Genova, 400mila euro per i Giardini di plastica: progetto di restyling

Genova, 400mila euro per i Giardini di plastica: progetto di restyling

di A.S.
© Giardinidiplastica.it

Genova - Quasi 400mila per il restyling dei Giardini Baltimora, meglio conosciuti come giardini di plastica. Un polmone verde in pieno centro a Genova, nell'area dell'ex via Madre di Dio, tra le Mura del Barbarossa e il palazzo della Regione Liguria. I Baltimora sono stati oggetto di una delibera di Giunta che prevede il loro completo restyling. Il costo complessivo è di 395.000 euro, di cui il primo stralcio per l’anno 2019 di 165.100 euro, e il secondo stralcio per l’anno 2020 di 229.900 euro.

Ad essere approvato, su proposta degli assessori Simonetta Cenci, Stefano Garassino e Pietro Piciocchi, è il progetto definitivo di Messa in sicurezza e riqualificazione dei Giardini Baltimora - in attuazione al Decreto Sicurezza trasformato in L.132/2018 - che ha lo scopo di rendere l'area più accessibile e fruibile per tutti, tenendo conto anche di quegli elementi di coesione sociale, inclusione e sicurezza, fondamentali in un progetto sostenibile. La riqualificazione si attua attraverso:

  • il rinnovo dell’area giochi, con inserimento di giochi inclusivi;
  • lo sfalcio e la potatura del verde, finalizzato all’eliminazione di parti inaccessibili alla vista;
  • la realizzazione di un’area cani;
  • la realizzazione di un nuovo sentiero;
  • la pulizia di alcuni tratti murari. Un intervento di pulizia dei giardini è stato effettuato dai giovani volontari di Genova Cleaners alcune settimane fa;
  • l’integrazione, ove necessario, di segnalamenti Loges per i portatori di handicap;
  • Installazione di 10 telecamere di videosorveglianza e 8 cancelli collocati nei punti di accesso.

Ai Giardini Baltimora, per quanto riguarda il tema della sicurezza, si è prevista la realizzazione di un tamponamento di un tratto significativo del porticato con vetrate in armonia con l’architettura dell’edificio. Ciò permetterà di ricavare locali accessibili a tutti, che verranno successivamente concessi, attraverso un Bando, a privati che gestiscano l’attività di servizio pubblico, da individuare.

Prevista anche l’installazione di 10 telecamere di videosorveglianza e 8 cancelli collocati nei punti di accesso. «L’Amministrazione è attiva a 360 gradi, sia per quanto riguarda le piccole manutenzioni, sia sul versante importantissimo della riqualificazione urbana di ampie zone della città - dice l’assessore ai lavori pubblici Pietro Piciocchi - Il nostro scopo è creare, in un’area attualmente in difficoltà sotto il profilo del decoro, punti di interesse che agiscano da attrattiva sia per chi lavora all’interno sia per i cittadini del Centro Storico, anche attraverso il miglioramento dei collegamenti interni».

Le aree d’intervento, situate nel pieno centro di Genova, sono dotate di grande potenzialità per quanto riguarda la socializzazione e l’aggregazione. Le superfici pedonali, attraversate dagli utenti per raggiungere i diversi uffici pubblici, sono in stato di degrado a causa della tipologia del porticato che crea poca visibilità e favorisce situazioni di vita marginali, spesso al di fuori della legalità. Nasce, quindi, la volontà e la necessità di valorizzare l’area, apportando migliorie in termini di riqualificazione urbana sostenibile e promuovendo la collocazione di servizi d’interesse pubblico e di richiamo al suo interno, coadiuvati da impianti di videosorveglianza e di illuminazione a garanzia della tutela e della sicurezza dei fruitori.

«Attraverso una pianificazione urbanistica innovativa e intelligente - dice l'assessore all’urbanistica Simonetta Cenci - si cerca di rispondere alle esigenze dei cittadini con una distribuzione omogenea dei servizi pubblici e una valorizzazione attenta al tessuto urbano. Questo progetto è stato possibile grazie a una costante azione di collaborazione, mettendo a fattor comune le buone idee, le capacità tecniche e il reperimento dei fondi che renderanno possibile la realizzazione dell’opera».

Potrebbe interessarti anche: , A Genova riapre il Cicloriparo, l'officina delle bici dove si impara a ripararle , Liguria, la nuova ordinanza su centri estivi, parchi divertimento, servizi per l'infanzia e aperture , Spiagge libere a Genova, aperte da sabato 30 maggio. Ecco come funzionano , Mascherine Coop in vendita in Liguria a 50 centesimi. Con limite d'acquisto , Premio Fotografico Nicali Iren 2020: i finalisti. Le foto

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.