A Genova torna Maledetti Architetti: la città e l'architettura del '900 con edifici aperti e novità

A Genova torna Maledetti Architetti: la città e l'architettura del '900 con edifici aperti e novità

Cultura Genova Giovedì 17 novembre 2022

Clicca per guardare la fotogallery
© Facebook.com/ComunediGenova

Genova - Dopo il grande successo dello scorso anno, da venerdì 18 a domenica 20 novembre 2022 torna Maledetti Architetti (alla seconda edizione, con i tour già sold out da giorni). L'evento è organizzato dal Comune di Genova da Fondazione Ordine Architetti di Genova con l'obiettivo di raccontare la città attraverso uno sguardo tra gli edifici più iconici del '900. Genova è nota soprattutto per la sua monumentalità: dai Palazzi dei Rolli alle chiese barocche, passando per la particolarità del centro storico. Meno conosciute sono le numerose testimonianze che i principali architetti italiani hanno lasciato sul tessuto urbanistico del capoluogo ligure. «Ho fortemente voluto questa manifestazione già dalla scorsa edizione perché Genova, insieme a Milano, è la città italiana con maggiori testimonianze storico-architettoniche del '900 - spiega il cultural manager e organizzatore dell'evento Maurizio Gregorini - A Genova hanno lavorato i maggiori architetti italiani, lasciando tracce indimenticabili e fondamentali delle loro opere e della storia dell'architettura italiana».

Maledetti Architetti si pone appunto l'obiettivo di mettere in luce gli edifici novecenteschi di altissimo pregio, che hanno reso inconfondibile il panorama e lo skyline genovese più recente e lo fa con l'ausilio di filmati monografici, visite guidate gratuite, performance artistiche e mostre, che costituiscono una sorta di mappa ideale delle più pregiate architetture del secolo scorso. Tutto il materiale realizzato sarà disponibile sui canali web e social del Comune di Genova.

Le location visitabili nella due giorni di Maledetti Architetti 2022 sono: il Grattacielo Matitone (1992), il Teatro Carlo Felice (1984/1991), il Palazzo Vietti - Proprietà SIAT (1959), la Facoltà di Economia re la Darsena (1991/1992), il quartiere INA-Casa - Bernabò Brea (1950/1953), Palazzo Tursi - Albini (1951/1964), Castello Mackenzie (1897/1902), Palazzo Rosso - scala e appartamento Marcenaro (1954), ultimi due piani del grattacielo San Vincenzo in piazza verdi a brignole. Il programma degli eventi collaterali e la lista dei variegati tour guidati tra le bellezze architettoniche genovesi sono facilmente reperibili sulla pagina dedicata all'evento Maledetti Architetti, dove è anche possibilel prenotare le visite guidate.

«Anche quest'anno la Fondazione Ordine Architetti di Genova - sottolinea il presidente Pierluigi Feltri - ha deciso di collaborare con il Comune di Genova all'organizzazione di 'Maledetti Architetti', un'esplorazione nella città del Novecento accompagnata da guide d'eccezione, architetti professionisti e ricercatori universitari, ma anche un pretesto per conoscere, apprezzare e, in un certo senso, vivere alcuni dei capolavori di quell'architettura che oggi  il fondamento del nostro modo di lavorare e il punto di partenza per l'evoluzione dell'abitare nella città che verrà».

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.