Picasso in mostra a Genova: oltre 50 capolavori a Palazzo Ducale

2017-11-07 16:03:53

Da venerdì 10 novembre a domenica 6 maggio 2018

© Chiara Pieri

Genova - Palazzo Ducale per sei mesi si trasforma in una sorta di succursale del Museo Picasso di Parigi. Da venerdì 10 novembre fino a domenica 6 maggio si può ammirare la mostra Picasso. Capolavori dal Museo Picasso di Parigi, un'esposizione che propone non solo il percorso artistico del genio spagnolo, attraverso i diversi periodi, le sperimentazioni e gli stili toccati dal 1907 agli anni '70, ma dà la possibilità di ammirare anche un ricco corpus di opere da cui il pittore non si separava mai.

Le tele in mostra, infatti sono eccezionali sia per la quantità (un quinto dell'intera collezione del museo francese), sia per la predilezione che Picasso mostrava per queste 48 opere, da cui, nonostante i continui cambi di atelier, non ha mai voluto allontanarsi fino alla morte nel 1973.

Curata da Coline Zellal, la mostra si inserisce nel progetto Picasso Mediterranee, che per due anni proporrà una serie di iniziative dedicate all'artistra in oltre sessanta istituzioni che hanno partecipato al progetto, tra cui le Scuderie del Quirinale dove si può ammirare Picasso tra cubismo e classicismo  e Palazzo Reale a Milano, dove nell'autunno 2018 arriverà Picasso e il mito.

A Genova l'esposizione propone un percorso attraverso il lavoro dell'artista e dei luoghi che l'hanno ispirato nel corso della sua vita. Si va dal 1907 con gli studi preparatori per le Demoiselles d'Avignon agli anni in Rue des Grands-Augustine e l'incontro con Dora Maar, dalla vita e le tele realizzati negli atelier del sud del Mediterraneo fino alle opere tarde degli anni Settanta. Non mancano fotografie che ritraggono Picasso nei vari atelier, scelti come sedi di lavoro e abitative e in cui spesso figurano le stesse opere da cui non si separava.

«La pittura è più forte di me, mi fa fare quello che lei vuole» diceva Picasso, una frase che si rivela ancor più significativa passeggiando tra la molteplicità di forme, colori e sperimentazioni proposte dalle 10 sezioni in mostra. Una sala dopo l'altra si viene catturati dalla vivacità di Picasso nello sperimentare in forme e colori la propria creatività, continuando sempre a mettere in dubbio la propria arte.

«Questo è un evento epocale per Genova» ha dichiarato Luca Bizzarri, presidente della Fondazione Cultura di Palazzo Ducale, sottolineando l'importanza della mostra, insieme al sindaco Marco Bucci, al Presidente della Regione Giovanni Toti e all'assessora al Marketing Territoriale, Cultura e Politiche Giovanili del Comune di Genova, Elisa Serafini, che hanno garantito l'impegno per fare sempre più della cultura una forza trainante per la città.

Orari: lunedì 11.30-19.30; da martedì a giovedì 9.30-19.30; venerdì 9.30-22; sabato e domenica 9.30-19.30. La biglietteria chiude un’ora prima

Biglietti: Intero con audioguida 13 euro; ridotto con audioguida 11 euro; gruppi (sabato e domenica) 13 euro; gruppi (dal lunedì al venerdì) 11 euro; scuole (inclusa prevendita) 6 euro; ridotto giovani fino ai 26 anni(ogni venerdì dalle 14 alle 21) 5 euro.

Approfondisci con: Maggiori informazioni sull'evento e biglietti per Pablo Picasso a Genova, capolavori in mostra a Palazzo Ducale

Potrebbe interessarti anche: Rubaldo Merello tra divisionismo e simbolismo, mostra al Ducale, fino al 4 febbraio 2018 , Presepi dei Cappuccini della Liguria in mostra, tra storia ed eventi di Natale, fino al 2 febbraio 2018 , PaleoAquarium, il mare al tempo dei dinosauri, fino al 31 marzo 2018 , La Città della Lanterna: il simbolo di Genova in mostra a Palazzo Reale, fino al 4 febbraio 2018

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Un sacchetto di biglie Di Christian Duguay Drammatico Francia, Canada, Repubblica Ceca, 2017 Due giovani fratelli ebrei nella Francia occupata dai tedeschi, con una dose sorprendente di malizia, coraggio e ingegno riescono a sopravvivere alle barbarie naziste e a ricongiungersi alla famiglia. Guarda la scheda del film