Libri animati e Coronavirus: l'idea per trascorrere il tempo a casa con i bambini - Magazine

Libri animati e Coronavirus: l'idea per trascorrere il tempo a casa con i bambini

Bambini Magazine Martedì 17 marzo 2020

Magazine - Bambini a casa, genitori impegnati nella ricerca di attività per distrarli dal momento buio e soprattutto intrattenere la loro incontenibile voglia di fare. Un'idea originale arriva dalla Fondazione Tancredi di Barolo – Musli (Museo della Scuola e del Libro per l’Infanzia) di Torino

Realizzare un pop up (un libro animato) può servire infatti per intrattenere e informare i bambini costretti a casa ai tempi del Coronavirus. Lo si è sperimentato con successo in Cina ed ora lo si ripropone in Italia per iniziativa della Fondazione Tancredi di Barolo che, in collaborazione con il pop up designer Massimo Missiroli, ha ideato una apposita serie di template e tutorial, disponibili online.

Sono disponibili modelli da scaricare e stampare e relative istruzioni per realizzare tavole animate sul tema della prevenzione del coronavirus, ma non solo: anche due personaggi molto amati dai bambini, la Mucca Moka di Agostino Traini e la Nuvola Olga di Nicoletta Costa, sono diventati protagonisti di un pop up contro il virus, che i bambini possono realizzare scaricando istruzioni e modelli dal sito.

L’idea nasce dall’esempio di Guan Zhongping, studioso e collezionista cinese con cui la Fondazione è entrata in contatto durante l’organizzazione del Convegno internazionale sul libro animato Popo-App, in programma a Torino a fine febbraio e poi rimandato per l’emergenza sanitaria. Durante l’epidemia in Cina, Guan ha promosso la creazione di una rete sui social network per mettere in collegamento diverse esperienze di realizzazione di pop up sul tema del virus, coinvolgendo pop up designer, bambini e famiglie in isolamento a casa. Le fotografie e i video dei manufatti realizzati in Cina sono disponibili in esclusiva online.

Sulla scia dell’esperienza cinese, anche qui bambini e famiglie potranno costruire il proprio pop up contro il coronavirus e condividere i lavori fatti con la Fondazione, per ricevere consigli, indicazioni e approfondimenti. L’iniziativa si rivolge anche gli insegnanti e alle scuole che, tramite i materiali didattici messi a disposizione online, potranno lavorare a distanza su questi temi, avvalendosi del supporto della Fondazione. In particolare i bambini potranno inventare cartoline pop up ispirandosi ai modelli scaricabili dal sito e inviare tramite mail alla Fondazione fotografie e/o brevi video delle animazioni realizzate; oppure potranno realizzare dei disegni in bianco e nero da trasformare in pop up: basterà mandare alla Fondazione una fotografia o una scansione del proprio disegno e Massimo Missiroli lo trasformerà in un template personalizzato da scaricare, stampare e ritagliare.

Ogni bambino potrà poi assemblare e colorare la versione pop up del proprio disegno e inviare video e fotografie del prodotto finito alla Fondazione. Tutti i materiali ricevuti saranno pubblicati sul sito e condivisi in Cina tramite i canali attivati da Guan Zhongping: un gemellaggio virtuale per far avvicinare i bambini di Italia e Cina, accomunati da questa situazione delicata, e nel contempo un segnale di speranza che la situazione migliori velocemente anche qui, come sta succedendo in Cina. L’iniziativa potrà poi proseguire, una volta passata l’emergenza, con laboratori presso le scuole e il MUSLI e i lavori realizzati potranno essere presentati in occasione del rilancio delle iniziative Popo-App.

Grazie all’avvio di una collaborazione con i Servizi Educativi dei Musei Civici di Venezia, i materiali e i tutorial del sito saranno condivisi e diffusi sulla pagina Facebook Muve Education che propone ogni giorno attività da svolgere a casa con i bambini.

Sono in corso contatti con l’associazione AGe – Associazione Italiana Genitori per far conoscere questa iniziativa al maggior numero possibile di scuole e di bambini sul territorio nazionale e con l’Associazione Nuova Generazione Italo-Cinese (ANGI) di Torino per coinvolgere nel progetto le scuole e i bambini cinesi che vivono a Torino.

Potrebbe interessarti anche: , Genitori al tempo del Covid: bambini, adolescenti, smartworking e didattica a distanza. Storie e testimonianze , Cosa fare con i bambini in giardino o sul balcone? 5 piccole idee di glamping domestico , Come fare il vasetto di sale colorato o barattolo dell'arcobaleno con i bambini , Masha e Orso: una puntata speciale sulla quarantena. Dove vederla , Harry Potter at Home: Coronavirus, Rowling lancia il sito per ragazzi, genitori e insegnanti