Ultimi giorni di Euroflora 2022: ecco 6 buoni motivi per visitarla - Genova

Ultimi giorni di Euroflora 2022: ecco 6 buoni motivi per visitarla

Cultura Genova Parchi di Nervi Mercoledì 4 maggio 2022

Clicca per guardare la fotogallery
© Chiara Marchese

Genova - Dopo tanta attesa, Nervi è stata invasa dai fiori di Euroflora. Come dice il claim Un mondo di rara Bellezza, in cui è molto facile (a volte anche meraviglioso) perdersi. Pertanto, vi consigliamo di comprare i biglietti per visitare l'evento floreale ospitato nei parchi di Nervi fino a domenica 8 maggio 2022, ma non vogliamo limitarci a darvi solo questo avviso. Di seguito sei buoni motivi per non perdervi assolutamente Euroflora 2022.

1: La rosa di Genova. Una pianta a cespuglio grande bianca e rossa come la bandiera del capoluogo ligure, per rappresentare il cuore dei genovesi e l'aria unica che si respira sulle rive del Mar Ligure. Alcuni esemplari di questa varietà di rosa di trovano nel roseto di Villa Grimaldi, dove si distinguono in mezzo a più di 200 specie di rose.

2: I giochi d'acqua. Il filo rosso di questa edizione di Euroflora è l'acqua. Elemento noto per la sua capacità di trasformarsi e quindi divertire ogni persona, dalla più grande alla più piccina. Questo tipo di divertimento non manca di certo a Euroflora, che offre la possibilità di vedere 18 giochi d'acqua diversi grazie all'installazione di grandiose fontane che possono toccare i 6 metri d'altezza.

3: Euroflora tra odori e profumi. Euroflora ai Parchi di Nervi è un'esplosione di odori e profumi, floreali e culinari (grazie ai tanti punti ristoro). Essenze che si disperdono nell'aria e nei musei. L'armonia attraverso i sensi e le sensazioni è l'esperienza proposta dalla collettiva della Regione Piemonte. Gli alberi rappresentano gli elementi di connessione tra terra e essere umano. Uno degli alberi di leccio che, nel tempo ha assunto la forma di un sedile con il suo tronco a forma di schienale, accoglie le persone le quali, appoggiando la schiena e passando le mani sulla corteccia si riconnettono con la natura. Una sagoma umana distesa su un prato fiorito, guarda il cielo e libera i propri pensieri, rappresentati da sfere fiorite che confluiscono in una nuvola di fiori, riflettendo sulla fatica del quotidiano, rappresentata da un percorso in granulato di vetro. Questa strada, il cammino di ogni persona verso la propria aspirazione di felicità, è da percorrere a piedi scalzi per provare quella sensazione di instabilità che simboleggia il percorso di vita di ciascuno alla ricerca di una forma di equilibrio interiore.

L'allestimento Percezioni dell'Istituto Agrario Bernardo Marsano di Genova vuole sottolineare come la percezione dell'ambiente avvenga attraverso tutti i sensi, anche in un contesto come quello di Euroflora in cui le immagini e i colori evocano emozioni. Anche l'olfatto e il tatto - possono consentire di apprezzare il contesto non solo per coloro che hanno un deficit visivo, ma anche per chi vuole sperimentare come la percezione degli altri sensi possa permettere l'esperienza di stimoli diversificati. I visitatori possono toccare con mano le piante e immergersi nei loro profumi, accompagnati anche dalla voce narrante degli studenti e da un sottofondo di suoninaturali. L'esperienza sensoriale potrà essere vissuta anche da bendati, mentre la parte audio potrà essere ascoltata con il proprio smartphone inquadrando il Codice QR esposto sul totem dello stand.

4: Vai a Euroflora e il tuo profilo Instagram ringrazierà. Che l'evento nei Parchi di Nervi fosse altamente instagrammabile già si sapeva, ma se vi dicessimo che oltre a fare foto al paesaggio e alle tante varietà di fiori, potreste farle anche a voi stessi in maniera molto creativa? Proprio così, percorrendo i vialetti dei parchi vi sono delle postazioni che sembrano disegnate appositamente per foto e selfie, della quale il vostro profilo ha bisogno. Divertitevi a trovarle tutte.

5: Un intero mondo fatto di fiori. Vi ricordate Ocean Race? Anche loro sono a Euroflora, e attraverso fiori blu e verdi hanno ricreato un planetario su cui è meticolosamente segnato il percorso della grande regata che approderà prossimamente a Genova, celebrando la sua storia strettamente legata al mare.

6: La 'nostra' Sardegna. Durante l'ultimo Festival di Sanremo, la Liguria era anche un pochino di Elisabetta Canalis (non senza qualche polemica per lo spot). Ora, grazie a Euroflora, un pezzo di Sardegna diventa ligure grazie al padiglione dedicato all’isola Italiana. La particolarità di questa parte di fiera sta nella presenza di sculture iperrealiste dell'artista Giuseppe Carta che rappresentano prodotti come peperoncini e olive in mezzo a più di 7mila fiori che riproducono un ambiente ospitale e capace di resistere alle intemperie ricoprendo un’area di 2000 metri quadri.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.