Triennale Milano Teatro, il programma del festival Fog 2022 da Laurie Anderson ai The Divine Comedy

Triennale Milano Teatro, il programma del festival Fog 2022 da Laurie Anderson ai The Divine Comedy

Teatro Milano Triennale Milano Teatro Venerdì 4 febbraio 2022

Clicca per guardare la fotogallery
Laurie Anderson

Milano - Dal 22 febbraio al 14 maggio 2022 al Triennale Milano Teatro torna Fog Triennale Milano Performing Art, quinta edizione del festival milanese simbolo di arte e internazionalità, aperto ai giovani, ai curiosi, e a tutti coloro che nutrono il desiderio di tornare a vivere di arte, bellezza e cultura. Il progetto, ormai consolidato grazie al grande lavoro fatto da Triennale Milano, rappresenta per tutti la possibilità di assistere a numerosi spettacoli innovativi e contemporanei.

Fog 2022 si delinea come una vera e propria missione dedicata alle molteplici declinazioni ed espressioni artistiche esistenti. Performance, musica, danza e teatro, giorno dopo giorno si contaminano regalando ai visitatori momenti di importante riflessione: all’interno degli spazi di Triennale Milano, e non solo, il pubblico ha l’occasione di assistere a numerosi spettacoli ed eventi emozionanti e coinvolgenti. Il rapporto tra corpo e tecnologia, realtà e percezione, violenza e potere, identità e libertà sono solo alcuni dei temi affrontati nel programma di Fog 2022, che conta ben 30 appuntamenti, 88 repliche complessive e 9 spettacoli tra produzioni e co-produzionii targate Fog, con il coinvolgimento di 35 artisti provenienti da 12 paesi.

Artisti come Laurie AndersonChristoph MarthalerRomeo CastellucciBoris Charmatz, Gisèle VienneChristodoulos PanayiotouSusanne Kennedy e i The Divine Comedy offreono la preziosa possibilità agli spettatori di scoprire e conoscere realtà di grande valore e prestigio. Come spiega il direttore artistico di Triennale Milano Teatro Umberto Angelini, «Fog intende rappresentare un laboratorio, un autentico organismo mutante in grado di far coesistere tensioni e sensibilità artistiche differenti, accumunate da uno sguardo radicale e radicato nella contemporaneità».

Il programma di Fog 2022 prende il via dal 22 al 24 febbraio 2022 al Triennale Milano Teatro con il drammaturgo e regista Daniel Veronese, maestro del teatro argentino e latino-americano, che presenta lo spettacolo Brevi interviste con uomini schifosi di David Foster Wallace. A dialogare sul palco del ritratto dell’uomo contemporaneo, incapace di creare relazioni con l’altro sesso, però, non sono un uomo e una donna, bensì due uomini che si alternano nei ruoli.

La seconda protagonista è già una delle più attese di Fog 2022: la scrittrice, regista, artista visiva e cantante Laurie Anderson, in scena dall'1 al 6 e dall'8 al 13 marzo 2022 nell’Art Lab di Triennale Milano, dall’1 al 6 e dall’8 al 13 marzo 2022 con la prima italiana di To the moon. Lo spettacolo creato in collaborazione con l'artista taiwanese Hsin-Chien Huang, è un viaggio immersivo che trae ispirazione da immagini e metafore prese dalla mitologia greca: 15 minuti in cui il pubblico può provare un’esperienza davvero particolare ed estraniante.

Dal 3 al 6 marzo 2022 va in scena all’interno del Triennale Milano Teatro la prima italiana di Queens Row di Richard Maxwell. Sul palco tre donne reduci dalla guerra civile in America, raccontano al pubblico di quell’amara sofferenza fatta di violenza, discriminazione, povertà e morte. I tre monologhi interpretati rispettivamente da Nazira Hanna, Soraya Nabipour e Antonia Summer, descrivono in maniera lucida e forte ciò che resta di una vita mutilata e violentata.

