Attualità Genova piazza della Vittoria Venerdì 12 ottobre 2018

Riprendiamoci Genova: la città scende in piazza, corteo sotto un'unica bandiera

di
Porta Soprana
© Tassiano Daniele

Genova - Dopo la manifestazione organizzata dal comitato Oltre il ponte con la Volpolcevera scesa a chiedere risposte alle istituzioni da alla Prefettura, Genova è attraversata da un nuovo corteo, pacifico e apartitico, pronto a sfilare sabato 13 ottobre 2018 per le vie di Genova, senza bandiere di partito, ma portando solo la Croce di San Giorgio. Una manifestazione civica per la città, organizzata da Filippo Biolé, avvocato giuslavorista, e presidente dell’associazione Emergente, Andrea Acquarone, economista e scrittore, presidente associazione Che l’inse e Camilla Ponzano, architetto e presidente dell’associazione Riprendiamoci Genova. L'evento Riprendiamoci Genova, con ritrovo alle ore 17 in piazza della Vittoria, è un invito a partecipare e manifestare tutta la cittadinanza , compresi i migranti liguri, sotto un'unica bandiera, quella di Genova.

Ricordando il tragico crollo di Ponte Morandi e uniti a sfollati, familiari delle vittime e residenti della Valpolcevera che attendono delle risposte, i cittadini attraversano via XX settembre e arrivano fino in piazza De Ferrari, davanti al Palazzo della Regione. Una manifestazione/corteo che si pone l'obiettivo di ricreare il senso di appartenenza, dare un segnale forte per la rinascita della città e chiedere di essere ascoltati. Queste le parole che si leggono sulla pagina Facebook dell'evento Riprendiamoci Genova, con due moniti ben chiari alle istituzioni:

«La mattina del 14 agosto Ponte Morandi è crollato, portandosi via la vita di 43 persone e precipitando Genova in uno dei punti più bassi della sua storia millenaria. Al di là delle responsabilità dei gestori e della politica, un buona parte della responsabilità morale ricade su tutti noi genovesi. Per troppo tempo abbiamo lasciato che la nostra realtà invecchiasse, senza fare nulla, incapaci di pensare al futuro come qualcosa che ci riguarda tutti. Inoltre, non è possibile che lo Stato Italiano lasci il nostro territorio nell’abbandono, nella mancanza di risorse, a elemosinare per le opere di cui ha bisogno, quando dal nostro porto passa un terzo di tutto il traffico marittimo italiano. Presi dalla vita di tutti i giorni, dai nostri fatti privati, ci siamo dimenticati di essere una città, una comunità, un popolo, che può e deve far sentire la sua voce. E pretendere di essere ascoltato».

E ancora: «Che la tragedia di Ponte Morandi serva da sveglia. Chiediamo pertanto due cose. Che almeno una parte della ricchezza generata dal traffico del porto rimanga alle istituzioni genovesi, come avviene a Marsiglia, a Barcellona, ad Amburgo. Non è giusto che Genova sopporti il peso di questo traffico, e non le resti niente. È una questione di giustizia; è una questione vitale: almeno il 10% dell’IVA generata dai traffici del porto deve rimanere alle istituzioni genovesi. Non possiamo più aspettare. Secondo: che tali risorse vengano investite per progettare la Genova del futuro, in un grande progetto di trasformazione urbana che veda la collaborazione delle istituzioni e della società civile, e che sappia guardare al medio e lungo termine. Senza una prospettiva di sviluppo che duri più di un mandato amministrativo il destino della nostra città è segnato. Il resto d'Europa, il resto del mondo si stanno muovendo: non possiamo più rimanrere indietro».

Potrebbe interessarti anche: , Arriva l'inverno a Genova: neve a bassa quota? Previsioni del 12 e 13 dicembre , L'albero di Natale per le vittime del Morandi, con 43 opere all'asta per beneficenza , G20 dello shipping a Genova: l'idea dei giovani del Propeller Club , Al Gizmark 2018 in arrivo un pieno di novità con l'esibizione di Vittorio Brumotti , Genova, aperta la rampa tra via Guido Rossa e il casello dell'Aeroporto

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Alpha Un'amicizia forte come la vita Di Albert Hughes Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un’emozionante storia di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il protagonista e un lupo. Guarda la scheda del film