Come visitare il Cenacolo di Leonardo? Una dritta per ammirare l'Ultima Cena dal libro Milano Adagio

Come visitare il Cenacolo di Leonardo? Una dritta per ammirare l'Ultima Cena dal libro Milano Adagio

Cultura Milano Cenacolo Vinciano Venerdì 8 novembre 2019

© Flickr.com / Luca Vanzella

Milano - Dal 7 novembre 2019 è in libreria Milano Adagio, il nuovo libro di Teresa Monestiroli (Enrico Damiani Editore), una guida volutamente parziale per cittadini frettolosi e disattenti, una passeggiata da flâneur fra giardini e palazzi storici, chiese, bistrot, musei, cinema e panchine in stile adagio urbano alla scoperta del piacere di dedicarsi del tempo anche quando (apparentemente) il tempo non c’è.

Per milanesi in cerca di quiete e per turisti che vogliono uscire dalle rotte più conosciuteMilano Adagio regala il gusto di perdersi dentro l’elegante lentezza della metropoli. Di seguito pubblichiamo un estratto dal libro di Teresa Monestiroli, un consiglio per tutti coloro che vorrebbero visitare il Cenacolo vinciano ma sono intimoriti da code, tempi di attesa biblici e biglietti introvabili.

Una dritta per vedere il Cenacolo

Neanche la folla, comunque contingentata a gruppi di 35 persone per turno, è riuscita a rovinarmi l’emozione di entrare, dopo anni, nel refettorio di Santa Maria delle Grazie per vedere da vicino il fragile capolavoro di Leonardo da Vinci, sopravvissuto per miracolo ai bombardamenti del ‘43 che hanno devastato gran parte del monastero domenicano dove fu dipinto, tra il 1494 e il 1497, per volere del duca di Milano Ludovico il Moro.

Neanche le luci un po’ datate, che lasciano in ombra molti dettagli, in parte sbiaditi dai segni del tempo, hanno ridotto la magia di trovarsi di fronte alla rappresentazione per eccellenza dell’Ultima cena, il dipinto più famoso che c’è in città, l’unico per cui i turisti di tutto il mondo fanno carte false, l’immagine più riprodotta della storia dell’arte, tanto innovativa da diventare già dalla fine del Quattrocento un’icona dirompente.

Fino ad allora, tutte le Cene raffiguravano gli apostoli seduti da una parte del tavolo, insieme a Gesù, con Giuda solo, dall’altra, spalle allo spettatore. Era il momento in cui Cristo identificava il traditore. Leonardo scardina lo schema tradizionale e racconta un altro episodio, più drammatico, quando Cristo annuncia agli apostoli Qualcuno di voi mi tradirà, scatenando una tempesta di sentimenti raffigurati nel volto di ogni personaggio: sorpresa, sgomento, meraviglia, confusione, oggi riconoscibili negli ingrandimenti che si possono ammirare all’uscita del refettorio, lungo un percorso di fotografie che racconta la travagliata storia del capolavoro. Reazioni emotive che affiorano, moti dell’animo cari a Leonardo, inseriti in un’ingegnosa prospettiva che sfonda la stanza dando risalto alla figura di Gesù, al centro.

Il risultato è straordinario. La vulnerabilità dell’opera, un malato grave dagli inizi del Cinquecento, e la difficoltà di vederla - gli ingressi sono a numero chiuso, le vendite aprono di tre mesi in tre mesi e le agenzie turistiche fanno incetta di biglietti - rendono il tutto ancora più affascinante.

Ma come vedere l'Ultima Cena se i posti sono sempre esauriti? La dritta è andare in biglietteria alle 8 del mattino, quando apre: ogni giorno una quota di ingressi viene riservata alla vendita diretta, senza prenotazione, offrendo un biglietto per uno dei turni quotidiani con formule cumulative che comprendono l’ingresso anche ad altri musei della città.

Potrebbe interessarti anche: , Duomo di Milano, riaperto il Complesso Monumentale: orari di visita e promozioni, dalle terrazze all'area archeologica , Lucciole a Milano: dove vederle al Parco delle Cave? Itinerario per l'escursione notturna , Itinerari in Lombardia? Riaprono i beni Fai: l'elenco e le regole per visitarli in sicurezza , Il Fuorisalone 2020 si fa Digital. Concerti, talk, presentazioni: tutto on line , Cultura a domicilio a Milano: gli incontri virtuali di Neiade, tra arte e curiosità

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.