Raduno mondiale dei Fridays For Future a Torino: in agosto attesa anche Greta Thunberg

Raduno mondiale dei Fridays For Future a Torino: in agosto attesa anche Greta Thunberg

Attualità Torino Sabato 21 dicembre 2019

© Virginia Michetti

Torino - Dopo la visita a sorpresa lo scorso 13 dicembre di Greta Thunberg, attivista svedese per l'ambiente proclamata dal Time persona dell'anno per il 2019, Torino torna alla ribalta per le notizie che riguardano la lotta al cambiamento climatico.

È stato infatti reso noto che sarà proprio la città della Mole a ospitare ad agosto 2020 il raduno internazione di Fridays For Future.Torino, già in lista per ospitare l'evento, ha vinto la competizione con la città tedesca di Dresda.

Protagonisti di una serie di scioperi portati avanti ogni venerdì per tutto il 2019, i giovani di Fridays For Future Torino sono scesi inoltre in piazza nei quattro scioperi globali per il clima che si sono svolti durante il 2019, da marzo, passando per le date di maggio, di settembre (manifestazione molto estesa, tanto da colpire per quantità di persone la stessa Greta, che condivise la foto di via Cernaia piena di gente sui suoi profili social) e di novembre.

«La nostra Città è arrivata in finale con Dresda ed è stata preferita da ben il 75% degli attivisti - scrive sul proprio profilo Facebook la sindaca Chiara Appendino - Un risultato che si deve al grande lavoro del gruppo dei Fridays For Future Torino e in cui la Città ha creduto sin dall'inizio. Ma anche un segnale, un segnale importante che ancora una volta mette al centro la priorità dell'emergenza climatica, rendendo Torino megafono per tutto il mondo. Grazie a chi lo ha reso possibile».

Intanto proprio negli scorsi giorni a Torino è tornato pressante il dibattito sull'inquinamento ambientale, quando le associazioni Comitato Torino Respira, Bike Pride Fiab Torino, greenTO, Consulta della mobilità ciclistica e della moderazione del traffico, Ecoborgo Campidoglio, Fiab Torino Bici & dintorni, Pro Natura Torino, Legambiente Piemonte, Fridays for Future Torino, Extinction Rebellion Piemonte, Greenpeace - Gruppo Locale di Torino hanno inviato una lettera alla Sindaca di Torino, al Presidente della Regione, ai Presidenti dei Gruppi Consiliari regionali e comunali con proposte di adozione di misure urgenti per la riduzione dell’inquinamento atmosferico.

«Nel corso della recente visita a Torino dell’attivista Greta Thunberg, molti di Voi hanno espresso il loro apprezzamento per le sue posizioni e per il lavoro di sensibilizzazione sulla crisi climatica e ambientale svolto dal movimento Fridays For Future - si scriveva nella lettera - Dal palco di Piazza Castello, Greta Thunberg e gli attivisti torinesi che sono intervenuti hanno ricordato a tutti noi, ma soprattutto a chi come Voi ha la possibilità di prendere decisioni, che il tempo per scongiurare gli effetti più gravi della crisi climatica è breve, e che la prossima decade sarà decisiva per il futuro dell’umanità e degli ecosistemi da cui dipende. I giovani ci hanno inoltre ricordato come l’inquinamento atmosferico sia solo l’altra faccia del cambiamento climatico, poiché molte delle attività che causano l’emissione di gas climalteranti sono anche responsabili dell’emissione degli inquinanti più pericolosi per la salute dell’essere umano. Questo fatto è tanto più importante a Torino, città che si trova tristemente in cima alla classifica delle città più inquinate d’Europa».

L'invito è dunque quello a ripensare i modelli di vita e concepire cambiamenti strutturali. Nella lettera si propongono così alcune misure come lariduzione della velocità dei veicoli a motore sia nella Città di Torino che nel territorio della Regione Piemonte, in particolare, si spiega «la riduzione della velocità a 20km/ora nei controviali della Città di Torino, con la contemporanea priorità ai pedoni e alle biciclette, sarebbe in grado di offrire molti benefici, come evidenziato dallo studio dell’Agenzia della mobilità londinese (Transport for London)Speed, emissions and health».

Determinate le associazioni, che sperano di incontrare l'adesione della politica: «Siamo sicuri che queste misure incontreranno la resistenza e la contrarietà di una parte dei cittadini torinesi e piemontesi, così come siamo sicuri che porteranno speranza e fiducia a un’altra parte che sarà pronta, come noi, a sostenerle. Ogni decisione che riguarda la vita pubblica ha un significato per i risultati che raggiunge e per i valori che rappresenta. Le decisioni che vi proponiamo di prendere sono in grado di raggiungere risultati concreti in breve tempo in termini di riduzione delle emissioni, aumento della sicurezza, risparmio economico e miglioramento della qualità della vita. Al tempo stesso si tratta di decisioni in grado di rappresentare i valori portati dai giovani attivisti ai quali avete rivolto le vostre parole di apprezzamento, un’occasione per dimostrare che quelle parole non sono frutto di opportunismo e ipocrisia».

Potrebbe interessarti anche: , La Mole Antonelliana diventa un grande schermo: il videomapping con la Storia del Cinema , Treni Piemonte: Frecciarossa per la Puglia e Bardonecchia, novità dei regionali e orari , BBBell: telefonia e internet ultraveloce anche in Val Susa e Val Sangone , Aeroporto Caselle di Torino: due nuovi voli per l'estate 2020 con Volotea , Scuola Holden, la Special Edition per il 2020/2021 tra corsi e sconti

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.