Teatro dell'ortica, Bonomi: «Presente difficile e futuro da scoprire, progettando il Festival dell'acquedotto» - Genova

Teatro dell'ortica, Bonomi: «Presente difficile e futuro da scoprire, progettando il Festival dell'acquedotto»

Teatro Genova Mercoledì 20 maggio 2020

Mirco Bonomi
© www.facebook.com/teatrortica

Genova - Trasformare la crisi in opportunità. Senza perdere di vista «quell'emozione, che solo lo spettacolo dal vivo è in grado di suscitare». In attesa di tornare in platea il Teatro dell'Ortica pensa a «un futuro tutto da ripensare», a partire dal Festival dell'Acquedotto, appuntamento fisso dell'estate genovese che slitta di qualche mese: «Anziché tra giugno e luglio, come sempre, contiamo di realizzarlo tra fine agosto e settembre», dice il direttore artistico Mirco Bonomi, che, insieme ad artisti e collaboratori del teatro non si è fermato un attimo durante l'emergenza Coronavirus. 

Il lavoro, infatti, si è trasferito in rete, anche se è mancato e manca quel contatto fisico indispensabile nel teatro: «Abbiamo continuato online il progetto di pedagogia teatrale e teatroterapia, con studenti collegati da tutta Italia, con i quali invece prima ci vedevamo nei weekend e a breve stiamo cercando di trovare il modo per avviare delle selezioni a distanza per un bando di formazione di attori». 

Anche il teatro sociale, punto di forza della compagnia, non si è fermato, con alcune eccezioni che il Coronavirus con le sue chiusure purtroppo ha costretto in un angolo: «Il gruppo Stranità, una realtà ormai consolidata, ha continuato a vedersi in streaming, anche se non è sempre facile, visto che spesso, chi ha disabilità ha anche problemi con la tecnologia e lavoriamo anche solo in audio. Abbiamo proseguito anche con i laboratori teatrali per le scuole con un gruppo di studenti tra i 15 e i 18 anni del Majorana e del Marsano, con cui stiamo facendo un lavoro di suggestioni musicali e di raccolta di idee che diventeranno un copione. Anche se lavorare in video non aiuta la concentrazione». Hanno invece subito una battuta d'arresto: «I progetti con il carcere, quelli con le donne che hanno subito violenza e con i senza dimora. Si tratta di situazioni delicate che non è stato possibile agganciare in rete».

Con «un futuro tutto da scoprire e un presente difficile», si guarda al 15 giugno: «La riapertura dei teatri non vorrà dire un ritorno del pubblico in sala, ma cominceremo ad andare in ufficio a turno, ci divideremo per le prove degli spettacoli da presentare per il Festival dell'Acquedotto, rivedendo le distanze, e lavoreremo a un piano B per le emergenze, facendo registrazioni di qualità da avere di riserva nel caso dovessero saltare degli spettacoli dal vivo». Sì, perché il virus ci ha insegnato anche questo, a sfruttare tutte le potenzialità e i mezzi che abbiamo a disposizione per non trovarci impreparati: «Dobbiamo trovare un'opportunità anche nella crisi, che sicuramente ci ha insegnato a usare in maniera più creativa diverse piattaforme e anche quando torneremo a incontrarci quanto acquisito rimarrà» 

L'incognita, invece: «È l’autunno, l'inverno e la prossima primavera, perché non sappiamo quanti saranno invogliati ad andare a teatro con le misure restrittive previste e questo ritengo sia un problema. Anche perché ha delle ricadute economiche non indifferenti che richiedono un sostegno da parte dello Stato: con una moratoria su affitti e spese e con gli ammortizzatori sociali che dovranno proseguire nel tempo». Si lavorerà in perdita, infatti: «Perché lì dove prima per un laboratorio potevi ospitare 30 o 15 persone ora ne possono entrare la metà, e devi lavorare il doppio, stessa cosa per il Festival dell'Acquedotto dove ci sarà una maggiore spesa, ma un minore incasso». 

Potrebbe interessarti anche: , Teatro Carlo Felice protagonista dell'inaugurazione del Ponte sul Polcevera , Barbara Grosso: «Genova dei Festival. Spettacoli in periferia e online. E i progetti per il Balletto di Nervi» , Riparte la programmazione al Teatro della Tosse con Cuocolo/Bosetti , Serena Bertolucci: «Palazzo Ducale è un luogo da vivere, non solo mostre ma anche spazi per la scuola» , Carlo Felice: lo streaming della Tosca di Puccini di Davide Livermore del 2014

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.