Solo in teatro: la stagione 2020/2021 di Cirko Vertigo - Torino

Solo in teatro: la stagione 2020/2021 di Cirko Vertigo

Teatro Torino Mercoledì 10 giugno 2020

Torino - Solo in Teatro è il primo programma della Fondazione Cirko Vertigo per la nuova Stagione teatrale 2020/2021. Si tratta di un progetto inedito: un laboratorio pensato per e con gli artisti per dare risalto, allo stesso tempo, al corpo del performer e al corpo del teatro, attraverso un’esperienza nuova, fruibile di persona ma anche da casa via streaming, capace di far emergere storie di vita professionali di ciascun artista.

Il desiderio è quello di ampliare la fruizione della cultura e dello spettacolo dal vivo, per riportare con più forza - fisicamente e virtualmente - gli spettatori negli spazi del teatro attraverso l’esperienza degli artisti. «Vogliamo restituire agli artisti e al pubblico tutti gli aspetti di cui sono stati privati - spiega il direttore di Cirko Vertigo, Paolo Stratta - Gli artisti potranno certamente portare in scena il loro lavoro, qualunque sia il contesto esterno, e il pubblico potrà fruire di elementi ulteriori che nella visione tradizionale in teatro non sono accessibili, come il dietro le quinte, la biografia dell’artista raccontata in esclusiva ed altri momenti di intimità e condivisione».

Agli artisti coinvolti verrà chiesto di presentare una creazione di venti/trenta minuti di un proprioSolo (estratto di lavori precedenti o di una nuova creazione), come manifesto di un’azione performativa e di ricerca che sivuole realizzare davvero solo in Teatro. Per ogni artista verrà organizzata una residenza di sei giorni consecutivi, insieme ad uno staff tecnico (interno, fonica e luci) di supporto alla creazione.

Con la collaborazione anche di un fotografo e di un operatore video, verranno realizzati materiali di diverse tipologie proprio sul percorso: la presentazione dei contributi video, conimmagini del dietro le quinte e di interviste, trasmessi poi in streaming prima dello spettacolo in Solo, attraverso un attento lavoro di regia e montaggio delle riprese.                                                        

Gli spazi del Teatro Café Müller di Torino si trasformeranno quindi in una sorta di set cinematografico”, una piattaforma di collaborazione e dialogo tra organizzazione, direzione e staff del teatro e performer, avendo cura di lasciare all’artista il suo spazio e il suo silenzio, per potersi esprimere liberamente, sperimentare e fare esperienza delle necessità dettate dalla situazione contingente nel relazionarsi al proprio di creazione e prove per lo spettacolo. I materiali realizzati durante la residenza avranno come risultato finale una sorta di monografia, tra lo spettacolo dal vivo e il docufilm, che svela al pubblico aspetti inediti della professione dell’artista, creando anche un filo direttocon lo spettatore da casa.

«Il Café Müller apre così le porte per accompagnare l’artista al suo interno, per dar valore e mettere in risalto il corpo del performer e il corpo del teatro – racconta Caterina Mochi Sismondi, direttrice artistica del teatro -attraverso un’esperienza viva e con il contributo e il supporto anche delle immagini di residenza e delle interviste, col fine esperienziale di far emergere storie di vita professionali, espressioni del momento e un personale sguardo al futuro di ciascun artista. Così vivere l’esperienza unica del teatro, tra la scena e il dietro le quinte e portati per mano dall’artista». La durata complessiva della serata trasmessa sarà in totale di cinquanta minuti.

Solo in Teatro è un format a impatto zero: il progetto rispettagli obiettivi dell’agenda 2030, difende l’autenticità della creazione, portando anche nelle case degli spettatori –grazie ad arte e tecnologia - un prodotto culturale inedito, garantendo ai professionisti coinvolti di non dover annullare il periodo di lavoro e i giorni di presentazione.

