Capannoni troppo freddi d'inverno e troppo caldi d'estate? La soluzione non costa una fortuna - Magazine

Capannoni troppo freddi d'inverno e troppo caldi d'estate? La soluzione non costa una fortuna

Attualità Magazine Venerdì 10 gennaio 2020

© Pixabay

Magazine - Riscaldamento e raffreddamento degli ambienti industriali possono essere economici e perfino ecologici; la sfida di un’azienda tutta italiana ai sistemi antiquati di climatizzazione. Un capannone industriale è un ambiente grande, dove le persone passano diverse ore al giorno, e dove la temperatura – se non regolata –è ben di rado confortevole. In estate, con le macchine attive, il caldo è soffocante; in inverno, di contro, l’aria può diventare gelida, e in entrambi i casi sono gli operai a farne le spese. Le soluzioni tradizionali sono note, ma purtroppo inadeguate, sia per efficienza che per costi – e quel che oggi conta altrettanto, sono spesso inaccettabili dal punto di vista ecologico.

Il problema dei capannoni industriali è proprio quel grande volume d’aria del tutto inutilizzato (nella maggioranza dei casi, si lavora soltanto a livello del suolo) ma che purtroppo non può essere trascurato: un sistema di riscaldamento tradizionale deve necessariamente innalzare la temperatura di tutta l’aria contenuta nel capannone, e lo stesso concetto vale per un sistema di condizionamento. Questo si traduce in un consumo elevatissimo di energia, in tempi molto lunghi per il raggiungimento di una temperatura confortevole, e quindi in una serie di sprechi economici che non ottiene neppure il risultato di creare un ambiente di lavoro tollerabile per gli operai. Anno dopo anno, il problema si ripresenta, e le soluzioni tradizionali continuano ad apparire inadeguate.

È in questo mercato che opera quotidianamente Elle 3 Service, un’azienda italiana specializzata nel trattamento termico dell’aria a livello industriale. Da tre decenni, infatti, Elle 3 Service propone agli imprenditori sistemi di riscaldamento e raffrescamento innovativi – e totalmente italiani! – che escono dalle logiche inefficienti che abbiamo appena esposto per affrontare il problema sotto un altro aspetto. Sia nell’ambito del riscaldamento che in quello del raffrescamento infatti il problema essenziale è legato, come abbiamo visto, ai volumi d’aria da gestire. I sistemi proposti da Elle 3 Service vanno quindi ad aggirare questa difficoltà operando in maniera il più possibile localizzata, ossia andando a scaldare e rinfrescare l’aria solamente dove serve. Ma come?

È un fatto, spiegano i tecnici, di tecnologia. Per abbassare la temperatura in un capannone, ad esempio, vengono fatti installare dei dispositivi chiamati raffrescatori adiabatici ad acqua, che abbassano di svariati gradi la temperatura dell’aria a livello del suolo e stratificano invece l’aria calda nella zona alta del capannone, dove non ci sono operatori e quindi nessuno subisce disagi. Allo stesso modo, per il riscaldamento, vengono proposti ai clienti sistemi localizzati – nastri radianti, pedane riscaldanti, termostrisce radianti – che riscaldano soltanto le aree dove ci sono operatori, o perfino una singola postazione di lavoro, proprio laddove serve. Il risparmio economico – soprattutto confrontando i costi con quelli di un condizionatore industriale o di un impianto a convezione tradizionale – è di diversi ordini di grandezza, e lo stesso vale per l’aumento di velocità nel portare l’aria alla temperatura desiderata; e quel che è più importante, i consumi energetici vengono contenuti drasticamente, così da abbassare l’impatto ambientale dell’azienda.

Le imprese sul territorio che si trovano ad affrontare, ad ogni stagione, il problema alternato del caldo eccessivo o del freddo intenso hanno così una possibilità di trovare una soluzione effettiva con un investimento più ridotto. Elle 3 Service sta infatti ampliando rapidamente le proprie zone d’intervento, in un mercato dove forse si stanno incontrando per la prima volta così felicemente esigenze produttive, valutazioni economiche e considerazioni di ordine ecologico.

Potrebbe interessarti anche: , Problemi di stomaco: cosa fare in caso di acidità e bruciori , Liguria e Piemonte sono BBBellissimi: la nuova campagna pubblicitaria di BBBell , Acidità e problemi digestivi: quali sono le cause? , Confezionamento alimentare per conto di terzi: perché scegliere questa alternativa , Riapertura parrucchieri ed estetisti, cosa cambia? Norme e regole da sapere

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!