Prima della Scala 2018/2019: Attila, trama e foto delle prove

2018-12-05 15:26:47

Da martedì 4 dicembre a martedì 8 gennaio 2019

Ore 18:00, 20:00

Altre foto

© Brescia/Amisano - Teatro alla Scala

Milano - Venerdì 7 dicembre 2018, giorno di Sant'Ambrogio, come da tradizione inaugura la stagione del Teatro alla Scala di Milano. La prima della stagione 2018/2019 è il dramma lirico in un prologo e tre atti Attila di Giuseppe Verdi, opera che - dopo Giovanna d’Arco, Madama Butterfly e Andrea Chénier - conferma l’impegno del Piemarini a riscoprire il repertorio italiano nella sua interezza.

Sul podio il direttore musicale Riccardo Chailly, mentre la regia è affidata a Davide Livermore. Con lui la squadra formata da Giò Forma per le scene, arricchite dai video di D-Wok e illuminate da Antonio Castro, e da Gianluca Falaschi per i costumi. In scena Ildar Abdrazakov nei panni del protagonista, mentre Saioa Hernández è Odabella, Fabio Sartori è Foresto e George Petean Ezio; Francesco Pittari e Gianluca Buratto rivestono i ruoli brevi ma non secondari di Uldino e Papa Leone. Il Coro del Teatro alla Scala e il Coro di Voci Bianche dell’Accademia Teatro alla Scala sono diretti dal maestro Bruno Casoni.

Preceduto dal fitto programma della Prima Diffusa 2018, l'appuntamento con la prima della Scala è dunque per le ore 18.00 di venerdì 7 dicembre, con biglietti i cui prezzi oscillano tra i 2500 euro della platea e i più abbordabili 50 della galleria. Non mancano però le occasioni di vederla gratis: oltre alla diretta tv su Rai1, sono ben 37 i luoghi di Milano dove è prevista la proiezione in diretta della prima di Attila. Dopo la prima, l'opera andrà in scena in altre 7 repliche fino a mercoledì 8 gennaio 2019 (qui le date di tutte le repliche di Attila e i prezzi dei biglietti).

Ma di cosa parla Attila? Qual è la trama dell'opera che inaugura la stagione 2018/2019 del più celebre teatro di Milano? Dalla tragedia Attila, König der Hunnen di Zacharias Werner, un dramma ispirato dal nazionalismo germanico, Verdi trasse il soggetto di una delle sue opere giovanili più infuocate, il cui debutto risale al 17 marzo 1846 al Teatro La Fenice di Venezia: di lì a poco, Attila avrebbe infiammato le platee risorgimentali, pronte a interpretarla come un invito esplicito alla rivolta contro l’oppressione straniera. Vediamo dunque, così come illustrata sul programma di sala del Teatro alla Scala, come si sviluppa la trama di Attila. A fondo pagina, invece, le foto ufficiali delle prove di Attila.

Prologo

Quadro I - Piazza di AquileiaSul finir della notte Attila, re degli Unni, compare su un carro tra le rovine di Aquileia, acclamato dalle sue orde. Viene condotto davanti a lui un gruppo di donne prigioniere, malgrado il suo ordine di non risparmiare nessuno. Uldino gli dice che si tratta di un omaggio al re, dato che le vergini italiche hanno difeso con le armi i loro fratelli. Attila chiede loro la ragione di tanto valore: Odabella, figlia del defunto signore di Aquileia, gli risponde che il motivo è l’amor di patria. Colpito dal coraggio della giovane, Attila le concede una grazia: Odabella rivuole la sua spada ed egli le porge la sua. La giovane esulta all’idea di potersi un giorno vendicare proprio con quell’arma. Attratto da Odabella, il re le ordina di rimanere presso il suo campo. Accoglie poi il generale romano Ezio, che gli propone l’Impero di Oriente e di Occidente in cambio del dominio sull’Italia. Attila rifiuta sdegnato, Ezio ha un moto d’orgoglio.

Quadro II - Rio Alto nelle lagune adriaticheDalle capanne escono alcuni eremiti che si avviano all’altare, dove ricordano la triste notte e pregano il Signore. Approdano in laguna alcune navicelle, da cui scendono i fuggiaschi di Aquileia guidati dal giovane cavaliere Foresto. Questi rivolge il pensiero all’amata Odabella, che sa prigioniera. Il coro lo esorta alla speranza.

