Mobilità sostenibile a Milano? Auto, scooter, bici: i servizi green per muoversi senza inquinare

Attualità Milano Venerdì 11 ottobre 2019

Mobilità sostenibile a Milano? Auto, scooter, bici: i servizi green per muoversi senza inquinare

© instagram.com/bikemi_milano

Milano - Traffico sempre più inteso, impianti di riscaldamento e di raffreddamento sempre accesi, e qualità dell’aria sempre più scadente. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 92% della popolazione vive in luoghi dove la qualità dell’aria è oltre i limiti di sicurezza per la salute. I dati più allarmanti sono concentrati nelle aree metropolitane.

Le città devono cambiare, re-inventarsi e progettarsi seguendo modelli sempre più ecologici e sostenibili. Diventare una green city oggi è l’obiettivo di molti centri urbani e una realtà che si sta concretizzando in tante città d’Europa e del mondo. Realtà virtuose da prendere ad esempio, dove la mobilità sostenibile è un obiettivo primario.

Per mobilità sostenibile si intende un sistema di trasporti che riduce al minimo l’impatto ambientale, massimizzando l’efficienza, l’intelligenza e la rapidità degli spostamenti. Il goal è quello di arrivare ad una rete, sia pubblica che privata, che rispetti l’ambiente, abbatta i consumi e non produca emissioni nocive. 

La metropoli più green d'Italia

Secondo l’ultimo report di Legambiente, Milano è la metropoli più green d'Italia per minor numero di auto circolanti: il 58% degli spostamenti in città avviene con i mezzi pubblici. Oggi solo un milanese su due utilizza la macchina per spostarsi, gran bel risultato data la popolazione, ma decisamente ancora troppo poco. Per questo, nel 2019, è stato approvato dal Consiglio Comunale di Milano il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (Pums), un documento che guida le strategie della mobilità della città metropolitana di Milano per i prossimi dieci anni. L’obbiettivo è fare in modo che gli abitanti non abbiano più bisogno di utilizzare la propria auto e riuscire quindi a ridurre di quasi un terzo le emissioni di carburante organico.

Milano si prepara quindi a riorganizzare il traffico cittadino. Dopo l'introduzione dell'Area B che chiude l’accesso alla Città Metropolitana di Milano per i veicoli benzina e i diesel classe Euro 4è anche previsto un incremento delle zone 30, l'attivazione di nuove linee metropolitane e il potenziamento delle tratte di tram e bus. Anche i mezzi stessi saranno sempre più verdi, grazie al piano di Atm di sostituire tutti i 1200 autobus, per una flotta full electric entro il 2030.

Ma non solo, al fine di migliorare la qualità della vita urbana, Milano sta investendo sempre più nella sharing mobility, o mobilità condivisa. Mobilità condivisa sono tutte quelle soluzioni che permettono di spostarsi in modo individuale ed autonomo ma con mezzi in condivisione con altre persone. Le parole magiche sono car sharing e bike sharing ma recentemente i servizi in città si sono allargati anche a motorini e monopattini, con l’idea di sperimentare anche con veicoli come segway, hoverboard e monoruote.

Giovane, elettrica e piena di energia pulita

Con le flotte più consistenti a livello nazionale, Milano vanta un’ampia possibilità di scelta nel campo della mobilità condivisa, sia per le auto che per i mezzi più leggeri. Inoltre, sta guadagnando sempre più terreno la scelta green dell’elettrico che permette al cittadino di muoversi senza inquinare.

I numeri del mondo electric sono infatti molto promettenti: nella mappa di Milano Green City appaiono, sparse per il territorio, 93 colonnine di ricarica per veicoli elettrici (che diventeranno 1000 nel 2020), 290 postazioni di bike-sharing BikeMi con 3650 biciclette e 1150 a pedalata assistita e 218 km di piste ciclabili, destinati ad aumentare grazie al Pums. Si confermano poi 3 mila passaggi all’anno sui vari car sharing elettrici, 16 mila sulle bike e 500 sulle moto. Grazie ai numerosi progetti di mobilità sostenibile ad oggi un cittadino su 10 ha rinunciato alla propria auto per rivolgersi ai servizi di sharing. È previsto che per il 2021 diventino due su 10. L’obbiettivo è una metropoli con almeno il 25% di traffico in meno e con i mezzi pubblici più veloci che, secondo le previsioni, raggiungeranno il 42% di persone in più.

Condividi-Mi: tutti i mezzi green di Milano

I servizi sharing, dalla macchina al monopattino, sono tutti utilizzabili per brevi periodi dietro un corrispettivo a tempo e/o chilometrico. Il pagamento del servizio è a consumo, previa iscrizione annuale. Per usufruirne basta avere l’apposita app da cui, grazie alla geo-localizzazione, si può trovare il mezzo più vicino. I servizi possono essere station-based (da lasciare in zone dedicate) o free-floating (da parcheggiare liberamente).

Tra tutti i servizi proposti, è difficile decidere a chi rivolgersi per essere sicuri che i nostri spostamenti in città siano effettivamente ad emissioni zero. Così, noi di mentelocale.it abbiamo pensato di regalarvi una lista di tutti i servizi di sharing mobility elettrici disponibili a Milano. 

