Cultura Genova Venerdì 9 marzo 2018

A Genova il Festival del Mare con l'Università: il programma tra incontri e mostre

Mare
© Pixabay

Genova - Da giovedì 10 a sabato 12 maggio 2018, a Genova ci sarà un festival interamente dedicato al mare. Tra il Porto Antico e La Darsena va in scena la prima edizione del Festival del Mare. Questa kermesse a tinte blu, ideata e organizzata dall’Università di Genova, ha una finalità precisa: rafforzare il legame tra Genova e il mare (e l'Università).

Si parlerà di mare, delle sue professioni, dei suoi abitanti, in maniera più ampia. Con più di 20 discipline (tra cui economia, fisica, biologia, ingegneria, arte), più di 50 eventi, 300 persone coinvolte (tra cui un centinaio di docenti e duecento studenti volontari), il Festival del Mare è un’iniziativa unica nel panorama nazionale, capace di aggregare nello stesso luogo i temi legati a mare, formazione, professioni e ricerca. Tutti gli eventi saranno gratuiti.

Durante la tre giorni, fra le ore 10 e le 23, si svolgeranno tavole rotonde, workshop, conferenze divulgative, laboratori didattici, mostre e spettacoli, per immergersi in modo innovativo e coinvolgente, con eventi per ogni genere di pubblico, interattivi e trasversali. Un momento di riflessione, analisi e divulgazione scientifica dei temi legati al mare e ai suoi mestieri.

«Il 70% del programma è già pronto - dice Luca Sabatini, responsabile divulgazione scientifica dell'Università di Genova - Affrontiamo le tematiche del mare a 360°, in tutti gli ambiti in cui noi e Genova abbiamo delle eccellenze. Vogliamo metterle in mostra attraverso diversi filoni: incontri, laboratori, mostre  e spettacoli. Gli eventi sono 52 e potrebbero aumentare ancora. I principali? Ci saranno conferenze con ospiti da tutto il mondo. Si parlerà, ad esempio, dell'affondamento del Titanic o del recupero della Costa Concordia con l'arrivo a Genova».

Tra i molti appuntamenti le due tavole rotonde dedicate alle nuove professioni del mare e ai giovani e la ricerca sul mare. Ci sono i grandi incontri, che si terranno quasi esclusivamente al Museo Galata in serata, con Kevin Fewster, direttore del National Maritime Museum di Greenwich, Raffaele Saladino, presidente della società italiana di astrobiologia, Nick Sloane direttore del parbuckling della Concordia, Mattia Bonavida fotografo professionista molto seguito sui social network, Mariasole Bianco, biologa marina e volto noto della trasmissione televisiva Alle falde del Kilimangiaro.

«È un tema strategico per la città - afferma Paolo Comanducci, rettore dell'Università di Genova - Il mare è un tratto importante che ci distingue e il tema è interdisciplinare, sia sul piano della ricerca che della didattica. La decisione strategica dell'Università è stata puntare alla costituzione di un polo di ricerca sulle discipline che ruotano intorno al mare, a cui collegare una fonte di attrattività per studenti fuori Liguria che vogliono venire a studiare qui. Il Festival è l'evento di lancio di questo progetto, che coinvolge anche i nostri futuri studenti. Un messaggio di divulgazione scientifica importante».

 Il Festival del Mare 2018 a Genova si articola lungo diverse direttrici (il programma definito sarà pronto a breve):

Tavole rotonde

  • Le nuove professioni del mare (Quale futuro nelle professioni legate al mare? Quali fabbisogni formativi, tecnici e operativi dovrà avere, nei prossimi dieci anni, chi opererà negli ambiti legati al mare? La sfida che lanciamo è quella di sviluppare un ragionamento, condiviso, che sfoci in un documento previsionale. Un momento di riflessione da cui partire per creare quelle competenze che serviranno nel prossimo futuro.
  • I giovani e la ricerca sul mare (Durante tale giornata ricercatori e studenti dell'Università di Genova presenteranno le proprie ricerche inerenti il mare).

Grandi incontri

  • I grandi affondamenti, dal Titanic all’Andrea Doria (con Kevin Fewster, direttore del National Maritime Museum di Greenwich e Pierangelo Campodonico, direttore Istituzione MuMA - Galata Museo del Mare).
  • L’acqua e l’origine della vita (con Raffaele Saladino, Università della Tuscia e Presidente della Società Italiana di Astrobiologia e Giorgio Bavestrello, Università di Genova).
  • Il recupero dei relitti delle navi (con Nick Sloane, direttore del parbuckling della Concordia).
  • Un mare di foto (con Mattia Bonavida, fotografo professionista).
  • La difesa dell’ambiente marino (con Mariasole Bianco, biologa). 

