NOI...non erano solo canzonette: in mostra a Torino la musica d'autore che ha fatto l'Italia

NOI...non erano solo canzonette: in mostra a Torino la musica d'autore che ha fatto l'Italia

Mostre Torino Venerdì 22 marzo 2019

Torino - Ci sono due abbracci all’interno dei quali si sviluppa una storia italiana. Il primo è quello di Domenico Modugno, sul palco di Sanremo nel 1958, l’altro è quello di Paolo Rossi nel 1982, in quella «notte di Madrid» che valse il Campionato del mondo di calcio alla compagine azzurra. Dentro questo intervallo temporale c’è la storia di un Paese che ha saputo raccontarsi attraverso la musica, quella «d’autore», che è al centro della mostra Noi… non erano solo canzonette, ospitata dal 22 marzo al 7 luglio alla Società promotrice di Belle arti di Torino.

Curata da Gianpaolo Brusini, Giovanni De Luna e Lucio Salvini, la mostra, che si fonda su una selezione di 100 opere musicali italiane, ha visto la collaborazione di Fabri Fibra, Giorgio Olmoti e Omar Pedrini. Le aree tematiche sono 12, dalla grande immigrazione interna verso il Nord della nazionale al «disimpegno» degli anni Ottanta. In mezzo ci sono il consumismo, rappresentato da Carosello, o l’emancipazione femminile, identificata con il brano Pensiero stupendo. Le fotografie in mostra, che in buona parte arrivano dall’Archivio Storico di Intesa Sanpaolo, si accompagnano alla musica prevista nelle varie sale espositive, fruibile attraverso la filodiffusione o le cuffie, fino agli speaker direzionali e ai filmati d’epoca.

È insomma una «mostra musicale» che cerca di raccontare la storia d’Italia nel periodo che va dal boom economico al «benessere» degli anni ’80, attraversando le fasi più calde del Dopoguerra. Si aggiungono, poi, delle opere video in arrivo dalle Teche Rai e dall’Archivio Nazionale del Cinema d’Impresa di Ivrea, con lavori di Michelangelo Antonioni, i fratelli Taviani, Bernardo Bertolucci, Dino Risi e Ermanno Olmi, fra gli altri.

«Ascoltare, anche a distanza di molti anni, una canzone che si è fusa con un momento significativo della vita – spiega Gianpaolo Brusini nell’introduzione al catalogo – rievoca i ricordi e questi, a loro volta, le emozioni». Ed è così che attraverso i brani più celebri si rievocano anche i momenti storici. «Sono stati anni tumultuosi, ricchi di eventi, affollati di lacrime e sorrisi», aggiunge Giovanni De Luna. «Così come Modugno con Volare ha dato il via al cambiamento – rileva Lucio Salvini – i cantautori hanno costretto tutti a un linguaggio diverso, meno banale. Dopo di loro nulla sarebbe stato come prima».

Di fatto il periodo preso in esame dalla mostra rappresenta un cambiamento centrale nella cultura italiana, che dopo la distruzione della Seconda guerra mondiale, mossa dal boom economico, ha ricostruito una propria narrazione e una propria peculiarità. Non senza difficoltà, non senza spargimenti di sangue. Ma è anche questo un segno del fermento ideologico – che poi si è tradotto anche una fiorente produzione culturale – che ha attraversato il Paese.

L’allestimento della mostra è stato curato da Francesca Seminatore, con le installazioni audio-video di Daniele Perrone (Audio Conika) e la progettazione di Politecna Europa. La parte didttica, invece, è stata messa in piedi dall’Istituto Piemonte per la Storia della Resistenza e della Società contemporanea, con cinque laboratori: Le canzoni dei “giovani”, I consumi, L’emigrazione, Le “nuove” donne e La violenza politica.

Potrebbe interessarti anche: , Artissima presenta Fondamenta: dal 5 giugno al 5 luglio 2020 online il progetto collettivo , Artissima sui social con ge·ne·a·lo·gì·a: l’arte italiana non si ferma , Virtual tour al Museo Egizio di Torino: tra passeggiate con il direttore e mostre digitali , La Fondazione Torino Musei si sposta online: le attività di Palazzo Madama, Gam e Mao , Il Polo del '900 di Torino online: racconti e voci del Novecento per parlare del presente

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.