Cultura Milano - Lunedì 13 marzo 2017

5Vie e Design Pride, il Fuorisalone 2017 nel centro di Milano

di Simone Zeni
Design Pride 2017
© Meschina

Milano Design Week 2017, cosa fare e dove andare: clicca qui per scoprire tutti i distretti del Fuorisalone, le installazioni e gli eventi da non perdere!

La Design Week 2017 si avvicina e, con il classici luoghi della creatività milanese e nuovi distretti, anche il centro propone progetti, mostre ed eventi. Il distretto delle 5Vie, ovvero via Santa Marta, via Santa Maria Podone, via Santa Maria Fulcorina, via Bocchetto e via del Bollo, quest'anno si allarga ancor di più, comprendendo le strade circostanti con i loro chiostri, i loro edifici antichi, le loro attività commerciali e le costruzioni d'architettura moderna.

«Il distretto delle 5Vie contribuisce anche in questa edizione del Fuorisalone a rendere ricco e vivace uno dei luoghi più caratteristici della città attraverso l’insieme di eventi che fanno da corollario al Salone del Mobile, attirando un importante numero di visitatori da tutto il mondo», spiega l’assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive, Moda e Design Cristina Tajani: «l’originalità che ha contraddistinto le 5Vie ha dimostrato come sia possibile coniugare il design con la competenza artigiana e la cultura, caratteristiche che appartengono a Milano e alla sua storia e che rappresentano oggi i tratti distintivi del quartiere».

Da martedì 4 a domenica 9 aprile il polo della produzione culturale del distretto si posta in piazza Gorani,dove hanno sede l’antico Palazzo Imperiale, le mura massimiane, due torri ed i resti dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Qui è nata la nuova area Brisa-Gorani, recentemente ristrutturata da Cecchi & Lima Architetti Associati e dotata di una moderna piazza pedonale, arredata come giardino contemporaneo ispirato alla vegetazione lombarda. Accanto si trova il progetto Foyer Gorani a design curated Piazza for Creative minds, in cui saranno presentati, sotto la curatela di Federica Sala, i progetti del norvegese Sigve Knutson, dell'olandese Sabine Marcelis e un tributo alla ricerca artistica della designer svedese Hilda Hellström.

A questo fulcro da cui tutto parte si affiancheranno poi la zone di Magenta, Meravigli, Cesare Correnti e l’area tra San Maurilio, Santa Marta e piazza Affari, che verrà attraversata anche quest’anno dalla singolare parata Design Pride di Seletti, Wunderkammer e Yoox (mercoledì 5 aprile).

Creatività tra grandi firme e giovani emergenti allo Spazio Sanremo che, se nelle aree principali ospiterà un progetto di Desi Santiago per Cartier, nelle salette laterali metterà in mostra i lavori dei vincitori di una call-to-action aperta lo scorso autunno. Infine altri due progetti dalla vocazione culturale e sociale: Le Vie del Patrimonio di Francesco Garbelli, che intende valorizzare il grande patrimonio storico e architettonico; e 5VIE People, progetto fotografico che ritrae le persone più rappresentano il distretto nel quotidiano, a cura di Patrizia Calegari.

A rappresentare il food, infine, c'è il volto noto di Chef Rubio che, assieme al designer Filippo Protasoni, tiene da Pasta d'Autore una serie di laboratori di food design dal titolo Origami Italiani.