Per questo Solo in Teatro è un progetto creativo di sostegno agli artisti, allo staff di un teatro e alla vitalità di una Stagione, per esprimere non soltanto la necessità legata alla situazione contingente di lavorare da soli, ma anche per dare voce ad espressioni artistiche che possono essere realizzate tecnicamente solo in un teatro. Il progetto ha anche e soprattutto uno sguardo attento allo scambio creativo tra realtà differenti- aprendo un dialogo virtuoso tra le compagnie, le creazioni e il pubblico - che, attraverso questa esperienza, possono individuare nuove forme di progettualità per il futuro con il teatro, con la città di Torino e con il territorio, attraverso l’esperienza della danza, del teatro, della musicae delcirco contemporaneo. Le compagnie invitate avranno inoltre momenti di incontro e confronto tra gli artisti coinvolti e con il pubblico a distanza, attraverso collegamenti sui nostri canali e con l’intervento di alcuni critici e giornalisti.

Nel caso in cui le misure di contenimento dell’epidemia dovessero protrarsi, il progetto è studiato per evolvere in una vera e propria stagione digitale, che rimarrà comunque fruibile a distanza anche al termine dell’emergenza sanitaria. Se invece la situazione dovesse rientrare, portando nuovamente e finalmente il pubblico in sala, gli artisti selezionati rimarranno comunque all’interno della Stagione Teatrale 2020-21.

Per Solo in Teatro sono stati chiamati professionisti affermati nazionali e internazionali di teatro-danza-musica-circo, che hanno uno sguardo attento sul lavoro del corpo, la ricerca di commistione tra le arti e della creazionesulla scena

Nicoletta Cabassi, danzatrice e coreografa, Marigia Maggipinto, danzatrice già membro della compagnia di Pina Bausch oggi performer, didatta e coreografa, Jurij Ferrini, attore e regista teatrale, Michela Lucenti, danzatrice e coreografa, capofila di una formazione dei danzatori-attori del Balletto Civile Roberto Zibetti, attore e regista teatrale e cinematografico, Antonio Fazio, giovane attore e cantante, Paolo Oricco, attore protagonista della compagnia Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, Eugenio Allegri, attore di teatro e cinema, già direttore artistico del Teatro Fonderia Leopolda di Follonica, Jacob Olesen attore poliglotta che ha recitato in tutto il mondo, Elisa Mutto, danzatrice ed acrobata aerea di circo contemporaneo, SandhyaNagaraja, cantante, danzatrice e coreografa di origini italo-indiane, Alex Duarte, artista, acrobata aereo e danzatore portoghese, Salvatore Cappello, artista di circo, attore e danzatore, Delia Ceruti, artista circense e danzatrice, Leo Bassi, artista internazionale, attore e comico, Tiziana Prota, artista di circo,Luisella Tamietto, attrice didatta e comica, Luca Morino, cantante, chitarrista e scrittore, fondatore e leader del gruppo dei MauMau, Vladimir Ježić, artista croato di circo contemporaneo, Bea Zanin, violoncellista e musicista elettronica, Alessandra Simone, artista di circo contemporaneo, Erika Urban, attrice teatrale, Sergio Antonino, danzatore fondatore della compagnia Kaiser&Antonino, Gianluca Pezzino, musicista, cantante e performer, Michele Di Mauro, attore e regista teatrale e cinematografico.

Primi 6 titoli in programma

sabato 3 ottobre 2020
MARIGIA MAGGIPINTO - danza

sabato 17 ottobre 2020
ALEX DUARTE – circo contemporaneo

sabato 31 ottobre 2020
PAOLO ORICCO - teatro

sabato 14 novembre 2020
LUCA MORINO - musica

sabato 28 novembre 2020
JURIJ FERRINI - teatro

sabato 12 dicembre 2020
NICOLETTA CABASSI - danza

Potrebbe interessarti anche: , Attraverso Festival 2020: il programma completo con Michela Murgia, Ascanio Celestini e Niccolò Fabi , Cinecamper 2020, il cinema all'aperto in montagna. Il programma completo , Piemonte dal vivo 2020: un'estate di teatro, danza e spettacoli , Mirabilia 2020: il Festival di Circo Contemporaneo torna a Cuneo e a Busca , Summer Plays: sere d'estate al Teatro Carignano. Il programma completo

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.