Il crollo delle evidenze e la nascita di cose nuove. L'oggi come storia: ciclo di incontri

Centro Culturale di Milano

Largo Corsia dei Servi, 4

Milano

02 86455162

segreteria@cmc.milano.it

Guarda sulla mappa

 / 

Descrizione

Il venir meno di alcune evidenze del vivere comune e individuali, che caratterizza questo nostro tempo, si è già più volte verificato nella storia. Il presente rappresenta allora un'occasione per scoprire quelle grandi convinzioni che possono assicurare la convivenza oggi. Ma come sono nate? Come sono risbocciate di nuovo nella storia? Dapprima non viste, ma già sulla scena del mondo, sono un reale avvenimento, cioè qualcosa di assolutamente nuovo.

Appuntamento con il ciclo d'incontri Il crollo delle evidenze e la nascita di cose nuove. L’oggi come storia. Ecco il programma:

Mercoledì 15 febbraio, ore 20.45: Gli sguardi di Giotto. Una novità umana e culturale rivoluzionaria. Interviene
Marco Rossi, docente di Storia dell’Arte Medievale nell’Università Cattolica di Milano e Brescia. In un'epoca di forti sconvolgimenti dell’intero Mediterraneo e di trasformazioni del nuovo modello sociale con la nascita delle città, Giotto, sulla scia degli ordini mendicanti e in parallelo con Dante, propone una nuova possibilità di costruzione umana e culturale a partire dallo sguardo, rifondando la cultura e l’arte sulla persona: solo chi è guardato in un certo modo riscopre se stesso e il mistero infinito che fa tutte le cose.

Mercoledì 8 marzo, ore 20.45: La bellezza condivisa. Il nuovo inizio di San Filippo Neri alla Vallicella tra Federico Barocci e Caravaggio. Interviene Alessandro Rovetta, docente di Storia della Critica d’Arte nell’Università Cattolica di Milano. Alla metà del Cinquecento, nel contesto drammatico e incerto che caratterizzava Roma a seguito della riforma luterana (1517) e del saccheggio delle truppe imperiali (1527), fiorì l’esperienza carismatica di San Filippo Neri, improntata sulla comunione fraterna, la carità verso gli ultimi e la sollecitazione estetica al rapporto con Dio. Il programma decorativo per la chiesa di Santa Maria in Vallicella, ideato da San Filippo e attuato dai più grandi artisti del tempo, è ancora oggi esempio di una vita di fede capace di coinvolgere tutto l’umano in un’esperienza che affonda nella carne e rapisce fino al cielo. (SPOSTATO AL 9 MARZO ORE 20.45).

Martedì 21 marzo, ore 20.45: Don Sturzo, il popolo e la democrazia. La politica è vita nel senso più completo della parola. Interviene Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale.

Giovedì 30 marzo, ore 20.45: Un altro sessantotto… Dialogo sulla storia di GS nel libro di Marta Busani. Intervengono Marco Garzonio, giornalista, Presidente della Fondazione Ambrosianeum; Carlo Tognoli, Presidente della Fondazione Amare Milano, ex Sindaco di Milano; Pier Alberto Bertazzi, direttore Dipartimento Scienze Cliniche e Medicina di Comunità nell’Università degli Studi di Milano.

Prenotazioni: www.centroculturaledimilano.it.

Calendario Spettacoli in programma

Giovedi 30 marzo Ore 20:45