Fog 2022 prosegue con la compagnia di danza Mk,fondata nel 2000 da Michele di Stefano, artista associato di Triennale Milano Teatro, che l'8 e 9 marzo 2022 porta in scena la performance di matrice cross-culturale Maqam. Danza e musica mediorientali si contaminano e interagiscono grazie alle sonorità prodotte dal vivo dal compositore Lorenzo Bianchi Hoesch e dalla voce di Amir ElSaffar, protagonista del jazz contemporaneo ed esperto della tradizione del maqam iracheno.

Si prosegue l'11 e 12 marzo 2022 sullo stesso palco con la prima italiana di Somnole, del danzatore e coreografo francese Boris Charmatz. La rappresentazione del ballerino formatosi all’École de danse dell’Opèra National de Paris, attraverso la danza, indaga ed esplora il momento dell’assopimento e il sognare a occhi aperti.

Le sere successive, il 13 e 14 marzo 2022, ci si sposta presso il Salone d’Onore di Triennale Milano per Dialogo terzo: in a landscape, frutto della collaborazione tra il ColletivO CineticO e il pluripremiato e Leone d’Oro alla carriera Alessandro Sciaronni. Nello spettacolo, che prende in prestito il titolo dal brano omonimo di Jhon Cage, la danza e la musica si amalgamano alla perfezione.

Il 13 marzo 2022, nuovamente al Triennale Milano Teatro, si esibiscono in concerto i Casino Royale: la storica nata nel 1987 a Milano, dopo l’uscita dell'album Polaris, propone Road to Polaris uno spettacolo ideato appositamente per Fog e arricchito dagli archi del Venaus Quintet e dalle percussioni dal sapore etnico di Miccolis. In scaletta brani classici, odierni e inediti per far viaggiare la mente e il cuore.

Continua la rassegna all’interno della Triennale Teatro con l’intima e divertente performance Aucune idèe, del regista francese Christoph Marthaler, in scena il 15 e 16 marzo 2022. Lo spettacolo, interpretato dall’attore scozzese Graham F. Valentine, è un un lavoro fatto di complicità, sintonia, musica e performance, con l’accompagnamento musicale del suonatore di viola da gamba e violoncellista barocco Martin Zeller.

Dal 16 al 20 marzo 2022, presso l’Impluvium di Triennale Milano, Fog porta per la prima volta in Italia l’opera di Susanne Kennedy, artista multidisciplinare di fama mondiale. Nel progetto I Am(Vr), la regista e l’artista multimediale Markus Selg sperimentano attraverso gli strumenti del teatro immersivo, nuove e più profonde dimensioni.

Il 17 marzo 2022 il Triennale Milano Teatro ospita l'unica data italiana dei The Divine Comedy, il progetto musicale fondato dal cantautore nordirlandese Neil Hannon nel 1990 che ha da poco festeggiato i 30 anni di attività con la pubblicazione dell'album Charmed Life: The best of the The Divine Comedy.

Per gli amanti della musica, il 18 marzo e il 14 maggio 2022, la Triennale torna ad accogliere Radio Raheem, che presenta alcune delle realtà musicali più innovative del panorama italiano e internazionale contemporaneo. Il programma e gli orari dei concerti sono in via di definizione.

Il 19 e 20 marzo 2022 presso lo Spazio Education di Triennale Milano, Silvia Costa presenta la prima italiana dello spettacolo E Dio si riposò il settimo giorno, un'indagine del legame familiare inteso come un’impresa comune e un disegno collettivo. Una famiglia ha di fronte a sé una tela bianca e molti colori da utilizzare: insieme, armati di pennelli e matite, bisnonno/a, nonno/a, padre/madre e figlio/a devono dipingere e ricreare l’immagine di una fotografia.

Il cartellone continua il 22 e 23 marzo 2022 al Triennale Milano Teatro con l’artista iraniana Smaïl Kanouté, per la prima volta in Italia, che ricorda le vittime di arma da fuoco a New York, Rio de Janeiro e Johannesburg. Never Twenty One è il titolo dello spettacolo ed è ripreso dall’hashtag #Never 21, lanciato dal movimento Black Lives Matter. Tre danzatori, Aston Bonaparte, Salomon MpondoDicka e lo stesso Smaïl Kanouté, coperti di graffiti, attraverso il proprio corpo, incarnano le parole delle vittime e delle loro famiglie in un’atmosfera urbana infusa di sciamanesimo.