Automobili

  • Share’ngo (free-floating): un progetto tutto italiano il primo sharing completamente elettrico in città, con più di 1500 auto tra Milano, Roma, Firenze e Modena. Offre sconti nel giorno del compleanno, tariffe agevolate per l’utenza femminile (women night voucher) e incentivi i clienti assidui. Attivo dal 2015, sembrerebbe volersi ampliare con l’introduzione di motorini elettrici, dalla fine 2019.
  • Share now (free-floating): ufficialmente la più grande azienda di car sharing al mondo, con le flotte globali combinate di Car2Go e DriveNow. A disposizione in 30 città di 13 paesi diversi tutto da un’unica app. Oltre 20.000 auto in tutto il mondo, di cui 3200 elettriche. A Milano per ora solo 20 veicoli, introdotti nel 2018, le nuove Bmw i3.
  • E-Vai (station-based): l’unico servizio di green mobility regionale integrato con il servizio ferroviario lombardo e con i principali aeroporti. Attivo dal 2012, ha rinnovato il suo parco vetture e ad oggi è dotato di una gamma di quattro modelli Renault, 100% elettrici.
  • Ubeeqo (station-based): dopo Londra, Parigi, Berlino, Amburgo, Madrid e Barcellona Ubeeqo sbarca anche a Milano con oltre 150 vetture. L’azienda, parte del gruppo Europcar, è una soluzione di green mobility dedicata non solo ai privati ma anche alle aziende.

Scooter

Dal primo gennaio 2020 i servizi di sharing per gli scooter potranno essere solo elettrici. Ad oggi le flotte di scooter esistenti contano circa 1470 veicoli, suddivisi fra 5 operatori, tutti free-floating e tutti dotati di mezzi elettrici.

  • MiMoto: il primo servizio made in Italy di scooter sharing elettrico a flusso libero.
  • ECooltra: leader europeo nello scooter sharing con una flotta di più di 3000 mezzi elettrici suddivisi tra Lisbona, Barcellona, Madrid, Roma e Milano.
  • ZigZag: scooter a tre ruote per tutti coloro che sono alla ricerca di un modo innovativo di guidare.
  • Cityscoot: già presente a Parigi e a Nizza è sbarcato a Milano dal dicembre del 2018.
  • GoVolt: sia a Milano che a Monza, con una flotta full electric di motorini, recentemente ampliata con monopattini.

Micro-mobilità: bici e monopattini

La bici, si sa, è il mezzo green per eccellenza. A Milano, il servizio pubblico di condivisione delle biciclette è BikeMi, dell’azienda Atm, che offre un servizio station-based con quasi 5 mila biciclette, incluse quelle con pedalata assistita, spalmato su tutto il centro di Milano con la prospettiva di ampliarsi a tutta la città metropolitana.

Fino a poco tempo fa il panorama della micro-mobilità milanese comprendeva anche il colosso cinese Mobike che però ha abbandonato la città a causa dei numerosi furti e atti vandalici. Ofo invece, altro servizio di biciclette free-floating non ha visto il suo contratto rinnovato. Causa anche la negligenza dei clienti nel parcheggiare le bici in mezzo a strade e marciapiedi, creando disagio sia per i pedoni che per i vari mezzi, pubblici e privati. Il Comune di Milano sta pian piano recuperandone la flotta tra le strade della città.  

Novità assoluta invece riguarda i servizi di monopattini recentemente introdotti in città quali Helbiz, Circ e Lime, anch’essi entrati nell’arena della sharing mobility non senza polemiche, dovute soprattutto al loro utilizzo e velocità di crociera in zone dedicate esclusivamente ai pedoni. 

Il Comune è però riuscito a stabilire delle linee guida per spronare le aziende che si occupano di sharing mobility ad investire su campagne di educazione civica tra i loro consumatori. Da oggi, per ogni monopattino o bicicletta in strada i gestori dovranno investire 10 euro all’anno in comunicazione e informazione agli utenti sulle regole di utilizzo e del codice della strada, anche in forma condivisa con l’amministrazione e gli altri gestori e 100 euro annui per ogni scooter.

Tante dunque le opzioni quindi per muoversi senza inquiare a Milano, città  che sempre più sta investendo nel suo futuro e vivibilità. Infatti, implementare la mobilita sostenibile è un percorso in cui tutti, dai cittadini alle aziende, passando per le pubbliche amministrazioni, scegliamo di condividere un nuovo modo di muoversi consumando meno, un altro piccolo grande gesto per contrastare i cambiamenti climatici a cui stiamo assistendo e per vivere in modo più sicuro le nostre città.

Potrebbe interessarti anche: , Allerta meteo a Milano e in Lombardia: le previsioni per martedì 19 novembre , Oltre 20 mila alberi in arrivo a Milano. Obiettivo 100 mila nel 2020 e 3 milioni nel 2030 , Come cambia piazzale Baiamonti: una nuova piramide tra filari di alberi e mura spagnole , Nel futuro del PalaSharp ci sono le Olimpiadi: «tornerà ad essere luogo dello sport e della musica» , Fridays for Future Milano: dentro al movimento che vuole cambiare il sistema

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.