Attualità Milano Giovedì 14 febbraio 2019

Area B: quando parte, chi può circolare, orari e deroghe della nuova Ztl di Milano

Milano - Procedono le attività degli operatori di Comune di Milano e Atm per adeguare la città all’entrata in servizio di Area B, lunedì 25 febbraio 2019. Milano cambia aria e accende la Ztl più grande d’Italia che delinea, all’interno del perimetro urbano, circa il 72% dell’intero territorio comunale, un’area a basse emissioni inquinanti con divieto di ingresso ai veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e le moto a due tempi Euro 0, 1 dal lunedì al venerdì, dalle ore 7.30 alle ore 19.30 (esclusi i festivi), con lo stesso orario della congestion charge Area C. L'accesso ad Area B, ove consentito, non è soggetto a pagamento.

A regime Area B sarà presidiata da 186 telecamere piazzate in altrettanti varchi lungo i confini di Milano: lunedì 25 febbraio ne saranno attive 15, per poi arrivare nel corso dei mesi successivi all’attivazione di tutte. L’area soggetta a restrizioni comprende quasi 1.400.000 abitanti (il 97,6% della popolazione residente).

Dopo quello del 25 febbraio, il secondo step di Area B avverrà martedì primo ottobre 2019 con lo stop ai diesel Euro 4, già vietati dal 2017 in Area C. Seguiranno gli altri divieti progressivi per classi di veicoli immatricolati persona e merci a step successivi fino al 2030, quando a Milano saranno vietati tutti i veicoli diesel.

Per consentire la realizzazione di Area B è necessaria una serie di attività preparatorie, prima fra tutte la realizzazione dei varchi di accesso dove le squadre del Comune stanno ultimando il posizionamento dei cartelli di segnalazione e di indicazione dei percorsi alternativi per i veicoli che non possono accedere ad Area B. Nei prossimi giorni saranno sostituiti e adeguati anche i cartelli di Area C, l’area del centro città soggetta alla congestion charge, che subisce alcuni cambiamenti per adeguarsi alla nuova Ztl.

Inoltre, ottenute tutte le autorizzazioni ministeriali nelle scorse settimane, i tecnici informatici di Comune di Milano e Atm stanno adeguando i sistemi operativi e realizzando il sistema di registrazione on line. Proprio per consentire lo svolgimento di questi lavori, lunedì 18 febbraio 2019 non è possibile richiedere pass sosta, permessi per l’ingresso nelle Ztl o nelle corsie preferenziali, né utilizzando il Servizio Pass Online né presso gli sportelli delle delegazioni anagrafiche o presso i comandi di Zona della Polizia Locale.

«Milano cambia aria per alzare la qualità della vita», dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente». L’aria che respiriamo è migliorata ma è ancora sopra i livelli di guardia per le polveri sottili nocive alla salute che dobbiamo abbattere drasticamente. Per questo dal 25 febbraio attiviamo Area B. Il sistema comprende anche soldi immediatamente disponibili alle imprese, per incentivare il ricambio del parco auto senza penalizzare le attività, e di deroghe, per consentire a tutti il passaggio a classi di veicoli che inquinano meno. Siamo certi che le famiglie siano pronte a questo cambiamento».

A partire dall’introduzione di Area B, tra il 2019 e il 2026, secondo le previsioni le emissioni atmosferiche da traffico si ridurranno complessivamente di circa 25 tonnellate di Pm10 allo scarico e di 900-1.500 tonnellate di ossidi di azoto: nel primo caso si tratterà di un’accelerazione immediata con già il 14% di emissioni in meno nel 2019 (-24% nel 2020 e -21% nel 2021); nel caso dell’ossido di azoto il calo maggiore si presenterà tra il 2023 e il 2026 con -11% ogni anno, ma già dal 2019 e gli anni successivi il NOx diminuirà del 5% ogni anno.

Nel 2018 la media annuale delle concentrazioni di Pm10 si è attestata su 33 microgrammi/mc, facendo registrare il risultato migliore dal 2003 e restando sotto il limite europeo di 40 microgrammi/mc. Lo stesso vale per il Pm2.5, la cui media annuale è stata di 23 microgrammi/mc (per la prima volta al di sotto della soglia di 25 microgrammi/mc) e per il biossido di azoto (NO2). Infine, i giorni di superamento dei livelli di Pm10 nel 2018 sono stati 79, il terzo miglior dato dal 2002, meno dei 97 del 2017, ma ancora lontani dal limite dei 35 superamenti annui previsti dall’Europa e soprattutto da una qualità dell’aria soddisfacente.

Area B: le facilitazioni

Al fine di consentire a tutti di adeguarsi alle nuove regole e senza penalizzare l’uso occasionale dell’auto, sono previste alcune facilitazioni per particolari tipologie di veicolo, anche a seconda dell’utilizzo. In particolare nei primi dodici mesi di attuazione del provvedimento tutti avranno 50 giorni di libera circolazione anche non consecutivi. Al primo accesso l’automobilista riceverà via posta un alert che spiega il funzionamento del provvedimento invitandolo a mettersi in regola ma anche ad iscriversi al portale per controllare e gestire gli accessi disponibili.

Dal secondo anno di entrata in vigore di Area B i residenti a Milano e le imprese della città avranno 25 giorni all’anno di libera circolazione anche non consecutivi, previa registrazione al sistema on line, tutti gli altri cinque giorni. Solo all’esaurimento dei giorni di libera circolazione scatterà la sanzione. 
Per conoscere nei dettagli la disciplina di Area B e informarsi sui calendari dei divieti si può consultare l'area dedicata ad Area B del sito del Comune di Milano, dove sono presenti informazione utili, atti e normativa di riferimento.

Area B: gli incentivi

In totale, tra il 2017 e il 2019, il Comune di Milano mette a disposizione 32 milioni di euro per aiutare i milanesi a combattere l’inquinamento, cambiando i vecchi veicoli inquinanti, scegliere modalità di mobilità più sostenibili e migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Nello specifico, sono 8 i milioni dedicati alla mobilità e 24 quelli per l’efficientamento energetico.

Per i veicoli immatricolati persone e merci, taxi e mezzi a noleggio con conducente sono e saranno attivati quattro bandi per un totale di circa 7 milioni di euro di contributi per la rottamazione di diesel euro 0, 1, 2, 3, 4 immatricolati merci e loro sostituzione con veicoli meno inquinanti, e per quelli immatricolati persona anche per acquisto di scooter, biciclette a pedalata assistita e/o pieghevoli, cargo bike e abbonamenti annuali Atm.

Il Comune di Milano ha invece concluso i bandi sull’acquisto dei Fap con i quali in questi due anni ha dato 1.370.800 euro di contributi per 474 veicoli merci. Questi contributi, destinati a migliorare la qualità dei veicoli circolanti, si aggiungono ai 25 milioni di euro che il Comune ha già messo a disposizione dei privati per il rinnovo delle caldaie e dei sistemi di coibentazione degli edifici residenziali. In totale un ingente investimento di 32 milioni di euro.

Potrebbe interessarti anche: , Emergency, a Milano l'incontro nazionale 2019: dalle conferenze al concerto, programma e ospiti , Olimpiadi 2026: le date e quali gare si svolgeranno a Milano e a Cortina , In taxi da Milano agli aeroporti lasciando a casa l'auto , A Milano arrivano i filobus hi-tech, a zero emissioni e con prese usb , Atm Milano, biglietti a 2 euro (e non solo) per metro e bus. Cosa cambia e da quando? Tutte le nuove tariffe

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.