Viaggi Magazine Venerdì 19 gennaio 2018

Phuket, la destinazione perfetta per una vacanza in Thailandia

Altre foto

Magazine - Mare turchese, spiagge di borotalco, una cucina ormai famosa in tutto il mondo, una vita notturna intensa e una natura straordinaria: sono ragioni più che sufficienti per una vacanza in Thailandia, ma non sono nemmeno tutte. Perché Thailandia vuol dire persone gentili e sorridenti, una cultura buddista con straordinarie testimonianze di valore artistico e anche arte del massaggio. Chi desidera rilassarsi, dopo avere trascorso un soggiorno in Thailandia torna rigenerato dalla bellezza e dalla serenità dei paesaggi. Se poi decide di sfruttare la tradizione dei massaggi Thai, rifugiandosi di tanto in tanto in uno dei lussuosi centri benessere specializzati, è certo che rientrerà dalle vacanze con un viso disteso e uno spirito ringiovanito.  

Spiagge straordinarie, cascate e tempi : tutto il bello di Phuket

Una delle mete più affascinanti dove fare una vacanza in Thailandia è Phuket, nota anche con il nome di Perla della Andamane. L’isola nel Mare delle Andamane è perfettamente attrezzata, e con i suoi numerosi ed eccellenti hotel è in grado di offrire ai turisti internazionali tutti i confort ai quali sono abituati. Ciò non toglie che Phuket appaia agli occhi di ogni nuovo arrivato come una specie di Eden, dalla vegetazione tropicale lussureggiante incorniciata da una costa che alterna baie sabbiose a coste frastagliate di granito. Le spiagge più belle di Phuket sono quelle sulla costa ovest, dove si concentrano anche i grandi alberghi e il divertimento. Patong in questo senso è il centro che offre il maggior numero di attrattive e di vita notturna, ma le spiagge sono sicuramente meno caratteristiche e molto movimentate. Scegliere l’hotel a Patong conviene se si viene in vacanza in Thailandia per divertirsi la sera e per esplorare i dintorni di giorno. Patong infatti è comoda come punto di partenza per molte escursioni. Ma senza allontanarsi troppo, a meno di dieci chilometri da Patong ci sono località piacevolmente tranquille, come Karon e Kata, dove è possibile rilassarsi su splendide spiagge e la sera cenare in piccoli ristorantini intimi. Quando poi si ha voglia dei divertimenti della vivace Patong basta saltare su un taxi o su un tuk tuk e in pochi minuti ci si ritrova nella folla colorata. Le spiagge da vedere quando si fa un viaggio a Phuket sono:

  •  Kata, che  offre caratteristiche spiagge tropicali molto pulite amate da coppie e famiglie che amano rilassarsi al sole o con lunghe nuotate in acqua.
  • Karon, una spiaggia di sabbia fine bagnata dall’acqua cristallina  lunga cinque chilometri e che offre la comodità di avere vicino la zona della Karon Plaza con i suoi numerosi negozi, ristoranti e bar.

Meritano poi un’escursione la spiaggia di Nai Yang circondata da pini, nel Parco Nazionale di Serina e la spiaggia di Mai Khao, che  è la più lunga di tutta Phuket, dove le tartarughe ogni anno depositano le uova; le spiagge del sud dell’isola sono le meno turistiche e più autentiche.

Le tre cose che bisogna visitare quando si va in vacanza a Phuket

Almeno una volta nella vita bisogna fare un viaggio in Thailandia, e scegliere Phuket come destinazione è una mossa indovinata perché con il suo mix di natura, mare, cultura e divertimento si rivela una località dove è possibile vivere vacanze emozionanti che lasciano un ricordo indelebile nella memoria. I posti da vedere quando si va a Phuket non sono pochi, ma tra gli irrinunciabili ce ne sono sicuramente tre.

·         Le cascate di Bang Pae. Per interrompere la vita di spiaggia si può fare una gita alle cascate di Bang Pae che si trovano a nord di Phuket. A patto di portare con sé l’anti zanzare, ci si gode la bella e rinfrescante passeggiata nel parco della foresta: punto di partenza l’interessante centro di riabilitazione dei Gibboni situato all’inizio del percorso.

·         Il tempio di Wat Chalong e il Big Buddha. Il tempio di Wat Chalong è uno dei più gettonati dell’isola per diversi motivi: è ben tenuto, è comodo da raggiungere ed è circondato da giardini curatissimi. All’interno si rimane affascinati dalle tante statue di Buddha e dalle pareti affrescate con scene della vita del Buddha. L’ingresso è libero ma le donazioni son gradite.  Poco lontano c’è anche il sito del Big Buddha, l’enorme statua bianco brillante che si erge sulla collina Nakkerd, tra Chalong e Kata ed è visibile da quasi tutta l’isola. Conviene andare al Big Buddha la mattina presto o verso il tramonto, e solo nei giorni in cui il cielo è pulito, per godersi il panorama sconfinato.

·         La spiaggia di Maya Beach a Phi Phi island. Sarebbe un peccato andare in vacanza in Thailandia e non vedere le due splendide isole di Phi Phi island: Phi Phi Don e Phi Phi Leh, famose anche per essere state il set del film con Di Caprio, The Beach. Con le loro ripide scogliere che si tuffano nell’acqua verde smeraldo, le spiagge candide e i fondali ricchi di pesci queste isole sono la meta ideale per chi ama lo snorkeling o vuole fare immersioni. Laem Thong Beach, Lo Bakao Beach e Modee Bay sono le meravigliose spiagge di Phi Phi Don che si raggiungono con le boats thailandesi. Mentre l’accesso a Koh Phi Phi Leh, straordinario parco marino disabitato, è consentito solo con escursioni giornaliere su longtail boats per vedere le famose Maya Bay e Lagoon Bay. Per raggiungere Phi Phi island da Phuket basta utilizzare traghetti e motoscafi che vanno e tornano anche in giornata. 

Potrebbe interessarti anche: , Un viaggio alla scoperta di un Galles da brivido appesi a una zip line a 482 mt oppure su trampolini elastici sotterranei , Bed&Boat. Dormire in barca? Con LetYourBoat l'alternativa al solito hotel è lo yacht , Viaggio a Vilnius, la Gerusalemme della Lituania: tra chiese, stradine Patrimonio Unesco e piatti tipici , Dormire nelle grotte: dai Sassi di Matera fino a Cappadocia, Grecia e Tunisia , Ice Hotel: i 5 alberghi di ghiaccio più incredibili in Europa

Fotogallery