Giardini nascosti, tram‑ristorante e cucina greca: dove mangiare sul Naviglio della Martesana - Milano

Food Milano Martedì 23 luglio 2019

Giardini nascosti, tram‑ristorante e cucina greca: dove mangiare sul Naviglio della Martesana

© facebook.com/pg/Seven-Casa-Dei-Ciliegi

Milano - La vita notturna dei milanesi, a partire dagli anni Settanta del Settecento, si concentra sul Naviglio Grande, ma negli ultimi anni, il quartiere Isola e il Naviglio piccolo della Martesana sono tra le zone che maggiormente si contendono i nottambuli del capoluogo lombardo.

Il Navillet d'estate - ma non solo - si affolla per rinfrescare le caldi notti cittadine. E sempre più locali si affacciano sulle sue acque, a partire dalla Cascina Martesana, tra i più frequentati e sfaccettati del Naviglio piccolo. Ma quali sono gli altri posti dove mangiare o passare una serata in compagnia? Ecco la mappa, percorrendo l'alzaia da via Bertelli verso via Melchiorre Gioia.

Il primo locale che si incontra è la Tipografia alimentare (TipA): dal sapore vintage, è l'ultimo arrivo con affaccio sul Naviglio piccolo di Milano. Un bel bistrot dove è possibile scoprire e degustare prodotti naturali di nicchia e di qualità con amici, per lavoro, per un momento di relax a colazione, per pranzo e all’ora dell'aperitivo (tuttavia, la cucina la sera è chiusa). TipA organizza regolarmente incontri, corsi, presentazioni, laboratori per bambini, approfondimenti scientifici e tecnici. Ogni giovedì, inoltre, ospita un produttore di vini naturali.

Ma sul Naviglio della Martesana si affacciano anche dei ristoranti: come la Casa dei Ciliegi, del gruppo Seven, suggestiva location con veranda e giardino all'aperto, da sempre impegnata nella ricerca dei prodotti artigianali su territorio nazionale e non, e improntata su quattro aspetti fondamentali: genuinità, naturalezza, artigianalità e sostenibilità.

Poco più avanti, sull'altra sponda, si trova lo storico Ragoo, un discopub con musica indie, rock, funky, revival, ska, soul, raggae che chiama un vasto pubblico dall'ampio giardino esterno affacciato sul Naviglio. Non è difficile ritrovarsi a bere una birra accanto a qualche comico di Zelig, che si trova proprio sopra il Ragoo.

Altro ristorante che si affaccia sul Navillet è il greco Mykonos che mette in tavola prodotti e piatti tipici della penisola ellenica, compresa una selezione di vini e ouzo. Superato il ponte che passa sopra viale Monza, uscendo dall'alzaia, subito a sinistra e alla prima a destra, si aprela Bocciofila della Martesana, ovvero il Circolo Martesana Dance, una vasta pista da ballo incorniciata da bocciofila. Qui d'estate si balla all'aperto in un giardinetto che profuma di tiglio. Nel salone centrale si pranza e si cena con le ricette siciliane di sciura Rosaria e si realizzano attività dedicate al divertimento e al buon vivere della terza età.

Poco più avanti c'è la Bocciofila della Martesana, nata nel 1962 e considerata la più antica di Milano: con ingresso sia dal Naviglio che da via Rovigno, la bocciofila dispone di un salone per pranzi e cene oltre a una pista da ballo. Non di rado sono in programma serate e feste a tema a base di buon cibo e musica live.

Dopo aver superato la Biblioteca di Morando (che comprende le migliaia di volumi e documenti donati da Morando Morandini alla cineteca di Milano) e mentre ci si avvicina sempre di più a via Melchiorre Gioia, ecco che appare il bar Tranvai, dal bancone ricavato dal tram Atm 1522 degli anni Venti, rimasto parcheggiato parallelamente all'alzaia del naviglio: il Tranvai serve pranzi, merende, aperitivi e dopocena all'ombra delle chiome arboree del parco della Martesana.

Poco più avanti, sulla sponda opposta all'altezza della Cascina de' Pomm, La Buttiga ribattezza da pochi mesi lo storico Café Martesana, un angolo di paradiso che spunta sotto il glicine. Se, nel passato il locale vestiva una forma a metà tra bistrot e birreria, ora la Buttiga è una beer-room composta soltanto da spillatori e da sedute che, come nel precedente locale, si sporgono anche sull'affaccio alle acque.

L'ultimo locale da segnalare non si trova proprio sul Naviglio, anzi bisogna spostarsi di qualche chilometro. Superato Melchiorre Gioia, all'altezza del Tombon de San Marc, infine, sfrutta la chiusa dell'Incoronata per allestire il suo open-space Carlsberg Øl, che funziona come risorante-pizzeria, birreria e bar: il dehors esterno si trova affacciato direttamente sulla famosa chiusa di Leonardo.

Potrebbe interessarti anche: , El Porteño diventa Prohibido: ristorante argentino e Casa de Tango per cene e spettacoli , Aperitivi e cene in terrazza a Milano tutto l'anno: 10 location con vista panoramica , Sagre di ottobre 2019 a Milano e in Lombardia: zucca, mostarda, castagne, polenta o vino? , Ristoranti vegani a Milano: dai Navigli a Porta Venezia, i 10 da non perdere , 168 Chinese Township, il ristorante fusion più grande di Milano

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.