Atto primo

Quadro I - Bosco presso il campo di AttilaGli Unni, alle porte di Roma, si preparano ad assalire la città. È notte; Odabella sfoga il suo dolore e crede di scorgere tra le nuvole le immagini del padre e di Foresto. Questi compare all’improvviso, in abiti barbari, accusandola di tradirlo con il nemico; ma la giovane si discolpa e lo mette al corrente dei suoi propositi di vendetta.

Quadro II - Tenda di AttilaUn sogno turba il sonno del capo degli Unni: mentre sta per attaccare Roma, un vecchio gli ordina di tornare indietro e di non violare il luogo sacro. Attila, spaventato, racconta il sogno a Uldino, che lo esorta a fugare i timori; ordina quindi ai capi del suo esercito di muoversi subito alla conquista di Roma. Ma agli squilli di tromba fanno eco voci lontane che intonano un canto sacro.

Quadro III - Il campo di AttilaDa lontano avanza una processione di vergini e fanciulli guidata da Leone e da sei anziani, che intimano ad Attila di arretrare da Roma. Il re è sopraffatto dal terrore: il sogno premonitore si è avverato.

Atto secondo

Quadro I - Campo di Ezio. Ezio legge sdegnato l’ordine dell’imperatore Valentiniano che gli impone la tregua con gli Unni. Mentre il generale romano sogna la riscossa della patria, arriva un gruppo di schiavi di Attila per invitarlo al campo dei barbari. Ezio accetta l’invito. Uno di loro gli rivela di essere Foresto: gli confida che Attila sta per essere ucciso e gli chiede di piombare, a un segnale convenuto, sul campo nemico. Ezio esulta, malgrado l’esito incerto del futuro scontro.

Quadro II - Campo di Attila. Il campo degli Unni è pronto per il solenne convito. Mentre i guerrieri barbari intonano canti, Attila va a sedersi al suo posto; Odabella gli è accanto. Uno squillo di tromba annuncia l’arrivo di Ezio e degli ufficiali romani, tra i quali c’è anche Foresto in abiti militari. I druidi avvertono invano Attila che i presagi sono nefasti; mentre le sacerdo-tesse intonano un canto lieto, un vento improvviso spegne le torce, tra lo spavento generale. Attila ed Ezio rinnovano i loro intenti bellicosi. Quando i fuochi vengono riaccesi, Foresto indica a Odabella la coppa con il veleno destinata al re dei barbari. Ma la giovane, che rivendica solo per sé la vendetta, avverte Attila dell’inganno e gli chiede di graziare Foresto. Il re acconsente e le impone di sposarlo. Odabella esorta Foresto a fuggire, mentre gli Unni incitano il loro capo a riprendere le stragi.

Atto terzo

Bosco che divide il campo di Attila da quello di Ezio. Foresto apprende da Uldino che stanno per aver luogo le nozze tra Attila e Odabella; avverte le schiere romane che si tengano pronte a invadere il campo nemico e, rimasto solo, rimpiange il suo amore perduto. Dall’accampa-mento romano giunge Ezio, pronto all’attacco. Foresto smania di gelosia, ma Ezio lo placa; arriva Odabella, fuggita dal campo degli Unni, e supplica Foresto di credere alla sua fedeltà. I tre vengono sorpresi da Attila che, vedendosi tradito, rinfaccia a Odabella la sua ingratitudine, a Foresto la grazia ricevuta e a Ezio l’aver congiurato per la salvezza di Roma. I Romani danno intanto l’assalto al campo degli Unni. Foresto si lancia per colpire Attila, ma Odabella lo ferma e trafigge lei stessa il capo dei barbari, vendicando così il padre e il suo popolo.

Approfondisci con: Maggiori informazioni sull'evento e biglietti per Attila, opera di Giuseppe Verdi (prima della Scala 2018/2019)

Potrebbe interessarti anche: Mary Poppins. Il Musical, dal 12 dicembre 2018 al 27 gennaio 2019 , Mamma Mia! Il musical, dal 13 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 , Ale e Franz. Nel nostro piccolo, fino al 22 gennaio 2019 , Il Re anarchico e i fuorilegge di Versailles, fino al 31 dicembre 2018

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film