Coronavirus: Ferragni e Fedez donano 100 mila euro per la terapia intensiva dell'Ospedale San Raffaele - Milano

Coronavirus: Ferragni e Fedez donano 100 mila euro per la terapia intensiva dell'Ospedale San Raffaele

Attualità Milano Lunedì 9 marzo 2020

© facebook.com/fedezofficial

Milano - Chiara Ferragni e Fedez, attraverso una donazione a livello personale di 100.000 euro, hanno dato il via a una campagna a sostegno della raccolta fondi destinata alla creazione di nuovi posti letti all’interno del reparto di terapia intensiva dell'Ospedale San Raffaele di Milano, parte del Gruppo San Donato, ad oggi strettamente necessari e indispensabili per affrontare l'emergenza sanitaria del Coronavirus e per fornire gratuitamente a ciascun paziente la cura medica di cui ha urgentemente bisogno.

L’iniziativa - realizzata con la collaborazione di Alberto Zangrillo, primario di terapia intensiva cardiovascolare e generale dell’ospedale San Raffaele di Milano - andrà in supporto alla terapia intensiva, ambiente super specialistico per malati gravi. Gli ammalati con insufficienza respiratoria causata dall’epidemia in corso occupano questi reparti che risultano altamente insufficienti a fronteggiare la crisi. Un letto di terapia intensiva ha un costo nettamente superiore rispetto a un letto di degenza normale. È necessario un monitor che rilevi le funzioni vitali del paziente, un ventilatore che assista la respirazione del malato e una serie di pompe infusionali per liquidi e farmaci.

Accedendo direttamente alla campagna, è possibile dare una donazione minima di 5 euro (la piattaforma non ha commissioni, ma in fase di donazione il donatore può lasciare una mancia facoltativa) e i fondi totali raccolti saranno direttamente devoluti all’ospedale per il rafforzamento della terapia intensiva.

«Speriamo che questa nostra iniziativa sensibilizzi le persone in Italia e all’estero, sull’emergenza Coronavirus nella quale siamo tutti coinvolti», spiegano Chiara Ferragni e Fedez. «È un contributo concreto che apprezziamo moltissimo e che speriamo sia di esempio per molti», commenta Alberto Zangrillo, primario di terapia intensiva cardiovascolare e generale dell’ospedale San Raffaele di Milano: «noi continuiamo la nostra battaglia, che vinceremo, contro questa emergenza straordinaria, dove le terapie intensive rappresentano l’unica possibilità di guarigione per i pazienti più gravi».

Potrebbe interessarti anche: , A Milano incentivi fino a 3000 euro per l'acquisto di scooter e bici elettriche (ma anche auto e veicoli commerciali) , Alcolici da asporto a Milano, divieto dopo le 19: cosa dice l'ordinanza anti movida e fino a quando è valida , 020202 è anche su WhatsApp: il centralino del Comune di Milano diventa un assistente virtuale , Una grande area pedonale dal Duomo alla Statale: come sarà Milano dopo i cantieri della M4 , Milano Digital Week 2020, l'edizione on line dalle mille riflessioni: quale futuro in una città trasformata?

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.