Renzo Piano dona a Genova il nuovo Waterfront di Levante: dal Porto Antico a Punta Vagno

Attualità Genova Martedì 31 ottobre 2017

Renzo Piano dona a Genova il nuovo Waterfront di Levante: dal Porto Antico a Punta Vagno

Waterfront di Levante, rendering
© comune.genova.it

Genova - Dal Blueprint al nuovo Waterfront di Levante. L'architetto genovese Renzo Piano, che ha recententente compiuto 80 anni, ridisegna il Waterfront di Levante e lo dona a Genova. Due anni di lavoro per collegare il Porto Antico a Punta Vagno, con l’idea di fondo di ridare il mare alla città e lo scopo di attrarre nuovi investimenti produttivi, portuali e turistici. Usando proprio le parole di Piano, «il progetto prevede una passeggiata di 2,2 km da Porta Siberia alla Foce, che si chiamerà Corso Italia, per riportare l’acqua dove c’era prima».

In data martedì 31 ottobre 2017, l'architetto Renzo Piano, il sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale Paolo Emilio Signorini hanno sottoscritto l’atto di donazione alla città del Waterfront di Levante da parte di Renzo Piano e della Renzo Piano Building Workshop, rappresentata dall’architetto Stefano Russo.

Nel settembre del 2015, l’architetto Renzo Piano, nello spirito di servizio, di collaborazione e disponibilità nei confronti della città di Genova, aveva donato un disegno d’assieme contenente un approfondimento paesaggistico, infrastrutturale ed urbanistico relativo alle aree di Levante del Porto di Genova denominato Blueprint per Genova.

A seguito dell’evolversi delle dinamiche urbanistiche recenti e degli sviluppi delle attività produttive e nautiche in ambito portuale, nonché alla luce degli ulteriori approfondimenti paesaggistici, urbanistici e infrastrutturali relativi alle aree, la Renzo Piano Building Workshop, d’intesa con le Amministrazioni coinvolte, ha proceduto ad una rielaborazione del disegno d’assieme, definendone una nuova versione aggiornata chiamata Waterfront di Levante, volta a valorizzare le relazioni fra città e mare, in termini di sostenibilità dell’ambiente e di attrattività sociale ed economica delle attività insediabili. Si costruirà meno rispetto a quanto previsto nel Blueprint. Secondo il Waterfronti di Levante, si avranno anche residenze, ma miste e anche di tipo alberghiero per circa 15mila metri quadri.

Il ridisegno della fascia portuale e urbana compresa tra Calata Gadda e Punta Vagno, costituisce un cambiamento della scelta strategica del Comune di Genova che, d'intesa con l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale e la Regione Liguria, rende concretamente possibile, con l'inevitabile gradualità, la trasformazione di quell'area nel proseguimento del waterfront cittadino già attuata a partire dall'expo del 1992, anche allora con il fondamentale contributo di Renzo Piano.

Genova riceverà in dono dall'architetto Renzo Piano anche questo nuovo disegno d'assieme, che conferma l'idea di fondo di stringere ancor più il legame tra la città e il suo mare, offrendo al capoluogo ligure da una lato una identità ambientale unica nel Mediterraneo e, dall'altro, una attrattività sociale ed economica per nuovi investimenti produttivi, portuali e turistici nei prossimi anni.

Potrebbe interessarti anche: , La crociera al cioccolato passa anche da Genova: la prima Eurochocolate Cruise , Aperte le iscrizioni per i nuovi corsi per Entertainer Kids and Adults e Allievo Elettrico/Elettronico , Scalinata Borghese: «riapertura a dicembre 2019», con un anno d'anticipo , Genova, il Museo Luzzati riapre a Palazzo Ducale. E la statua? , Nuovo supermercato Pam a Genova: apertura in via XX Settembre

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.