti dalla stessa residenza. Il passeggero seduto sul sedile anteriore dev'essere residente con il guidatore.
  • I sindaci potranno disciplinare con proprie ordinanze l’apertura dei cimiteri, nel rispetto del distanziamento sociale (sempre i sindaci hanno la possibilità di emanare ordinanze più restrittive);
  • Nelle giornate di domenica, fino al 10 maggio, l’orario di chiusura dei punti vendita degli esercizi commerciali per i quali è prevista l’apertura dai provvedimenti statali è fissato entro le ore 15. Inoltre, 1 maggio 2020 gli esercizi commerciali sopra indicati restano chiusi.

Il sindaco di Genova Marco Bucci ha comunicato che restano chiusi, per il momento, corso Italia, il Porto Antico e la passeggiata di Nervi. Resta anche il vincolo delle spiagge, ma si può correre anche su strada. Tutto questo in attesa di vedere cosa succede nei prossimi giorni.

Potrebbe interessarti anche: , Genova, la pista ciclabile in Corso Italia: cosa cambia da settembre , Sardine a Genova sabato 4 luglio: il ritorno in piazza. Manifestazione contro odio e paura , Allerta meteo a Genova e in Liguria il 3 luglio: le previsioni, con temporali , Festival dello Spazio 2020 a Busalla: il programma tra Parmitano, Apollo 13 ed esopianeti , La Fiera di Genova diventa tribunale: prima udienza post Covid, con vista mare

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.