Seeyousound 2020: a Torino tre anteprime per il festival cinematografico a tematica musicale

Seeyousound 2020: a Torino tre anteprime per il festival cinematografico a tematica musicale

Mostre Torino Giovedì 30 gennaio 2020

Torino - Aggiornamento del 23 febbraio 2020: a tre giorni dall’inizio della VI edizione del'International Music Film Festival, l’Associazione Seeyousound, organizzatrice, è costretta a comunicare la sospensione della manifestazione, inizialmente prevista al Cinema Massimo MNC di Torino fino a domenica 1 marzo 2020.   «L’Ordinanza contingibile e urgente n. 1 emessa in data 23 febbraio 2020 dal Ministro della Salute di intesa con il Presidente della Regione Piemonte in materia di “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019” impone la “Sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi, in luogo pubblico o privato, sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico, anche di natura culturale, ludico, sportiva e religiosa" - spiegano dal Festival - Aggiornamenti su eventuali riprese della programmazione saranno rese note non appena disponibili.  Tutto lo staff di Seeyousound ringrazia ogni singolo spettatore che ha aspettato l’inizio del festival e ha partecipato in questi giorni alle proiezioni. Il Festival ha, ora più che mai, bisogno di grande sostegno: per chi volesse contruibuire è attivo un crowdfunding.


Ci sono alcune interessanti novità per la sesta edizione di Seeyousound, il festival cinematografico a tematica musicale in programma dal 21 febbraio al 1 marzo al Cinema Massimo del Museo Nazionale del Cinema. Intanto le anteprime assolute, che saranno tre. Si tratta di Gioia e rivoluzione, proiezione di documenti inediti per celebrare gli Area e Demetrio Stratos, alla presenza di Patrizio Fariselli, storico membro del gruppo. Le immagini di un loro concerto del 1976, recuperate dall’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa, saranno accompagnate da un live del musicista. Altra anteprima assoluta sarà la proiezione speciale di due episodi della serie Stili Ribelli, prodotta da Kiné con Sky Arte, per la regia di Lara Rongoni, sul legame tra moda e musica nella creazione di iconografie simbolo di intere correnti creative. Infine il cortometraggio Lo spirito continua di Claudio Paletto, omaggio a Marco Mathieu, bassista dei Negazione, realizzato per l’uscita di Young Till I Die, progetto discografico di Roberto “Tax” Farano e Paolo Spaccamonti dedicato a Mathieu.

«Quando si lavora con intensità a un progetto come questo – spiega Carlo Griseri, direttore di Seeyousound –, che nell’ultimo anno ha visto un’espansione in sei città italiane, si rischia di non accorgersi del tempo che passa». Senza considerare il lavoro parallelo portato avanti con il network di festival tematici nato lo scorso anno, proprio durante la precedente edizione del festival, che ha portato Seeyousound a stringere numerose relazioni sui diversi territori in cui opera. «Poi metti insieme i pezzi di tutto ciò – aggiunge Griseri – e guardi il programma completo che siamo riusciti a costruire quest’anno, un po’ di orgoglio c’è». Anche perché a inaugurare la nuova edizione sarà Julien Temple. L’apertura di Seeyousound, infatti, ospiterà la proiezione in anteprima italiana del suo ultimo film, Ibiza – The Silent Movie (Regno Unito, 2019), realizzato con Fatboy Slim nelle vesti di music director della colonna sonora. Un’esperienza audiovisiva inedita. Temple, lo stesso giorno, terrà anche una masterclass al Museo del Cinema nell’ambito di Torino Città del Cinema 2020.

Le altre novità riguardano l’apertura del festival in tutti i sensi, perché per la prima volta due dei 99 titoli in programma saranno fruibili da parte di persone con disabilità sensoriali e visive. Una sarà l’anteprima assoluta di Stili Ribelli, l’altra sarà La macchia mongolica, documentario di Piergiorgio Casotti sul ritorno in Mongolia di Massimo Zamboni, leader di CCCP e CSI. Un viaggio che ha compiuto, insieme alla moglie e alla figlia, a distanza di vent’anni da un altro viaggio che segnò la sua vita artistica e personale, per rintracciare le proprie origini e quelle di tutti gli uomini. L’evento sarà accompagnato dallo stesso Zamboni, che eseguirà alcuni brani storici. È uno dei 64 appuntamenti che riempiono l’agenda di Seeyousound, che fra i suoi titoli, tra concorsi, rassegne e proiezioni speciali, conta anche 24 anteprime italiane, 1 internazionale e 1 produzione originale, con cinque luoghi coinvolti.

Ma ci sono cambiamenti anche nella struttura del programma, che oltre a mantenere le sezioni classiche come i concorsi Long Play Feature (6 lungometraggi), Long Play Doc (6 documentari), 7inch (12 corti più uno fuori concorso) e Soundies (20 videoclip e altri 18 non in competizione), apre una nuova sezione per le sonorizzazioni originali. Saranno quattro, per il concorso chiamato Frequencies, curato da Riccardo Mazza. I finalisti sono Simone Blasioli, Simone Castellan e Giovanni Corgiat, selezionati da un’apposita call, che si contenderanno il premio con Guglielmo Diana, vincitore di Solitunes Fest 02. Tutto questo è solo un assaggio, perché nell’esplorare il programma si scoprono tante chicche, che compongono un panorama tra cinema e musica che abbraccia tutto il mondo. In totale si attendono 80 ospiti, distribuiti fra le sale, gli eventi speciali, i talk e gli appuntamenti «esterni» di Seeyousound Experience. Il programma completo è online sul sito di Seeyousound.

Potrebbe interessarti anche: , A Torino riapre il Museo del Cinema il 2 giugno , Artissima presenta Fondamenta: dal 5 giugno al 5 luglio 2020 online il progetto collettivo , Artissima sui social con ge·ne·a·lo·gì·a: l’arte italiana non si ferma , Virtual tour al Museo Egizio di Torino: tra passeggiate con il direttore e mostre digitali , La Fondazione Torino Musei si sposta online: le attività di Palazzo Madama, Gam e Mao

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.