Porte interne e bonus ristrutturazione - Magazine

Porte interne e bonus ristrutturazione

Attualità Magazine Mercoledì 13 ottobre 2021

Altre foto

Magazine - Negli ultimi anni sono numerose le agevolazioni concesse dall'Agenzia delle Entrate a chi in Italia effettua interventi di ristrutturazione sulla propria abitazione. I regolamenti però cambiano di anno in anno e chi si trova a dover effettuare un singolo lavoro, come la sostituzione delle porte interne, deve verificare se effettivamente può richiedere l'agevolazione anche per questo tipo di intervento.

Agevolazione al 50% sulle ristrutturazioni. Le detrazioni fiscali al 50% per quanto riguarda gli interventi di ristrutturazione sono confermate fino al 31 dicembre 2021, ci sono per altro ottime probabilità che tale ristrutturazione sia prorogata anche per i prossimi anni. Si può ottenere l'agevolazione per gli interventi di manutenzione straordinaria, di risanamento conservativo o di ristrutturazione. Per quanto riguarda la sola sostituzione delle porte interne non ci troviamo in nessuna delle situazioni sopra elencate. Vi è però una possibilità di accedere alle agevolazioni anche per l’acquisto e la sostituzione delle porte interne, qualora tale intervento sia svolto insieme a uno che rientri in quelli sopra elencati. Quindi chi sta ristrutturando l'abitazione o ha previsto interventi di risanamento o di manutenzione straordinaria può, contemporaneamente, anche sostituire le porte interne dell’abitazione, godendo della detrazione fiscale pari al 50% delle spese sostenute.

Bonus al 110%. Per quanto riguarda il bonus per efficientamento energetico non è possibile far rientrare all’interno dei lavori trainati anche la sostituzione delle porte interne all’abitazione. O meglio, si considerano parte dell’efficientamento energetico anche le sostituzioni di porte che vanno a isolare un ambiente riscaldato da un ambiente esposto alle intemperie o non riscaldato. Quindi la sostituzione della porta d'ingresso della casa, o quella che dà sul vano scale non riscaldato, dà diritto a godere della detrazione pari al 110% della spesa sostenuta. Se invece si stanno effettuando lavori che rientrano nel cosiddetto sisma bonus, allora anche la sostituzione delle porte interne può godere delle agevolazioni.

Come funzionano le agevolazioni. Ad oggi, le agevolazioni che riguardano le ristrutturazioni si ottengono in 10 rate annuali, congiuntamente alla dichiarazione dei redditi. Le agevolazioni che riguardano il sisma bonus e il bonus al 110% invece si ottengono in 5 rate annuali, sempre con la dichiarazione dei redditi. Le detrazioni si possono utilizzare per scontare la quota IRPEF da pagare; il contribuente che ha una quota di tassazione inferiore rispetto all’agevolazione perde la quota eccedente. Vi è però la possibilità di cedere la detrazione a terzi, ad esempio alla banca o all’azienda che effettua i lavori. In questo secondo caso si parla di sconto in fattura: in sostanza il contribuente ottiene una fattura che è decurtata di una quota pari all’agevolazione. Quindi del 50% nel caso del bonus ristrutturazioni, del 100% nel caso del superbonus. Ovviamente se si approfitta dello sconto in fattura richiedendo il superbonus si perde la quota eccedente la fattura, ossia il 10%, che rimane alla banca o all’azienda che effettua i lavori. Il contribuente ha però la possibilità di ottenere subito lo sconto, senza dover attendere i 5 anni previsti dalle vigenti leggi. Un’occasione particolarmente interessante per chi si trova a dover rinnovare la propria abitazione.

Fotogallery