Pornoromantica: sesso e amore senza tabù

Magazine / Cultura / Libri & Scrittori (archivio)

Approfondisci

Il blog
">

Notizia in archivio Il testo potrebbe risultare mal formattato e alcuni link potrebbero non più funzionare.

Lunedi 2 aprile 2007

La masturbazione è il modo migliore per prendersi cura di sé, il sesso orale non è un atto di sottomissione ma di reciproca arrendevolezza, quello anale una pacchia (a chi piace...). Sono solo alcune delle pillole che si trovano nel libro Pornoromantica, opera prima di derivazione internettiana di Carolina Cutolo.
È il 2003 quando un'amica le consiglia di aprire un blog. Carolina, studentessa di sociologia con la penna facile, afferra l'occasione al volo. «In quel periodo ero innamorata - dice - e mi ronzava in testa questa parola, Pornoromantica, che rappresentava bene lo stato d'animo verso il mio fidanzato dell'epoca». Sentimento e sesso: mix alchemico perfetto secondo l'autrice.

«L'aver incentrato tutta l'attenzione sul sesso potrebbe essere considerata una paraculata - continua Carolina - ma non era mia intenzione sfruttare l'argomento solo per fare rumore: Non mi ricordo neanche bene perché cominciai. Comunque all'inizio ero un po' preoccupata, poi l'affetto dei lettori ha fatto il resto». Nel corso del primo anno il blog ha ottenuto centomila contatti, oggi sono oltre cinquecentomila.
Partito come un diario, l'archivio è cresciuto per temi. Ecco alcuni dei post più letti e commentati: Leccare la Patonza da 0 a 10, Pompino Perfetto VS Pompino Improvvisato, Pompino e Sottomissione: storica menzogna, Apologia della sveltina.

Quando i numeri sono diventati importanti, anche gli editori hanno rizzato le orecchie. Il più veloce è stato Fazi. «Ovviamente ho dovuto riadattare il materiale per la pubblicazione su carta». Così un giorno, sulla spiaggia, le viene in mente un'idea: perché non incentrare la storia attorno a una ragazza che scrive un corso di sessuolgia per corrispondenza (che poi è la stessa Carolina)?
Il libro avanza su due binari: da una parte le dispense del corso, leccate e costruite ad hoc per le necessità dell'azienda di formazione, ovvero rivendere dispense all'infinito. Dall'altra l'esperienza personale dell'autrice, scanzonata, realistica, ironica, a tratti tragicomica. I linguaggio è diretto, niente sconti al perbenismo. Lo stile, però, non è mai volgare.

La cosa più bella di questa esperienza? «I racconti autobiografici. Le persone che mi leggono sono curiose e si mettono in discussione. Leggere le loro storie è stato bellissimo».
E anche Carolina, che si è messa su una cattedra calda, diciamo così, ha imparato molto dai suoi lettori. «Spesso erano proprio loro a costringermi a riflettere, oppure a proporre degli argomenti». I detrattori non sono mancati: «qualcuno si è sentito offeso dal fatto stesso che io occupassi uno spazio su internet».
Pornoromantica spazza via tutti i tabù con ironia. «Bisogna sempre chiederci perché esistono i tabù, perché ci imponiamo dei divieti».

I fan più sfegatati se ne faranno una ragione: la vena di Carolina sul sesso sta per esaurirsi: «vorrei scrivere, e sto già scrivendo altre storie».
Perché comprare il tuo libro? «Perché è divertente, parla d'amore, di sesso, elementi legati profondamente. Poi c'è una storia, una protagonista cazzara che è anche una specie di filosofa dell'eros». Il sesso, insomma, a cavallo tra il serio e il faceto.

Daniele Miggino

Palazzo Ducale Genova

Giovedi 02/10/2014 ore 17:45
Sala del Maggior Consiglio

Grandi incontri - Stefano Rodotà

Crisi e futuro prossimo della democrazia, lectio magistralis. Prima conferenza del ciclo La democrazia dopo la democrazia, a cura di Stefano Rodotà e Nicla Vassallo

Google+