Food Milano Bon Wei Mercoledì 31 gennaio 2018

Capodanno Cinese 2018, cosa si mangia? La ricetta degli gnocchi di riso del Bon Wei

Si avvicina anche a Milano il Capodanno Cinese 2018: quest’anno nella notte tra il 15 e il 16 febbraio secondo l’oroscopo cinese si entra ufficialmente nell’anno del Cane. Se il primo giorno del nuovo anno è dedicato all'accoglienza, l’ultimo è invece caratterizzato dalla Festa delle Lanterne, durante la quale le famiglie escono per le vie cittadine con in mano lanterne accese e colorate. Come da tradizione, non manca a Milano la Sfilata del Dragone per festeggiare il Capodanno Cinese 2018.

Ma cosa si mangia in occasione del Capodanno Cinese? In questa pagina pubblichiamo la ricetta di uno dei piatti tradizionali gli Niángāo, ovvero gli gnocchi di riso di Capodanno, nella ricetta dello chef Zhang Quoqing del ristorante Bon Wei di Milano. In occasione del Capodanno Cinese 2018 il Bon Wei propone gli Niángāo ai suoi clienti dal 15 febbraio a fine mese.

Milano - Il Capodanno Cinese, chiamato anche Festa di Primavera o Capodanno Lunare, è tra le più sentite festività cinesi. Dipendendo dal calendario lunare, la sua data è variabile: a partire da quel giorno, le festività durano per quindici giorni, concludendosi con la tradizionale Festa delle Lanterne. L’origine di questa festa risale ad un’antica leggenda che racconta di un mostro, Nian, che era solito uscire dalla sua tana una sola volta all’anno per mangiare esseri umani: unico modo per salvarsi era spaventarlo con rumori forte e il colore rosso, di cui aveva terrore. Ecco perché ancora oggi le feste per il Capodanno sono accompagnate da canti, urla, fuochi d’artificio e dall’uso del colore rosso.

Il Capodanno Cinese è una festa familiare in cui i parenti più stretti si ritrovano, generalmente a casa delle persone più anziane, e festeggiano con una tavola riccamente imbandita: le pietanze immancabili sono pesce e pollo. L’abbondanza nei paesi del Nord della Cina, è sottolineata anche dall’offerta di piccoli dim-sum (Jiǎozi) chiusi a saccottino, tradizionalmente riempiti con carne di maiale macinata, gamberi o verdura, e serviti in file parallele (non in cerchi, perché questi rappresentano il (non andare in alcun luogo): più se ne mangiano a Capodanno e più denaro si guadagna nell’anno che viene.

Nei paesi del Sud della Cina si servono invece gli Niángāo, gli gnocchi di riso di Capodanno: la traduzione di questo ideogramma significa ogni anno sempre di più, il significato augurale che è filo conduttore dell’intera festa del Capodanno Cinese. Un tempo si preparavano a mano pestando in un mortaio di pietra il riso cotto a vapore, mescolandolo poi con acqua e sale per ottenere una pasta densa (operazione chiamata Shi Jiu). Oggi invece si compra l’impasto fresco e lo si taglia a piacere. 

Di seguito proponiamo la ricetta dello chef Zhang Quoqing del ristorante Bon Wei di Milano. La ricetta prevede che 15 giorni prima del Capodanno si metta a marinare la pancia di maiale con zucchero, soia e zenzero, per poi farla essiccare (l’ideale sarebbe al sole e al vento). Poi si fanno saltare nel wok le verdure (cavolo cinese, zucchine, carote e funghi cinesi) aggiungendo verdure tsa-tsai (in salamoia), a cui aggiungere gli gnocchi e il maiale.

Niángāo, gnocchi di riso di Capodanno: ingredienti per 4 persone

  • 500 g di gnocchi di riso freschi prefatti (si acquistano negli alimentari)
  • 100 g di pancia di maiale sotto soia
  • 200 g di cavolo cinese
  • 150 g di funghi cinesi
  • 120 g di zucchine
  • 120 g di carote
  • 80 g di Tza-zai (verdure in salamoia)
  • Olio di semi di girasole QB
  • Sale e zucchero QB
  • 2 cucchiai da minestra di vino cinese
  • 1 cucchiaio da minestra di olio di sesamo 

Niángāo, gnocchi di riso di Capodanno: preparazione

La pancia di maiale va fatta essiccare 15 giorni prima con salsa di soia, zucchero e zenzero, per cui per cui la si deve lavorare almeno due settimane prima della data del Capodanno.

Tagliare gli gnocchi (solitamente la pasta si presenta a forma di cilindro) a fette dello spessore di 1 cm. Sbollentarli in acqua senza sale e lasciarli raffreddare da parte. Preparare le verdure tagliandole a rettangoli della stessa dimensione degli gnocchi (si possono a piacere tagliare anche a julienne). Scaldare l’olio di semi di semi di girasole nel wok, metterci le verdure con sale, vino cinese e un pizzico di zucchero e farle saltare velocemente a fuoco alto per 1 minuto (su di un fuoco casalingo almeno 3 minuti) per far perdere loro l’acqua: è molto importante che le verdure restino croccanti nel gioco di consistenze con gli gnocchi che sono morbidi. Aggiungere poi gli gnocchi e farli saltare per 2 minuti (su di un fuoco casalingo almeno 5/6 minuti). Infine condire con un cucchiaio di olio di sesamo e servire. 

Potrebbe interessarti anche: , Il Trapizzino, lo street food romano alla conquista di Milano , Ristoranti romantici a Milano: 10 idee per cene fiabesche e a lume di candela , Ambaradan, la pizzeria di Milano dove il prezzo lo decidi tu , Le migliori gelaterie di Milano nella guida del Gambero Rosso 2018 , 19.26 Bistrò, ristorante dai sapori di casa a due passi dall'Anteo

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Melancholia Di Lars Von Trier Drammatico Italia, Francia, Germania, Svezia, Danimarca, 2011 Justine e Michael stanno per sposarsi, il ricevimento si terrà nella casa della sorella di Justine, ma proprio in quei giorni un evento catastrofico minaccia la terra ed i suoi abitanti... Guarda la scheda del film