De Chirico torna a Milano, la mostra a Palazzo Reale: info, orari e biglietti

Mostre Milano Palazzo Reale Martedì 24 settembre 2019

De Chirico torna a Milano, la mostra a Palazzo Reale: info, orari e biglietti

Giorgio de Chirico, Le muse inquietanti
© Giorgio de Chirico by SIAE 2019
Altre foto

Milano - A distanza di quasi cinquant’anni dalla personale del 1970, le sale di Palazzo Reale a Milano tornano ad ospitare le opere di Giorgio De Chirico. Dal 25 settembre 2019 al 19 gennaio 2020 è aperta al pubblico la mostra De Chirico, a cura di Luca Massimo Barbero, che offre una precisa chiave di lettura della sua esposizione: «tutti hanno una propria opinione su Giorgio De Chirico, ma lo hanno guardato e visto troppo poco».

La mostra mette insieme 100 capolavori dell'artista, di provenienza milanese (dalla Pinacoteca di Brera, dall'attiguo Museo del Novecento, dalla Casa Museo Boschi-Di Stefano e da Villa Necchi Campiglio), nazionale e internazionale (dalla Tate Modern di Londra al Metropolitan Museum di New York, dal Centre Pompidou di Parigi alla Peggy Guggenheim Collection di Venezia) e celebra i 40 anni dalla morte del maestro della metafisica. «Nel Novecento si distinguono Pablo Picasso e De Chirico», prosegue Barbero, «ma il primo non esce dalla realtà, la ridipinge, mentre il secondo lavora con le visioni e, quindi, bisogna guardare tutto con massima attenzione: bisogna trovare l'errore, indagare questa pittura magica dove il corpo si sta congelando o scongelando».

Il percorso espositivo è fatto di accostamenti inediti e confronti originali che svelano il fantasmico mondo di Giorgio De Chirico (Volos, 1888 - Roma, 1978): la mostra vuole offrire la chiave d’accesso a una pittura ermetica che affondale sue radici nella Grecia dell’infanzia, matura nella Parigi delle avanguardie, dà vita alla metafisica che strega i surrealisti e conquista Andy Warhol e, infine, getta scompiglio con le sue irriverenti quanto ironiche rivisitazioni del Barocco.

Nel Ritorno del figliol prodigo l'abbraccio è mortale, seppure tra un manichino e una statua di marmo bianco eccezionalmente scesa dal suo basamento. È bastato questo per fare gradualmente tornare umani le due esistenze extra-umane. De Chirico non è mai didascalico, ma è borderline: c'è sempre uno sbaglio, una mano mal rifinita, teste classiche sbilenche, intrusi, nuvole che magicamente mozzano le teste. Teste ritratto che arredano fittamente la prima delle otto sale in cui è suddivisa la mostra.

Numerosi gli autoritratti in mostra. In quello del Metropolitan al posto dell'occhio vi è un foro, che stranisce. Nella prima sala, la madre, una donna dal carattere forte, vicina alla formazione e agli spostamenti dei due figli, è la fotocopia di Giorgio, come ben dimostra anche il doppio ritratto alla finestra. Non manca un omaggio a Friedrich Nietzsche, di cui l'artista copia la posa ed evoca la speculazione filosofica scrivendo in calce al dipinto in latino E cosa amerò se non l'enigma?.

La pittura di genere torna nelle ultime sale, stavolta di paesaggi con ville: ci sono vapori, colori e accostamenti, talora bizzarri. Ottobrata mette insieme elementi tra loro non collimanti: cavalieri rinascimentali, raffaellesche figure e, nel cielo uggioso, una creatura in volo. Tante sono le creature misteriose del pittore. I gladiatori, i bagnanti tra onde a zigzag di Bagni che non possono che essere misteriosi. E le sue creature fantastiche non hanno mai genere.

Ma quanto è femminile l'Arianna del Metropolitan che nella sua posa cita sdraindola l'Endimione dormiente di età classica? E c'è anche l'omaggio a Caravaggio nella Lotta con i centauri, autografato col sangue.

I biglietti per la mostra De Chirico a Palazzo Reale hanno i seguenti prezzi: intero 14 euro (open 16 euro); ridotto 12 euro; ridotto speciale 6 euro; biglietto famiglia 10 euro per 1 o 2 adulti e 6 euro per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni; ingresso gratuito per i bambini fino a 5 anni compiuti. La mostra è aperta al pubblico in orario 14.20-19.30 il lunedì, in orario 9.30-19.30 il martedì, il mercoledì, il venerdì e la domenica, in orario 9.30-22.30 il giovedì e il sabato (ultimo ingresso sempre un’ora prima della chiusura). Per ulteriori informazioni è possibile telefonare al numero 02 92897740.

Potrebbe interessarti anche: , Gianni Berengo Gardin, la mostra a Milano per i 90 anni del fotografo: orari e biglietti , Georges De La Tour, il Caravaggio francese in mostra a Milano: orari e biglietti , Mostre a Milano, il 2020 è delle donne, con Fellini e Chagall. E nel 2021 arrivano Tiziano e Degas , Canova a Milano: info, orari e biglietti delle due mostre sul fondatore della scultura moderna , Da Van Gogh a Picasso: a Palazzo Reale i capolavori del Guggenheim di New York. Info, biglietti e orari della mostra

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.