Piccola guida alla vita low cost

Piccola guida alla vita low cost

Tempo di crisi? Trucchi e idee per risparmiare senza rinunce: dalle vacanze al parrucchiere, dai farmaci alla vita notturna. E tu hai qualche trucco per divertirti spendendo poco?

Magazine / Società & Tendenze / Attualità (archivio)

Notizia in archivio Il testo potrebbe risultare mal formattato e alcuni link potrebbero non più funzionare.

Lunedi 27 aprile 2009

Siamo sicuri che risparmiare voglia dire rinunciare? Per stare attenti alle spese ed affrontare nel nostro piccolo la crisi, a volte basta solo qualche accorgimento in più. Evitare gli sprechi, riciclare e condividere, ma anche dare sfogo alla fantasia creando col fai-da-te. Vacanze alternative, parrucchieri low cost e acquisti online. Riciclare regali non graditi, bottiglie e sacchetti di plastica, ma anche evitare l'abbonamento in palestra sostituendolo con esercizi in salotto. I modi per risparmiare sono tanti e spesso noti. Ma ce ne sono anche di molto curiosi. Ecco alcune proposte per stare attenti al portafogli senza (troppi) sacrifici.

Tieni d’occhio le spese scrivendole
Proviamo a pensare a quante volte durante il giorno apriamo il portafogli. Fare un bilancio delle uscite può aiutarci a distinguere le spese utili e necessarie da quelle superflue e d’impulso. Scommettiamo che vincono le seconde?

Mettere in comune: uno stile di vita
Se nelle grandi città condividere auto e bicicletta sta già diventando un nuovo stile di vita grazie a car e bike sharing (leggi anche Car sharing e MoBike: il Comune di Genova lancia il Bike Sharing), non manca chi propone di mettere in comune il guardaroba. L’idea arriva da quattro amiche fashion victim londinesi che con 300 sterline al mese a testa acquistano capi griffatissimi per poi condividerli. L’importante è condividere anche taglia e gusti. In Italia c'è e.G.o. a Brescia, ma a nessuno vieta di imitare le apripista londinesi.
Non nuovo in Europa, ma recente in Italia, è invece il co-housing, comunità residenziali in cui si mettono in comune alcuni spazi e servizi, una sorta di villaggio insomma, in cui affiancare singole unità abitative a palestre, orti, stanze per gli ospiti, auto e quant’altro in comune.
E se anche affittare un ufficio può essere un vero lusso, un’idea è quella di condividerlo: postazioni "a tempo" (si va dai 10 ai 100 Eu all’ora o dai 150 ai 700 mensili), in cui usufruire di pc, internet, sala caffè e riunioni. In Italia troviamo uffici fast & low cost a Bologna, Milano e Roma.

Impara dagli antichi col baratto
Quando l'ho letto la prima volta non ci credevo, eppure il baratto non è affatto passato di moda. Basta cliccare su www.zerorelativo.it o www.barattopoli.com o www.scambiamoci.it o www.permute.it per rendersene conto. Baratto di moda anche tra le signore bene: vere e proprie feste organizzate per barattare abiti e accessori di lusso. Mai sentito parlare di swap party?

Viaggiare sui divani e in fattoria
Alzi la mano chi non ha mai acquistato un volo low cost o non si è avventurato per un viaggio fai-da-te. Tenendo sotto controllo offerte last minute e di voli a basso costo si può dare già un bel taglio alle spese per la vacanza (www.volagratis.com è il motore di ricerca per i voli low cost). Ma il risparmio può comprendere anche il resto del viaggio se ad hotel e villaggi preferiamo appartamenti in affitto o ostelli (basta un clic per trovare quello giusto per noi: hostelworld, hostelbookers, hostelclub, solo per citarne alcuni).
Per chi ha spirito d’avventura, un modo simpatico e decisamente economico per andare in vacanza è il couchsurfing. Surfando fra i divani messi a disposizione gratuitamente dai più di 400.000 couchsurfers sparsi in più di 200 paesi e 35.000 città del mondo, non solo si risparmia ma si fanno anche nuove amicizie. Oppure farsi qualche settimana di vacanza scambiando la propria casa con qualcun'altro, in stile L'amore non va in vacanza.
Carina anche la vacanza bio in fattoria: in cambio di una mano al contadino, giro il mondo (i contadini associati sono 344 in ben 14 paesi) senza pagare né vitto né alloggio (www.wwoof.it).
Come risparmiare migliaia di Eu all'anno e magari rimediare una vacanza in più? Smettendo di fumare. E non ci guadagnerete solo in divertimento.

