Green Pass, dove serve e dove non serve? Il nuovo Dpcm e l'elenco definitivo valido dal primo febbraio 2022 - Magazine

Green Pass, dove serve e dove non serve? Il nuovo Dpcm e l'elenco definitivo valido dal primo febbraio 2022

Attualità Magazine Venerdì 21 gennaio 2022

Clicca per guardare la fotogallery

Magazine - Con la firma di Mario Draghi al Dpcm che integra il Decreto anti Covid-19 del 5 gennaio 2022 si va finalmente a delineare la lista dei luoghi e delle attività essenziali accessibili senza bisogno di Green Pass. Sono giorni che se ne parla, e ora ecco l'elenco che - salvo sorprese - dovrebbe essere quello definitivo per le prossime settimane e i prossimi mesi.

Le norme incluse nel nuovo Dpcm del 21 gennaio 2022 entrano in vigore dal primo febbraio 2022. Da tale data non è necessario esibire il Green Pass - e con Green Pass intendiamo quello di base, che si può dunque ottenere anche con almeno una dose di vaccino, dopo una guarigione oppure in seguito a un tampone negativo (valido per 48 ore se antigenico; valido per 72 ore se molecolare) - per le esigenze alimentari e di prima necessità, per le esigenze sanitarie, per quelle di sicurezza e di giustizia.

Tradotto, ecco l'elenco di luoghi e attività che non richiedono il Green Pass: negozi di alimentarisupermercati (senza limiti di acquisto: non solo beni di prima necessità), farmacie e parafarmacie, negozi di articoli medicali e di ottica, negozi per animali, attività di commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento; e ancora caserme, commissariati delle forze di polizia e delle polizie locali, uffici giudiziari.

Al contrario il Green Pass è necessario per accedere praticamente a tutti gli altri esercizi commerciali: dai tabaccai alle librerie, dai centri commerciali ai negozi di abbigliamento e di giocattoli, dalle cartolerie ai ferramenta, dai parrucchieri agli estetisti ai tatuatori. L'obbligo di Green Pass è inoltre esteso a uffici postali e banche.

Il Dpcm precisa infine che il rispetto delle nuove regole deve essere assicurato da titolari degli esercizi attraverso lo svolgimento di controlli anche a campione.

La nostra azienda nel corso del 2022 a fronte della domanda di agevolazione presentata in data 05/08/2020 a valere sull’Azione 3.1.1 "Covid19" del POR FESR 2014-2020 ha ricevuto il sostegno finanziario dell’Unione Europea per la realizzazione di un programma di investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale "Covid19 – Adeguamento processi produttivi delle PMI"