Viaggiare da soli: 6 consigli per cominciare - Magazine

Viaggiare da soli: 6 consigli per cominciare

Attualità Magazine Martedì 28 giugno 2022

Clicca per guardare la fotogallery

Magazine - Chi è che non ha mai voluto viaggiare da solo? Benché le sensazioni di chi vorrebbe viaggiare in solitaria sono un mix tra il fascino e lo spavento, comunque si tratta di un’esperienza da fare almeno una volta nella vita. Al giorno d'oggi infatti, il trend è sempre più in crescita in tutto il mondo, e non solo tra i millenials: l’intero profilo dei viaggiatori è cambiato, senza distinzioni di età o differenze tra donne e uomini.

Considerando i dati aggregati provenienti da diverse fonti, l’aumento di chi prenota vacanze in solitaria è di fatti salito al 48% su base mondiale. Si sta diffondendo sempre di più la gioia di condividere queste incredibili esperienze, godendo delle bellezze del nostro mondo secondo i propri ritmi e non necessariamente in compagnia di qualcun altro. Di fatti, si viaggia da soli per il puro piacere di sperimentare cosa si prova a dover badare esclusivamente a se stessi e senza l’aiuto di qualcuno.

Prima di partire da soli però, ci sono numerose accortezze da considerare. Di base comunque l’importante è trovare il giusto compromesso e la corretta flessibilità. Vediamo insieme alcuni consigli utili per intraprendere un viaggio in solitaria con tranquillità, soprattutto per chi è alle prime armi.

Comincia poco alla volta

Il primo consiglio per gli inesperti è di iniziare poco alla volta, magari scegliendo come primo viaggio in solitaria un weekend in una regione d’Italia vicino alla tua, o anche semplicemente una gita fuori porta da fare in giornata.

In questo modo potrai interfacciarti fin da subito con il terrore misto ad adrenalina del primo viaggio da intraprendere in compagnia di se stessi.

Scegli una meta sicura

Quando scegli la meta del tuo primo viaggio in solitaria, scegline una che ti da sicurezza, come una città europea che hai già visitato in passato e in cui sai bene come muoverti, o una meta di cui conosci la lingua parlata, in maniera tale da non incorrere in problemi di comunicazione.

Definisci il budget

Uno step importantissimo nella pianificazione del proprio viaggio, è la definizione del proprio budget. Generalmente infatti, il tasto dolente riguarda proprio il costo dell’alloggio che può essere dispendioso.

Per evitare spiacevoli sorprese, è importante stabilire un budget massimo, magari per le voci di costo più importanti come il volo, l’alloggio e l’eventuale noleggio di un auto.

Scegli la data di partenza e stabilisci la durata del tuo viaggio

A questo punto, potrai scegliere il periodo in cui desideri partire. Il vero vantaggio del partire soli è che non dovrai dare conto e ragione a nessuno: sarai esclusivamente tu a stabilire ogni cosa, compreso la durata del viaggio. L’importante è comunque tenere in considerazione il clima, le stagioni e le festività della tua destinazione nel lasso di tempo scelto.

Porta con te solo l’essenziale

Non sai cosa portare in vacanza? Nel caso di un viaggio in solitaria, il tuo bagaglio deve essere quanto più possibile leggero e deve contenere solo l’essenziale. Anche perché, viaggiando da solo, potrai contare solo su te stesso, per questo è importante che tu riesca a trasportare la tua valigia senza problemi così da essere pronto a spostarti in qualsiasi situazione.

Pianifica il tuo viaggio

Infine, non ti resta che scegliere la destinazione del tuo viaggio, che deve sia rispettare il tuo budget prestabilito, che tutte le norme di sicurezza per viaggiatori solitari.

Per questo quando si viaggia soli, la pianificazione del viaggio gioca un ruolo fondamentale per partire in totale tranquillità e senza paranoie. È utile in questo senso pianificare le giornate secondo le cose che vuoi visitare, organizzando gli spostamenti e stilando anche una lista di posti dove mangiare in base alla posizione.