Conferenze divulgative

  • Voci dal Porto (Antropologia, con Marco Aime).
  • La pirateria del XXI secolo: il ruolo dell’Italia e delle sue Forze Armate nel contrasto del fenomeno (Diritto, Francesco Munari).
  • La scoperta del mare (Arte, con Leo Lecci).
  • La scienza del Surf (Ingegneria con Giovanni Besio).
  • Montagne sommerse (Scienze del mare, Marzia Bo).
  • Gli ambienti estremi (Scienze del mare, Giovanni Petrillo).
  • Le immersioni in Antartide (Scienze del Mare, con Stefano Schiapparelli in collaborazione con Comsubin - Marina Militare).
  • Attraversare l’Atlantico in terza classe (Storia, con Maria Elisabetta Tonizzi).
  • I commerci via mare tra '500 e '700 (Storia, con Luca Lo Basso).
  • La Repubblica di Genova e i corsari (Storia, con Emiliano Beri).

Laboratori didattici

Una trentina di laboratori didattici per bambini e ragazzi di età compresa tra 6 e 18 anni si alterneranno tra giovedì 10, venerdì 11 e sabato 12 maggio 2018 nella Piazza delle Feste del Porto Antico. Tra questi alcuni saranno itineranti (Una passeggiata naturalistica nel Porto Antico per comprendere la biodiversità), altri ci porteranno in giro ma senza muoversi (In profondità nel Porto Antico con il ROV o l’esperienza immersiva con la Realtà Virtuale).

«Per i laboratori e altri eventi, prima andremo nelle scuole a raccontare a bambini e ragazzi quello che poi sarà svolto durante il Festival - conclude Sabatini - L'obiettivo è formare i più giovani, per fornigli più competenze possibili».

Mostre

Ci saranno diverse mostre, tra cui una di dipinti sul mar ligure provenienti da collezioni private genovesi, che inaugura sabato 10 maggio al Galata Museo del Mare, con entrata gratuita nei giorni del Festival del Mare di Genova. Protagonisti i pittori lombardi che hanno raffigurato il nostro mare.

Spettacoli

Alcuni spettacoli animeranno i giorni del Festival del Mare. Tra questi una rassegna cinematografica serale, legata ai temi affrontati negli incontri, e uno spettacolo itinerante per la città, con performers che porteranno conchiglie al mare del Porto Antico insieme a centinaia di persone coinvolte.

«Sono molto contento di questa iniziativa - dice Beppe Costa, Presidente Costa Edutainment spa - perché il mare non è solo acquario, numero di visitatori, la nascita di un animale, ma è anche ricerca e studio scientifico». Il Festival del Mare 2018 vede la collaborazione di Camera di Commercio, Costa Edutainment con Acquario di Genova e Mu.MA Istituzione Musei del Mare e Associazione Promotori Musei del Mare con Galata Museo del Mare, Porto Antico e della partecipazione di numerosi attori (Sovrintendenza per i beni archeologici, Museo di Archeologia ligure, Fondazione CIMA, Archivio di Arte Contemporanea, Accademia Ligustica di Belle Arti, CNR, CERN, Coldiretti, Marina Militare, Istituto Idrografico della Marina).

Potrebbe interessarti anche: , Genova, un Galata Museo del Mare sempre più ricco con Navigare nell'Arte , Genova, il Museo dell'Emigrazione Italiana sbarca alla Commenda di Prè: il progetto , UniverCity 2018 a Genova: programma anni '90 tra concerti, incontri e videogiochi , Musei di Genova: in primavera oltre 340mila visitatori. «Ora App e pagamento online» , A Mele il patrimonio è di tutti e per tutti. Grazie ai confratelli dell’Oratorio di Sant’Antonio Abate

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

L'affido Una storia di violenza Di Xavier Legrand Drammatico Francia, 2017 Dopo il divorzio da Antoine, Myriam cerca di ottenere l’affido esclusivo di Julien, il figlio undicenne. Il giudice assegnato al caso decide però per l’affido congiunto. Ostaggio di un padre geloso e irascibile, Julien vorrebbe proteggere... Guarda la scheda del film