Una vigorosa passione. Arte e impegno nel lavoro di Bianca Orsi, mostra

Casa della Memoria

Via Federico Confalonieri 14

Milano

Guarda sulla mappa

 / 

Descrizione

Mostra antologica di scultura a cura di Francesca Pensa e Giorgio Seveso.

A pochi mesi dalla sua recente scomparsa alla bella età di cento anni e dopo l’inserimento del suo nome nel Famedio del Cimitero Monumentale, con questa rassegna il Comitato provinciale dell’Anpi e il Comune di Milano vogliono onorare e far conoscere a un più vasto pubblico la figura e le opere della artista milanese Bianca Orsi, giovanissima partigiana durante la Resistenza e scultrice singolare nel corso della sua lunga vita.

Nell’allestimento curato da Maria Grazia Recrosio e Daniela Vismara per la prima volta si accendono i riflettori sull’intero corpus del suo lavoro. La mostra antologica sottolinea, nel panorama della scultura italiana del secondo Novecento, l’unicità stilistica, la commossa robustezza del linguaggio figurale, la singolarità straordinaria della particolare intonazione plastica, la forza esemplare e la compiutezza definitiva della sua personalità espressiva.

Decana della scultura italiana, Bianca Orsi ha quasi sempre orientato le sue immagini verso un unico tema: quello della sopraffazione e della violenza, in particolare nei confronti della donna.

In mostra oltre cinquanta opere tra sculture di grandi dimensioni e piccolo formato, arazzi, dipinti e disegni, in cui si articola un’espressione plastica aggressiva, dura e scorciata, caratterizzata da una straordinaria energia, acuta, spinosa nella sua aspra enunciazione fatta di una perentorietà che solo risponde all’impulso di una vigorosa indignazione etica.

Personalità solitaria e schiva di occasioni pubbliche, quasi trascurata dal mercato e dalle istituzioni culturali, forse perché donna impegnata su un terreno considerato tipicamente solo maschile come quello della scultura, Bianca Orsi ha definito con il suo lungo lavoro un’inedita sintesi plastica e poetica vivamente suggestiva delle grandi correnti stilistiche del secolo appena trascorso.

Inaugurazione: mercoledì 8 marzo 2017, ore 18.00
Orari:da lunedì a venerdì 9.00-17.00, sabato e domenica 10.00-18.00
Visite guidate: mercoledì 15 e 22 marzo, ore 18.00

Ingresso gratuito.