Cittadinanza ad arte, la mostra su emozioni e legalità: il progetto per le scuole - Genova

Cittadinanza ad arte, la mostra su emozioni e legalità: il progetto per le scuole

Mostre Genova Venerdì 9 novembre 2018

© Wikipedia

Genova - Amore, odio, gioia, libertà e solidarietà: le emozioni si faranno ammirare a Genova. E con loro anche il concetto, negli anni sempre più dimenticato, di cittadinanza. Rappresentare tutto questo sulla tela non è impossibile, prendendo in prestito le immagini di grandi capolavori della pittura, nati dall'immaginario di artisti come Botticelli, Van Gogh, Picasso e Leoardo Da Vinci. Tutto questo è Cittadinanza ad arte, una mostra al Porto Antico di Genova e insieme un progetto per le scuole: da martedì 13 a giovedì 15 novembre 2018, le opere più famose, rappresentanti le emozioni e utili all'educazione civica, sono in esposizione su pannelli presso il Salone Orientamenti e l'area del Porto Antico. Ma non solo: sono in corso di realizzazione due video della durata di circa 40 minuti ciascuno, basati sui pannelli della mostra, che sono inviati in tutte le scuole genovesi. In questo modo, gli alunni e gli insegnanti, potranno usufruirne senza doversi spostare dalla loro sede. L'assessorato alla Sicurezza del Comune di Genova, nell'ambito delle azioni di sensibilizzazione e di educazione civica, ha fattivamente collaborato alla divulgazione del progetto nelle scuole.

La mostra a Genova è parte integrante di un progetto di edutainement creato nel 2015 in collaborazione con Federnotai, il cui primo passo è stato la creazione, da parte della casa editrice consociata Edicolors, della prima collana di narrativa per ragazzi sulla legalità, dal titolo Acto e Norma. Presentata in anteprima al Congresso Nazionale di Federnotai a Roma il 30 giugno 2015, il progetto ha riscosso grande successo sia tra gli operatori scolastici che tra le istituzioni tra i quali il Ministero della Pubblica Istruzione e l'Associazione della Magistratura Indipedente dell'Anm. Il progetto è stato accolto positivamente dal Comune di Genova, dall'assessore Garassino e dall'assessore regionale Ilaria Cavo di Regione Liguria.

A spiegare nello specifico il progetto di Cittadinanza ad arte è l'editore e proprietario di Edicolors, Pino Repetto: «Perché una mostra sull’emotività e sul concetto di cittadinanza? Perché sebbene ognuno di noi auspica che le leggi possano salvaguardare la democrazia e mantenere saldo il valore di una cittadinanza partecipata autonomamente dal contesto sociale in cui vengono applicate, le statistiche mostrano un deterioramento progressivo del concetto di legalità e rispetto dei rapporti sociali, originando un allontanamento dei giovani proprio dalle Istituzioni. Cittadinanza ad Arte è un percorso che spiega con l’aiuto di opere d’arte, di aforismi letterari, di video e del nuovo linguaggio universale, gli emoticon, i concetti base di emotività e cittadinanza utili a comprendere i fondamenti del vivere insieme e del nostro Sistema Giuridico».

Pino Repetto spiega come si sviluppa il percorso espositivo di Cittadinanza ed Arte: «La prima parte affronta il percorso emozionale del bambino/adolescente illustrando in 21 pannelli i principali concetti dell’alfabeto emotivo in ordine alfabetico. L’analfabetismo emotivo (o analfabetismo emozionale) è, secondo Daniel Goleman, l’incapacità di riconoscere e controllare le proprie emozioni. La prima parte nasce dalla consapevolezza che l’analfabeta emotivo sia incapace di provare empatia e compassione: non accettando l’esistenza dell’altro, diventa imprevedibile e socialmente pericoloso. La seconda parte, composta da 15 pannelli, tratta il tema dell’Educazione Civica e, sempre attraverso il percorso artistico, spiega l’ordinamento dello Stato e le sue principali cariche politiche. Si parlerà degli elettori, del Parlamento, il Governo, i Ministeri e i Ministri, ma anche dei Carabinieri, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza. Le due parti della mostra sono inscindibili e complementari, poiché una consapevole evoluzione emotiva è il primo passo verso una buona educazione civica».

Il percorso vuole essere una piattaforma multimediale propedeutica alle istituzioni stesse e alle scuole, per costruire le basi di un rinnovato tessuto sociale e riproporre il valore profondo della comunità e del rispetto, come spiega Repetto: «La pittura, la letteratura e i video associati ai concetti descritti in mostra, rappresentano gli strumenti più adatti a questo scopo, soprattutto verso i più giovani. Cittadinanza ad Arte è il primo progetto formativo emozionale per la scuola mai realizzato sul territorio nazionale. L’obiettivo è fornire alle istituzioni uno strumento di comunicazione per costruire un progetto che rinsaldi la comunità utilizzando la bellezza dell’arte e il potere della parola, sia quella narrata che quella inscritta nelle leggi. Gli insegnanti delle scuole di Genova riceveranno a dicembre anche un link dove potranno scaricare un libretto contenente tutti i pannelli e un compendio con il quale sarà possibile programmare dei laboratori sugli argomenti trattati. Sono inoltre in preparazione brevi spot della durata di circa due minuti ciascuno da inserire nei circuiti di Facebook e Instagram».

Potrebbe interessarti anche: , La street art di Obey a Genova: la mostra al Ducale. Biglietti, orari e foto , 5 minuti con Monet a Palazzo Ducale: biglietti online e prenotazione , Sirotti e i Maestri a Villa Croce: mostra e foto. «Esplosione di colori ed energia» , Via del Campo 29 rosso: torna la casa dei cantautori genovesi, da De André a Tenco , Il Museo di Villa Croce riapre con la mostra Sirotti e i Maestri, a cura di Anna Orlando

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.