Colori delle Regioni, quali cambiano e come cambiano. Le nuove regole - Magazine

Colori delle Regioni, quali cambiano e come cambiano. Le nuove regole

Attualità Magazine Venerdì 23 luglio 2021

Magazine - Con il nuovo decreto, comunicato dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi, giovedì 22 luglio, oltre all'introduzione del Green Pass  sono cambiati i parametri che regolamentano i colori delle regioni (bianco, giallo, arancione e rosso) e le conseguenti misure.

Dal primo agosto non sarà più, infatti, l'incidenza dei contagi a guidare il colore delle Regioni, bensì il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 e il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19. Con i nuovi parametri restano quindi in zona bianca tutte le regioni d'Italia, anche quelle che sembravano più a rischio (Sicilia, Sardegna, Veneto e Lazio).

Ma vediamo di seguito quali sono i criteri per l'individuazione del colore delle regioni

Zona bianca

Le regioni nei cui territori alternativamente:

  •  l'incidenza settimanale dei contagi è inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive;
  •  l'incidenza settimanale dei contagi è pari o superiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti e si verifica una delle due seguenti condizioni:  il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da COVID-19 è uguale o inferiore al 15 per cento; il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da COVID-19 è uguale o inferiore al 10 per cento.

Zona gialla

Le regioni nei cui territori alternativamente:

  • l'incidenza settimanale dei contagi è pari o superiore a 50 e inferiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti, salvo che ricorrano le condizioni indicate per la zona bianca
  • l'incidenza settimanale dei casi è pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti e si verifica una delle due seguenti condizioni, salvo che ricorrano le condizioni indicate per la zona bianca: il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da COVID-19 è uguale o inferiore al 30 per cento; il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da COVID-19 è uguale o inferiore al 20 per cento comunicati alla predetta Cabina di regia entro cinque giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto. La comunicazione può essere aggiornata con cadenza mensile sulla base di posti letto aggiuntivi, che non incidano su quelli già esistenti e destinati ad altre attività; 

Zona arancione

Le regioni nei cui territori l'incidenza settimanale dei contagi è pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti, salvo che ricorrano le condizioni indicate per zona bianca, gialla o rossa

Zona rossa

Le regioni nei cui territori l'incidenza settimanale dei contagi è pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti e si verificano entrambe le seguenti condizioni:

  • il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da COVID-19 è superiore al 40 per cento; 
  • il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da COVID-19 è superiore al 30 per cento.