Il 26 e 27 marzo 2022, sempre al Triennale Milano Teatro, va in scena la prima italiana di In Transit di Amir Reza Koohestani, uan produzione Comédie de Geneve. Lo spettacolo è adattato liberamente dal romanzo Transito di Anna Seghers e si rifà anche ad un episodio vissuto personalmente dal regista in cui è stato trattenuto dalla polizia di frontiera all’aeroporto di Monaco: in un tempo sospeso e dilatato, la finzione e realtà si intrecciano, provocando così nel pubblico una riflessione sul significato della narrazione. Il regista si trova inavvertitamente nei panni dei suoi personaggi: cosa accadrà?

La rassegna va avanti l’1 e 2 aprile 2022 con la coppia di danzatori giapponesi Aguyoshi: Aisa Shirai e Keke, per la prima volta fuori dal loro paese, si esibiscono in una coreografia composta da acrobazie sorprendenti. Il duo offre al pubblico l’esperienza di corpi deboli, che si lasciano ondeggiare dal vento. Queste performance sono a ingresso gratuito, con luoghi e orari in via di definizione.

Il 2 aprile 2022 presso il Triennale Milano Teatro viene portato in scena, nell'ambito di MiArt, lo spettacolo Dying on Stage, dell’artista cipriota Christodoulos Panayiotou. Prendendo come punto di partenza il balletto classico La Bayadére di Rudolf Nureyev, egli riflette sull’impossibilità di rappresentare la morte sul palco e lo fa attraverso l’uso di diversi materiali come estratti d’opera, concerti, interviste, fino ad arrivare a spezzoni di programmi televisivi.

Il 2 e 3 aprile aprile 2022 all’interno degli spazi della Triennale, va inoltre in scena la prima italiana di Les baigneurs della coppia di registi, perfomer e scultori formata da Yvan Clédat e Coco Petitpierre. A metà tra performance e installazione, la piéce è a ingresso gratuito e ispirata al soggetto ricorrente della pittura moderna delle bagnanti: il duo porta sul palco due bambole a grandezza naturale vestite con dei costumi da bagno a righe.

Altro evento gratuito, in programma sempre il 3 aprile 2022 al Triennale Milano Teatro, è la proiezione in prima assoluta del film Milano di Romeo Castellucci e Yuri Ancarani: 100 scheletri camminano per le strade della città di Milano in una fredda notte di novembre; in silenzio, percorrono piazze e vie senza rivendicare nulla, se non i loro passi in mezzo alle loro case.

L'appuntamento con gli spettacoli dal vivo torna il 6 e 7 aprile 2022 con La notte è il mio giorno preferito della danzatrice, coreografa e artista associata di Triennale Milano Teatro Annamaria Ajmone. La pièce è una profonda riflessione sul rapporto con l’altro attraverso una meditazione sugli animali e gli ecosistemi in cui vivono. L’invito al pubblico è quello di percorrere strade e percorsi non ancora battuti, ma tutti da esplorare, lascandosi così guidare dall’intuito e dall’istinto primordiale.

Il 7 aprile 2022 al Triennale Milano Teatro si esibisce in prima italiana con il suo Flora Live l’artista del suono di origini cinesi e malesi, Flora Yin Wong. Oltre ad essere un’artista del suono, Flora Yin Wong è una dj e scrittrice sperimentale, il cui lavoro combina field-recording e antichi strumenti tradizionali come le campane tibetane con elaborazioni elettroniche.

Doppio appuntamento con Vittorio Cosma che porta in scena lo spettacolo Open Machine prodotto da The Goodness Factory, spazio intellettuale e fisico per la promozione di attività artistiche, in particolare di quelle emergenti. L’8 aprile 2022 alla Triennale Milano e il 6 maggio 2022 alla Fondazione Il Lazzaretto, Vittorio Cosma dirige un happening di improvvisazione che rimette al centro la musica, portando il pubblico direttamente a contatto con i meccanismi del processo della creazione musicale, un format unico e travolgente.