Notte: divertimento low cost
Cinema, locali e ristoranti con prezzi alle stelle? Risparmiare senza rinunciare a una bella serata in compagnia è possibile.
Qualche anno fa nasceva in Francia il rentring, la tendenza pantofolaia per vivere la notte a casa fra amici invece che in giro a folleggiare (e spendere) per locali. Basta una spaghettata, un dvd e del buon vino per godersi una serata anche in panciolle sul divano. Divano e tv, ma anche tornei di giochi in scatola o gare di cucina. E con l’arrivo della bella stagione, grigliate in terrazza o in giardino, con tanto di bagno in piscina se ci scappa l’amico ricco, non passano mai di moda.
Se non sapete proprio rinunciare al ristorante ma temete il conto finale, scegliete i locali che propongono menu a prezzi fissi, come giro-pasta, giro-pizza, degustazioni o, se siete in gruppo, accordando per tempo menu e cifra col ristoratore.
Per serate più informali benissimo anche aperitivi lunghi: con circa 7 Eu per la consumazione (di solito le successive hanno prezzi più bassi) si tira fino a tardi a giri di buffet.
E se rinunciate al fine settimana al cinema, rimandandolo ai giorni infrasettimanali, potrete risparmiare fino alla metà.

Parrucchiere? Vado a Chinatown
Siamo sugli 8-10 Eu per taglio e piega, sui 3 per la manicure. Essere sempre in ordine e spendere davvero poco: a Milano, nel quadrilatero che comprende via Paolo Sarpi, via Farini, via Messina e via Montello è possibile. Pochi fronzoli, questo è sicuro, ma la clientela multietnica sembra soddisfatta, tant’è che molti clienti italiani arrivano anche da fuori Milano.

Non comprare niente
Può sembrare banale ma quella del buy nothing è una teoria che può farci riflettere sugli eccessi consumistici della società occidentale e di conseguenza farci risparmiare. Dal 1992 viene anche celebrata una volta all’anno in un giorno lavorativo la Giornata mondiale del non-acquisto, e nella data stabilita chiunque vi può aderire semplicemente astenendosi per 24 ore da qualsiasi acquisto. Senza aspettare giornate internazionali, possiamo organizzare buy nothing days personalizzati, magari una volta a settimana, imparando così a gestire al meglio i prodotti che riempiono la nostra casa e soprattutto il nostro frigorifero.

La cultura non ha prezzo
Acquistare libri è talvolta un lusso per pochi. Per non parlare delle cifre di bibliografie liceali o universitarie. Il mondo dell’usato editoriale è per questo ormai molto diffuso, a partire da Il Libraccio, vero pioniere nella compravendita dei libri di seconda mano, ma anche attraverso gli scambi fra studenti, amici o in rete. E non dimentichiamoci dei prestiti in biblioteca, non solo per quanto concerne il risparmio.

Farmaci: prova il generico
Esistono farmaci di cui è scaduto il brevetto e che possono quindi essere riprodotti liberamente, di solito a prezzi davvero competitivi. Per controllare se il vostro farmaco usato è generico, oppure quale farmaco è più economico fra tutti quelli con lo stesso principio attivo, esiste un sito www.generici.com, vero e proprio motore di ricerca sui farmaci generici.

