DVR e NVR, le tecnologie per la videosorveglianza - Magazine

DVR e NVR, le tecnologie per la videosorveglianza

Shopping Magazine Martedì 12 novembre 2019

© pixabay

Magazine - Tutti vorremmo sentirci sicuri, sia quando siamo in casa sia quando siamo fuori, riducendo al minimo le possibilità di effrazione nella propria abitazione. Con l'aumento dei furti e topi d'appartamento si è resa necessaria l'introduzione sul mercato di prodotti adatti a prevenire tali spiacevoli inconvenienti

I sistemi di videosorveglianza non sono una vera e propria novità, esistono da tempo per le aziende e recentemente sono divenuti abbordabili anche per gli utenti privati che vogliono tenere sempre d'occhio la propria abitazione. Se un tempo i costi erano proibitivi, oggi è possibile trovare a prezzi estremamente convenienti degli apparecchi in grado di gestire un'intera rete di telecamere: i DVR e NVR.

L'acronimo DVR sta per Digital Video Record, e si tratta di videoregistratori, talvolta muniti di disco rigido, a cui possono essere collegate un numero variabile di telecamere, sia wireless sia cablate. La vera novità è che non hanno più un pannello di controllo centrale accessibile solo dall'interno dell'abitazione ma grazie alle tecnologie wireless è possibile entrare nel sistema anche da remoto, con un computer o uno smartphone.

Oltre ai DVR esistono anche i NVR, ovvero Network Video Recorder. Questi rientrano in una categoria più recente e non necessitano di un disco rigido poiché salvano tutti i file su uno spazio cloud adibito allo scopo e che necessita di una sottoscrizione mensile o annuale. In questo modo vengono aggirati i guasti hardware, i file non andranno perduti e potrete accedervi sempre poiché salvati sulla rete. La limitazione è data però dalla possibilità di gestire unicamente telecamere IP, solitamente più costose rispetto a quelle analogiche.

Quale scegliere?

La maggior parte degli installatori consiglia il DVR per chi ha un budget limitato e vuole creare una rete di videosorveglianza puramente casalinga. Questi sistemi possono essere installati anche autonomamente e non richiedono l'intervento di un tecnico specializzato, permettendo di risparmiare così, ulteriormente, sul costo del setup. 

I sistemi NVR, invece, sono per loro natura più complessi e necessitano di un esperto in materia che possa creare la rete al meglio. Oltre al costo iniziale, più alto, dovrete anche valutare le spese di manutenzione, ovvero la gestione di uno spazio cloud illimitato per archiviare i file registrati, che richiederà un canone mensile variabile in base alle offerte. Tale opzione si rivela quindi adatta per attività commerciali o per chi ha un budget elevato da investire nella sorveglianza.

Installare un DVR

Una volta acquistato il videoregistratore DVR, bisogna innanzitutto collegarlo al modem/router di casa. Molto importante a tal proposito è la conoscenza dei protocolli di rete, IP del modem e IP del proprio computer, in modo da poterne assegnare uno statico al DVR, migliorandone così le prestazioni. Se non avete familiarità con queste procedure vi invitiamo a seguire in modo dettagliato il manuale di istruzioni fornito con il dispositivo o, in alternativa, optare per un DVR autoconfigurante.

Una volta che la connessione tra DVR, modem e computer viene stabilita, è possibile procedere al collegamento delle telecamere. Ricordate che in caso vogliate assegnare delle telecamere IP al DVR dovrete acquistarne uno ibrido e installare la telecamera sul router, sfruttando la stessa linea e inserendo sul canale lo stesso indirizzo IP del DVR.

L'IP statico, oltre al collegamento delle telecamere, ci aiuta anche nella gestione da remoto. Immaginate dunque di trovarvi fuori casa ma di voler controllare in tempo reale cosa accade nell'abitazione, per farlo avrete bisogno di un computer con browser o smartphone con applicazione dedicata. 

Tramite l'applicazione, il collegamento potrebbe risultare automatico, bypassando la necessità di conoscere il proprio indirizzo IP pubblico (diverso da quello classico 192.168.1.1, assegnato per la maggior parte dei modem), che può essere richiesto al proprio provider. Inserendo l'indirizzo nel browser potrete quindi accedere al DVR utilizzando le credenziali impostate in fase di installazione. Una volta all'interno potrete controllare singolarmente le telecamere e vedere in tempo reale cosa sta accadendo per intervenire prontamente.

Sul sito di Fabiolosa.com è possibile dare un'occhiata ai vari sistemi di videosorveglianza DVR e NVR, recensiti appositamente per voi in modo da permettervi di scegliere autonomamente quello che si adatta meglio alle vostre esigenze.

Potrebbe interessarti anche: , Bonus bici e monopattini su Amazon: come fare e quali comprare , Materassi Veradea: quando tecnologia e artigianato si incontrano