Sigaretta elettronica: vantaggi (molti) e svantaggi (da non sottovalutare) - Magazine

Sigaretta elettronica: vantaggi (molti) e svantaggi (da non sottovalutare)

Attualità Magazine Venerdì 24 maggio 2019

Magazine - Sono passati alcuni anni dal momento in cui l'e-cig - abbreviazione utilizzata per indicare la sigaretta elettronica - ha fatto il suo debutto sul mercato, e da allora non ha fatto che attirare le attenzioni su di sé. Per un periodo, ricorderete certamente che ci fu un'enorme diffusione di store in cui venivano commercializzate sigarette elettroniche di ogni forma e dimensione, con fluidi aromatizzati a tutti i gusti, con e senza nicotina, che accolsero un pubblico estremamente eterogeneo e vasto. La sigaretta elettronica, sviluppata sin dal 2007 in Cina, è stata presentata al mondo come la grande soluzione per smettere di fumare ed evitare qualunque tipo di danno legato alla dipendenza dalla nicotina. E in effetti, la sigaretta elettronica può essere consumata con o senza liquidi contenenti nicotina, nonché con aromatizzanti o alcune sostanze vaporose che simulano la nuvola di fumo della sigaretta tradizionale, senza tuttavia i relativi danni per sé o per chi sta intorno. Nonostante tutto, subito dopo la sua introduzione sul mercato, il dibattito sulla sigaretta elettronica si accese, e in un certo senso continua ancora oggi, poiché nonostante l'impegno di ricercatori di tutto il mondo, vi sono ancora opinioni contrastanti in merito alla sua sicurezza. Una joint research dell'University College e del King's College inglesi ha dimostrato che con le sigarette elettroniche l'esposizione a sostanze tossiche diminuisce drasticamente, ma non si azzera del tutto. Quindi, in attesa di una soluzione che porti a scegliere il non dannoso invece del danno minore, si può certamente dire che la e-cig è la soluzione più indicata per ridurre i danni del fumo o per smettere completamente. Ecco, quindi, quali sono i suoi più grandi vantaggi e gli immancabili piccoli svantaggi.

Tutti i pregi della sigaretta elettronica

Nel periodo del suo approdo sul mercato italiano, erano molte le persone che sostenevano si trattasse di una mera soluzione temporanea, in grado di generare molto entusiasmo nelle prime fasi per poi perdere il proprio fascino. In realtà, molte di quelle persone si sono dovute ricredere, perché il fallimento di molti store è stato causato principalmente dalla saturazione del mercato: ancora oggi, però, le e-cig sono molto diffuse, e alcuni dati mostrano che l'utilizzo è persino in crescita. Il tutto è dovuto agli importanti vantaggi che la sigaretta elettronica porta: ecco di seguito una (non esaustiva) lista.

  • Il fumo è quasi del tutto legato alla gestualità, e la sigaretta elettronica permette di mimarla senza grosse conseguenze sulla propria salute. L'opinione di molte persone che hanno perso il vizio di fumare è che il sapore del fumo sia disgustoso, e ciò che mantiene viva l'abitudine è principalmente la gestualità. Sembrano fattori trascurabili, eppure sono molto rilevanti: l'abitudine di mettere la sigaretta tra indice e medio, il contrasto di colore tra la cartina bianca e il filtro giallo e il contatto con le labbra sono elementi che, in molti individui, generano un certo fascino e fondamentalmente sono alla base del vizio di fumare. Le sigarette elettroniche riescono a mimare a tutti gli effetti una sigaretta: alcuni modelli hanno lo stesso aspetto, possono essere poste tra due dita e portate alla bocca; in alcuni casi, vi è persino una luce che mima l'aumento d'intensità della linea di combustione quando si procede con l'aspirazione. Sotto questo punto di vista, dunque, le sigarette elettroniche possono del tutto sostituire le classiche.
  • Il fumo della sigaretta elettronica non è vero fumo. Il termine più appropriato per definire quella nuvola che viene generata dalla sigaretta elettronica, infatti, è vapore, tant'è vero che molte persone appassionate del settore parlano di svapo, in qualità di alternativa al fumo. Questa definizione non è priva di importanza né di fondamento, e trova una spiegazione chimica: il fumo di sigaretta, infatti, è generato da una combustione ad alte temperature, la quale provoca la formazione di composti tossici per l'organismo come alcune ammine, le quali vengono aspirate insieme ai derivati del tabacco, anch'essi tossici; quello alla base della sigaretta elettronica, invece, è un fenomeno di vaporizzazione, che deriva esclusivamente dall'acqua. In pratica, dunque, con la sigaretta elettronica non si fa altro che vaporizzare dell'acqua distillata, la quale porta con sé tutte le sostanze volatili, che vengono poi percepite in bocca. È stata questa l'idea rivoluzionaria che ha risolto i problemi di molte persone.
  • La sigaretta elettronica porta un notevole vantaggio economico. Non bisogna assolutamente trascurare questo aspetto, soprattutto in virtù del rincaro dei prezzi che le classiche sigarette hanno subito in Italia negli ultimi anni. La sigaretta elettronica ha un costo marginale più elevato rispetto a un pacchetto di sigarette, questo è indubbio, ma se si considera la frequenza con cui si acquistano i flaconcini - soprattutto se si riduce l'intensità della resistenza - di certo è possibile osservare un notevole incremento delle proprie finanze.

I difetti della sigaretta elettronica da non sottovalutare

Ci sono alcuni aspetti della sigaretta elettronica che non possono essere identificati come vantaggi e proprio per questo non vanno trascurati.

  • Il vizio è pur sempre un vizio. Ricorrere alla sigaretta elettronica dev'essere un mezzo per allontanarsi definitivamente da questo mondo e rinunciare a un vizio che, alla fine dei conti, è privo di alcun senso. Pensare alla sigaretta elettronica come alternativa per la vita a quella tradizionale è sbagliato in partenza. Il rischio più grande legato alla sigaretta elettronica è quello che, pensando che essa non sia in grado di recare danno alla salute, il consumatore sia spinto a utilizzarla in eterno. In realtà, però, se si parte con questo approccio, la dipendenza resta tale, e non si ha una vera e propria possibilità di sovrastare il problema.
  • Le e-cig non sono un vero e proprio strumento salutare. Il fatto che siano meno dannose non significa che non facciano male del tutto. Alcuni problemi, ad esempio, sono emersi negli USA, poiché la Food & Drug Administration ha suggerito che le sigarette elettroniche espongono i consumatori a rischi non trascurabili.
  • Il fornitore del liquido è la chiave. C'è da dire, infatti, che l'elemento principalmente imputato di essere potenzialmente in grado di compromettere la salute della persona è il liquido contenuto nell'e-cig, e non lo strumento in sé. In alcuni liquidi, ad esempio, sono state trovate concentrazioni di ammine o furani superiori ai limiti consentiti, quindi è doveroso informarsi in merito alle marche in grado di offrire prodotti dagli standard qualitativi elevati, preferendo il Made in Italy quando possibile.

Potrebbe interessarti anche: , Open Innovation: l'innovazione come chiave di sviluppo del business , Un gesto per l’ambiente che ti fa risparmiare: gli smartphone ricondizionati , GoDaddy e i GoWebinAr, Valentina Falcinelli spiega come dare personalità al proprio brand , Vini biologici Millesima: la scelta pregiata a filiera controllata , Su Farmaciauno sempre più richiesti gli integratori per lo sport