Il 13 e 14 aprile 2022 al Triennale Milano Teatro arriva la compagnia spagnola di danza contemporanea La Veronal diretta da Marcos Morau, che presenta lo spettacolo Pasionaria. In Pasionaria esiste un altro mondo immaginario in cui la vita è diventata un’esperienza artificiale e gli abitanti di questo pianeta ideale hanno perso la facoltà di provare emozioni e passioni: 8 danzatori mostrano al pubblico le conseguenze di questa perdita attraverso movimenti e parole.

In contemporanea, il 13 e 14 aprile 2022 Fog fa tappa anche allo Spazio Serra, dove va in scena Rettilario di Sara Leghissa. L’installazione costruita in collaborazione con Tomas Gonzales è una prima italiana che invita il pubblico a entrare in contatto con un ambiente che è al contempo naturale e artificiale. Il rettilario è lo spazio in cui la vita di piccoli animali diventa oggetto dell’attenzione umana. L'ingresso è gratuito.

Dal 20 al 23 aprile 2022 al Triennale Milano Teatro la coppia di autori, registi e performer Daria Deflorian e Antonio Tagliarini si esibiscono nello spettacolo Avremo ancora l’occasione di ballare insieme, in cui si confrontano con l’immaginario cinematografico del grande Federico Fellini. La pièce - liberamente ispirata al film Ginger e Fred con Marcello Mastroianni e Giulietta Masina - è una riflessione sull’essere coppia e sullo stare in insieme.

A seguire il 27 e 28 aprile 2022 il cartellone di Fog si sposta al Teatro Out Off, dove l’artista Stefania Tansini presenta il progetto My body solo, in cui continua il suo percorso di sperimentazione sul corpo e sul movimento esplorando le possibilità di relazione tra l’esistenza individuale e l’esperienza collettiva.

Il 28 e 30 aprile 2022 si torna al Triennale Milano Teatro con lo spettacolo L’Etang ideato dalla nota coreografa e regista franco-austriaca Gisèle Vienne. L’Etang è uno dei primi lavori dello scrittore svizzero Robert Walser e narra la storia di un ragazzo, che non sentendosi amato, intenta un finto suicidio pe attirare su di sé l’attenzione della propria madre. Dietro a tale esasperata richiesta d’amore, il testo descrive e indaga la violenza delle norme sociali in cui una partitura vocale a dieci voci è recitata da Adèle Haenel (vincitrice di due Premi César e interprete nel film Ritratto della giovane in fiamme di Céline Sciamma) e Henrietta Wallberg attraverso un gioco complesso di dissociazione.

Dal 29 aprile al 5 maggio 2022, in un luogo in via di definizione, la rassegna prosegue con il duo svizzero Trickster-p, nato dall’incontro di Cristina Galbiati e Llija Luginbühl. Il loro spettacolo Eutopia, attraverso un approccio ludico e multisensoriale, unisce performance, installazione e game design ed esplora un nuovo modo di fare insieme attraverso un approccio ludico e multisensoriale. 

Il 30 aprile 2022 si torna al Teatro Out Off con lo spettacolo Swans never die di Camilla Monga, Chiara Bersani, Philippe Kratz e Virna Toppi. Il progetto, promosso da una rete di soggetti, di cui Triennale Milano è parte, è un lavoro intorno ad un pezzo eterno della danza: La morte del cigno.

Per lo spettacolo successivo, il 12 e 13 maggio 2022 si torna al Triennale Milano Teatro con la prima italiana del berlinese Dance On Ensemble, che celebra l’eccellenza artistica dei danzatori over 40. In programma Deep Song, un riallestimento di un breve lavoro di Marta Graham, ed Everything/Nothing, installazione neon del pluripremiato Tim Etchells; Work in Silence che fa rivivere le opere di Lucinda Childs degli anni’70, spogliate di aspetti teatrali per esprimere la fragilità umana; e la coreografia Marmo di Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi.

Il ricco programma di Fog 2022 si conclude il 14 maggio 2022 al Parco Sempione con le Improvvisazioni Itineranti di Ariella Vidach, direttrice artistica della Compagnia AiEP danzatrice e coreografa di origine croata formatasi nella New York degli anni ’80. Il progetto, pensato appositamente in un ambiente pubblico, è stato creato per supportare la creatività di nuovi talenti e per coinvolgere giovani danzatori: una vera e propria ricerca di una nuova relazione tra corpo e natura.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.