Cingolani, robot e uomo: siamo pronti ad affrontare questa convivenza? L'intervista - Genova

Libri Genova Mercoledì 26 settembre 2018

Cingolani, robot e uomo: siamo pronti ad affrontare questa convivenza? L'intervista

Genova - Ci aiutano nei lavori più noiosi, hanno molteplici applicazioni in medicina e monitorano frane e terremoti contribuendo alla nostra sicurezza. Eppure, il rapporto tra uomo e macchina è spesso conflittuale, tra diffidenza, timori e curiosità. 

Basterebbe però guardare l'insieme da tutte le prospettive possibili che molte paure ci risulterebbero infondate, o quantomeno, governabili. Con questo obiettivo è nato Robotica: tra realtà e fantascienza (2018 Canneto Editore, 80 pp; 10 euro) di Roberto Cingolani (fisico ricercatore e direttore scientifico dell'Iit di Genova) e Alberto Magnani (giornalista scientifico).

Gli autori hanno messo nero su bianco gli stimoli di un dibattito su robotica e uomo emersi in un incontro nella Cattedrale di Genova, e, partendo da domande come: Cosa sono i robot? Possono davvero “rubarci” il lavoro, o possono essere invece dei validi aiutanti per le professioni del futuro?  hanno aperto un dialogo costruttivo su questo fenomeno, sfatando miti e ampliando visioni. D'altronde «Più che cercare di dire che uno è meglio di un altro, cerchiamo di dare a ciascuno il suo ruolo».

Ma siamo proni ad affrontare questo tipo di convivenza?
«La risposta è ni. Cioè, siamo molto pronti a vivere con la tecnologia - ce la portiamo addosso - ma abbiamo più difficoltà ad affrontarla dal punto di vista sociale ed etico».

Alcuni dei dubbi e interrogativi emersi nel dibattito da cui è nato il libro?
«L'aspetto giuridico ad esempio: il giorno in cui la “macchina decide”, noi come tratteremo giuridicamente una decisione sbagliata? Come ci interfacceremo a questo modello di intelligenza diverso?» 

Rispondere immagino non sia facile
«Sì, infatti non ci sono risposte. Ma sono argomenti di cui è importante parlare, perché sono discorsi che ci interessano: non è un'urgenza, ma un problema è sempre meglio porselo prima».

Il timore che i robot possano togliere qualcosa all'uomo è fondato?
«L’umano è imprevedibile, creativo, e questa è la sua croce e la sua delizia. Ma è quello che ci rende unici. L'essere umano è un po' pazzo, ma crea cose magnifiche. La macchina non sbaglierà, ma è noiosa.
Quindi, più che cercare di dire che uno è meglio di un altro, cerchiamo di dare a ciascuno il suo ruolo».

C’è più paura o curiosità verso le "macchine intelligenti".
«C’è un po’ troppa attenzione cinematografica che porta più alla paura che alla consapevolezza. Per questo è importante parlarne, come facciamo nel libro, riportando le persone su una base realistica e meno catastrofista».

Tornando a una delle domande affrontate nel libro e che spesso divide le persone: i  robot possono davvero rubarci il lavoro?
«Ci sono dei lavori di routine, faticosi, che è normale che vadano a diminuire e vengano rimpiazzati dalle macchine. E forse, proprio perché noiosi, l'uomo li ha delegati.
Non dimentichiamoci che la macchina non si autodetermina per rubarci il lavoro. È uno strumento che adottiamo, perché sono cambiate le esigenze. Non è una novità che la macchina sostituisce l'uomo in alcuni lavori, lo hanno fatto le stampanti con gli amanuensi, ad esempio. La domanda che ci si deve porre, invece, è: mentre estinguo i lavori di routine, ne creo di nuovi?»

Oggi però le cose cambiano con più rapidità  
«Sì è vero. Ma il punto è: quanto investiamo sul lavoratore e sulla sua formazione continua. Perché per affrontare questa rapidità del cambiamento tecnologico bisogna fare un salto di conoscenze in avanti che richiede molto impegno che, mi rendo conto, non tutti sono nelle condizioni sostenere».

E allora?
«Se io sviluppo l’intelligenza artificiale devo avere un piano per far crescere e far adattare l’intelligenza umana a quella artificiale. Per non farsi vincere dalla tecnologia bisogna puntare sulla formazione continua delle persone. Non dimentichiamoci che il cervello umano fa cose straordinarie. Io sono un grande fan della tecnologia, ma contesto i dualismi. Alla fine la tecnologia la facciamo noi».

Potrebbe interessarti anche: , Lo Stato Sociale: Sesso, droga e lavorare, un romanzo collettivo per scendere negli inferi della precarietà , Nadia Terranova: «Il desiderio, stimolo per superare i propri limiti». La candidata allo Strega a Genova per Book Pride 2019 , Book Pride 2019, le Stelle polari: il programma degli incontri a Genova. Con Nada, Cognetti e De Gregorio , Tutti i giorni è così, Centazzo svela i segreti di Cala Marina , Centazzo, Il libretto rosso dei pensieri di Miao: istruzioni per una società gatto-comunista

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.