Monterosso: non solo Luca, ma anche storia, arte, mare e spiagge - Genova

Monterosso: non solo Luca, ma anche storia, arte, mare e spiagge

Destinazioni Genova Mercoledì 7 luglio 2021

Clicca per guardare la fotogallery
Lo scoglio di Monterosso
© Cristina Torriano
Altre foto

Genova - No, Luca, il protagonista del nuovo film Disney e Pixar, non c’entra. Era già da qualche anno che avevo voglia di tornare a Monterosso, in parte anche per colpa del mio amico Alberto, che mi invitava spesso ad andare a visitare il Convento dei Cappuccini.

Monterosso fa parte delle Cinque Terre insieme a Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore ed è il comune più grande. Si può arrivare a  Monterosso comodamente in treno, oppure anche in auto (ma premurandosi di assicurarsi un parcheggio). In ogni caso, quando arriverete in paese, l’auto non vi servirà più a nulla.

Monterosso è composta dal borgo vecchio e dal nuovo insediamento di Fegina, uniti da una splendida passeggiata che costeggia il mare e la spiaggia e separati da un piccolo promontorio, che si può attraversare con un tunnel o percorrendo la passeggiata a mare che passa sotto a Torre Aurora. 

Superfluo descrivere la bellezza delle spiagge, i colori tra il verde e l’azzurro del mare, il verde scosceso che abbraccia le case.  La spiaggia di Fegina inizia all’ombra della statua del Gigante e termina con lo scoglio di Monterosso, probabilmente uno degli scorci più suggestivi e fotografati del borgo.

Il Gigante (che oggi, nel 2021, è coperto da ponteggi, perché sottoposto a restauri) è una scultura in cemento armato e ferro alta 14 metri e pesante 1700 quintali realizzata nel 1910 da Arrigo Minerbi e dall’ingegnere Levacher, su commissione di Giovanni e Juanita Pastine, monterossini tornati dall’Argentina dopo aver fatto fortuna. La statua raffigurante Nettuno adornava Villa Pastine e reggeva sulle spalle una grande terrazza a forma di conchiglia, quest’ultima distrutta dai bombardamenti, insieme alla Villa, durante la seconda guerra mondiale. Oggi la statua ha perduto entrambe le braccia e il tridente e una gamba. Della Villa Pastine rimane solo una torre.

Poco dopo lo scoglio ecco il promontorio di Torre Aurora, eretta intorno all'anno 1000 per fronteggiare l’attacco dei pirati e nei secoli seguenti annessa alla Repubblica di Genova e fortificata, in maniera da costituire una difesa alle incursioni dei barbari e dei pisani. Oggi vi si trova un esclusivo ristorante cocktail bar a picco sul mare.

Proprio sopra la Torre Aurora, sul promontorio, si erge svettando il Convento dei Cappuccini, da 400 anni un luogo di riferimento sia per la comunità locale che per i visitatori delle Cinque Terre. Si raggiunge tramite 2 sentieri che partono sia dal lungomare che dal borgo vecchio. Poco prima di giungere al Convento incontrerete la statua in bronzo di san Francesco d’Assisi che parla al lupo di Gubbio,  realizzata nel 1962, che ricorda l’arrivo dei frati a Monterosso e sembra abbracciare  l'intera baia.

Il Convento, patrimonio dell'Unesco, domina il golfo monterossino ed è visibile da tutte le Cinque Terre, custodisce tesori d’arte di alto valore storico e artistico come la Chiesa seicentesca in stile cappuccino con altare e coro in legno, le sue opere d'arte (fra cui la Crocifissione attribuita al pittore Van Dyck, San Girolamo penitentedi Luca Cambiaso), il refettorio a volte con La Veronica di Bernardo Strozzi. Oltre ovviamente allo straordinario panorama che si gode dalle sue terrazze e dagli orti e vigneti che lo circondano.

E infine il borgo vecchio, con il suo intrico di stradine e stretti caruggi, case torri dipinte di colori vivaci, balconi e terrazzini ridondanti di fiori e una moltitudine di enoteche, ristoranti, focaccerie e gelaterie. 

Uno scrigno di opere d’arte, tra cui spiccano la chiesa di San Giovanni Battista, costruita tra la fine del XIII secolo e l’inizio del XIV, con la tipica facciata è in stile gotico genovese, a fasce di marmo bianco e nero, con il bel rosone centrale e il suo campanile medievale, eretto come torre di guardia e di difesa, che faceva parte del sistema difensivo del borgo. 

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.