Usa la testa e riduci le utenze
Luci accese in stanze vuote, riscaldamento in funzione e finestre aperte, acqua che scorre mentre laviamo i denti. Sono solo alcune piccole disattenzioni che se corrette fanno bene non solo all’ambiente ma anche al nostro conto in banca. Al bagno preferite la doccia, fate lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico ed evitando temperature troppo elevate. Anche se più costose, le lampadine a risparmio energetico durano otto volte di più di quelle tradizionali e consumano fino al 70% in meno. Regola la temperatura ambiente a non più di 18-19 °C, evita di coprire i termosifoni e fai attenzione alle dispersioni di calore con paraspifferi e infissi isolati. Risparmiare gas è possibile anche in cucina, adeguando la dimensione del fornello a quella della pentola e usando coperchi e pentole a pressione. Occhio inoltre alle lucine rosse di televisori, lettori e pc.
Anche le spese telefoniche possono diminuire parecchio adeguando le tariffe alle nostre reali esigenze o utilizzando internet anche per le telefonate. Con Skype puoi affiancare il sistema di istant messaging con l’opzione a pagamento per chiamare i telefoni fissi, ma con un bel taglio alla bolletta.
Un ottimo modo per risparmiare è anche quello di produrre energia istallando magari sul proprio tetto un pannello solare o una pala eolica: sul sito Enertop trovi una lista delle aziende del settore e un vademecum degli incentivi.

Risparmia col fai-da-te
Un’ottima idea non solo per spendere meno ma anche per svagarci. Sferruzzare a maglia, creare bijoux e quant’altro non sono più solo passatempi ma anche terapie contro lo stress e il carovita. Così come produrre a casa propria conserve, distillati, ma anche un elemento base della nostra tavola come il pane, che di questi tempi può arrivare anche ai 5 Eu al chilo.

Shopping: supermercati, saldi, outlet e internet
Frutta e verdura di stagione costano meno grazie all’offerta più abbondante. Al supermercato tenere conto dei depliant per le offerte promozionali, carte fedeltà, prodotti posti in basso negli scaffali (detta in soldoni, le marche più ricche pagano di più per avere le posizioni migliori), confezioni "famiglia" e confrontare sempre i prodotti in base ai prezzi al chilo e al litro. Avere una lista della spesa e il pancino pieno può inoltre aiutarci a trattenerci dagli acquisti d’impulso. Un buon modo per risparmiare, con un occhio di riguardo alle public relations, è quello di creare un gruppo di acquisto: unite 15-20 persone, magari condomini, contattate alcuni esercenti chiedendo una convenzione o uno sconto sulla spesa offrendo loro in cambio di praticare gli acquisti presso la loro attività.
Allontanandoci dagli alimentari, i periodi migliori per fare acquisti sono sicuramente quelli dei saldi (ecco qualche dritta) mentre ottime occasioni si trovano nelle cosiddette "cittadelle della moda", dove trovare raggruppati gli outlet delle maggiori griffe: la catena Mc Arthur Glen (Serravalle Scrivia, Castel Romano, Barberino del Mugello, Noventa di Piave), Vicolungo a Novara, Fidenza Village a Fidenza, Fashion District a Valmontone, Mantova e Molfetta, Fox Town di Mendrisio.
Gli acquisti online sono sempre più diffusi perché veloci e convenienti. La rete ci permette inoltre di confrontare prezzi e offerte senza muoverci dalla scrivania: un buon sito per farlo è www.trovaprezzi.it, dove trovare anche le opinioni di chi ha già acquistato.

Federica Verdina

Palazzo Ducale Genova

Martedi 21/10/2014 ore 14:30
Sala del Maggior Consiglio e Sala del Minor Consiglio

Paganini's Songbook

Il Conservatorio Niccolò Paganini: 600 anni di canzoni e 30 anni da Crêuza de mä., ingresso libero

Mercoledi 22/10/2014 ore 15:30
Sala del Minor Consiglio

Daniele Ferrari

Presentazione del libro Lo status giuridico delle coppie same sex: una prospettiva multilivello, ingresso libero

Mercoledi 22/10/2014 ore 21:00
Sala del Maggior Consiglio

Tito Boeri

Conferenza del ciclo L’Italia s’è desta? a cura della Fondazione Edoardo Garrone, introduce Giovanna Zucconi ingresso libero

Google+