Milano Design City 2021, installazioni in città e incontri on line: il programma del Fuorisalone senza Salone

Milano Design City 2021, installazioni in città e incontri on line: il programma del Fuorisalone senza Salone

Cultura Milano Mercoledì 7 aprile 2021

© YesMilano

Milano - A Milano, secondo Fuorisalone senza Salone. Con la data del Salone del Mobile 2021 posticipata all'autunno, da lunedì 12 a domenica 18 aprile 2021 si riaccendono le luci sul design con una nuova edizione di Milano Design City, che fa seguito a quella svoltasi in gran parte on line nell'autunno 2020.

Anche Milano Design City 2021 si presenta come una rassegna prevalentemente virtuale, ma con diversi appuntamenti on site - nel rispetto delle misure anti Covid-19 vigenti - in giro per la città. Il programma è ricco di webinar e talk on line, ma sono previsti anche percorsi in città alla scoperta delle nuove zone del design, installazioni e mostre, e l'inaugurazione di un giardino zen. Ma vediamo di riassumere quali sono i principali appuntamenti in programma.

Partiamo dalla immancabile Interni Designer's Week, un programma di talk e incontri con architetti e designer al Meeting Point Interni presso l'Istituto Marangoni (da seguire in live streaming) e una installazione di grande impatto visivo di Mario Cucinella presso la Biblioteca degli Alberi.

Altro evento tra i più rilevanti, l'inaugurazione del Giardino Zen Teresa Pomodoro in piazza Piola, un nuovo spazio meditativo con una installazione artistica di Kengiro Azuma (5 gradoni cilindrici di diverse altezze che accolgono 2 rospi in bronzo) e un'area pedonale a forma di goccia abbracciata da 21 ciliegi intervallati da panche: l'inaugurazione è in programma domenica 18 aprile 2021 alle ore 17.00, con musica, danza e la lettura dei testi della drammaturga e attrice Teresa Pomodoro a cui il giardino è intitolato.

Per tutta la durata di Milano Design City 2021 la piattaforma digitale Fuorisalone.it presenta una serie di iniziative (se consentito, da seguire anche dal vivo presso gli showroom) sul tema Le Forme dell'Abitare, uno spazio di riflessione su come potrebbero evolversi in futuro gli spazi abitativi. Vanity Fair dà voce a grandi storie sulla sostenibilità, con protagoniste donne che stanno cambiando il mondo per costruire un futuro migliore, e altre storie di impegno e crescita in generale. Vogue Italia propone invece l'iniziativa Life in Vogue: love letters to Milan, con una settimana di eventi on line e la reinterpretazione del palazzo della redazione del magazine, decontestualizzato dall'ambiente urbano e immerso nella natura secondo le visioni creative di interior designer internazionali.

Partecipano a Milano Design City 2021 anche il distretto delle 5Vie, sulla cui piattaforma digital è in programma una serie di appuntamenti sul tema del ruolo del design in Italia nel processo di costruzione e ricostruzione dell’identità, del valore, delle economie; l'Associazione Milano Durini Design District con momenti di incontro (sia in forma virtuale, sia - se possibile - con accesso su appuntamento agli showroom dei brand associati) e l'apertura degli showroom del quartiere fino alle 22.00 giovedì 15 aprile (anche questa, se consentito dalle misure anti Covid); e Isola Design District, che dà il via alla manifestazione Isola Design Festival (con appuntamenti in programma fino a settembre) con presentazioni di progetti, live talk, mostre virtuali e interviste con ospiti internazionali su Isola Tv.

Per andare alla scoperta dei nuovi luoghi del design, Milano Design City 2021 presenta da lunedì 12 a domenica 18 aprile un percorso guidato all'interno dell'Alpha District (ovvero il progetto di marketing territoriale di rivitalizzazione artistica e culturale del Portello e delle aree limitrofe all'ex comprensorio industriale Alfa Romeo) e del QT8 (il Quartiere della Triennale Ottava, nato da un gruppo di  progettisti capitanati da Piero Bottoni, ispirato all'opera di Le Corbusier e al concetto di città-giardino e portatore di una nuova concezione dello spazio urbano). In queste aree si trova un concentrato di architetture d'autore ancora poco conosciuto al grande pubblico: in particolare in piazza Gino Valle - la piazza più grande di Milano - e nei dintorni spiccano nomi quali Fabio Novembre, Emilio Isgrò, Jorrit Tornquist, Cino Zucchi, Guido Canali, Charles Jencks e Mario Bellini, fino ad arrivare alle torri di CityLife.

Altro spazi da visitare sono gli interni dei caselli daziari di piazza XXV Aprile che, da lunedì 12 a venerdì 23 aprile 2021, ospitano il percorso espositivo Tecno: back to emotions & future work, con il contributo di Zanotta: un allestimento dedicato alle tecnologie più innovative sia nei luoghi di lavoro condiviso, sia nelle abitazioni tornate nell'ultimo anno al centro del vivere quotidiano. Tra le mostre in programma, infine, sono da segnalare quella degli studenti Naba Design off‑line: progetti in un anno di pandemia allo Scalo Lambrate da lunedì 12 a domenica 18 aprile 2021 e La Design, Ladies Design del fotoreporter Ermes Beltrami, che racconta le donne del design attraverso foto, video, parole, oggetti e luoghi presso lo studio di design Sillabe (via dei Pellegrini 6) da lunedì 19 a domenica 25 aprile 2021.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.